LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI: Centro direzionale, la lezione di Tange
DONATELLA TROTTA
23/03/2005 Il Mattino




«Il concetto base di questo progetto è di offrire al popolo napoletano un ambiente confortevole, salutare e di grande valore sociale e culturale. Non si tratta solo di un gruppo di edifici ma di un centro amministrativo, di affari e residenziale nel suo insieme unitario, con funzioni interrelantisi tra loro». Con queste parole, l’8 novembre 1982, Kenzo Tange presentava alla città il suo progetto planovolumetrico generale del Centro direzionale: insula avveniristica che si staglia sui binari ferroviari della Stazione centrale in un’area di 110 ettari tra corso Malta, via Nuova Poggioreale e via Taddeo da Sessa. Un’area al centro di molte polemiche, nel corso degli anni, ormai associata al nome del grande architetto nipponico di fama mondiale, ma alla quale hanno contribuito molti suoi colleghi italiani, in particolare napoletani: sin dal 1964, quando Luigi Piccinato individuò nel comprensorio di Poggioreale - localizzazione ancora oggi oggetto di contestazioni - la zona per attuare una strategia di decongestionamento del centro storico dagli uffici amministrativi, poi tradotta in strumento urbanistico con il Prg (Piano regolatore generale) del 1972. «Kenzo Tange è stato grandissimo quando era un architetto che lavorava di persona, prima che la fama internazionale e il suo studio multinazionale lo facessero scivolare in un international style che, per quanto riguarda il Centro direzionale di Napoli, non ha in fondo apportato grandi rivoluzioni rispetto alla progettazione originaria del primo progettista, l’architetto napoletano Giulio De Luca, nel 1975», dice ad esempio l’architetto Massimo Rosi, che di De Luca fu assistente come molti altri colleghi. Parere in parte condiviso dall’architetto Massimo Pica Ciamarra, che al Centro direzionale ha «firmato» tra l’altro le due torri d’ingresso e gli edifici della Regione e ha conosciuto personalmente Tange: «Un vero maestro di stile, affabilità e grande cultura, capace di slanci poetici testimoniati soprattutto dalle opere del suo periodo più fecondo, tra gli anni ’50 e ’60» afferma Pica Ciamarra. «Penso - aggiunge - agli edifici da lui realizzati per i Giochi olimpici di Tokyo, al progetto memorabile per la Baia della capitale nipponica, con gli studenti del Massachussets, o alla cattedrale di St. Mary, sempre a Tokyo. E ricordo di averglielo anche detto, quando andai a trovarlo in Giappone». Un giudizio sul Centro direzionale? «Un’opera di grande interesse dal punto di vista dell’impianto urbanistico, di grande chiarezza, ma nutro qualche perplessità sul disegno delle sagome, che non sembrano appartenere in dettaglio a un architetto di levatura internazionale, esperto di tall buildings e di zone antisismiche come il suo natìo Giappone», sostiene Pica Ciamarra. Piazze e porticati in stile ipermoderno, grattacieli curtain-wall dalle pareti specchianti, un ampio asse centrale verde di passeggio, il Centro direzionale (inaugurato nel 1988) è caratterizzato soprattutto da un aspetto ritenuto rivoluzionario: la separazione netta tra circolazione pedonale di superficie e traffico veicolare sottostante. «Una soluzione indubbiamente innovativa, rispetto al più macchinoso progetto originario di De Luca che ha comunque i suoi meriti purtroppo dimenticati», osserva Michele Capobianco, professore emerito di Progettazione architettonica all’università di Napoli che nei primi anni ’50 condivise un’esperienza collettiva di studio proprio con Giulio De Luca, Enrico Marsiglia e Roberto Mango. Co-autore del Palazzo di Giustizia al Centro Direzionale, Capobianco resta però critico sulla sua localizzazione: «Il Centro Direzionale non ha rapporti con la città storica, né vita oltre gli orari d’ufficio, e questo è un errore. Non si è avuto il coraggio di seguire l’intuizione di Luigi Cosenza, che aveva identificato nell’asse di via Marittima l’area ideale per delocalizzare il terziario ma nel contempo creare alberghi, ristoranti, ritrovi e luoghi di aggregazione necessari per la vita di una città dei tempi moderni, una città di mare come Napoli, proiettata nel futuro. L’unico vero modello di Centro direzionale, da questo punto di vista, è quello di Stoccolma». In realtà, aggiunge l’architetto Nicola Pagliara, Kenzo Tange fu soprattutto un supervisore a distanza del progetto, del quale si limitò a prescrivere una serie di direttive principali (il piano volumetrico, i materiali) per garantire l’unità formale dell’insieme, lasciando poi ai suoi colleghi italiani, e soprattutto napoletani, la progettazione dei singoli manufatti per evitare l’«incubo» di decine di palazzi tutti uguali: «Il suo braccio destro, l’architetto Yamamoto, si avvaleva di due consulenti di Firenze, Pierluigi Spadolini e Gianni König - ricorda Pagliara -. Per me, che avevo in carico un quadrivio molto problematico, fu un periodo durissimo, ricevevo contestazioni continue perché mi ostinai a voler usare marmi policromi anziché acciaio e cristallo. Finché mandai tutte le mie carte a Tange, in Giappone, che mi diede carta bianca lodando le mie scelte e alcune soluzioni progettuali. Fu una grande soddisfazione».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news