LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grandi opere, governo bocciato
Ettore Livini
La Repubblica , 23 marzo 2005

Pochi cantieri, scarsi finanziamenti, privati che non investono. I giudici contabili certificano il flop del programma

La Corte dei Conti: lavori in ritardo. E le banche non rischiano

MILANO — Non basta tagliare nastri, posare prime pietre e partecipare a qualche talk show in tv. L'Italia delle grandi opere berlusconiane viaggia in grave ritardo. Non lo dice solo l'opposizione, ma lo certifica adesso un'impietosa analisi della Corte dei Conti sullo "Stato di attuazione della legge obiettivo", quella che disegna i piani decennali del Governo in materia di infrastrutture strategiche, dalPonte sullo Stretto al Mose di Venezia. La bocciatura dei giudici contabili è a 360 gradi. Le cifre: «II 45,8% delle opere in programma non ha ancora nemmeno la specificazione delle modalità di attuazione- dicono-e il Cipe ha messo a disposizione solo 20 miliardi di euro contro i 196 che servirebbero». Il "Contratto con gli italiani" firmato dal premier prevedeva «l'apertura dei cantieri per almeno il 40% degli investimenti previsti». Ma la gelida logica dei numeri elaborati dalla Corte dei Conti dice che a oggi sono stati "cantierati" lavori per 3,4 miliardi, il 15% dei finanziamenti a disposizione e una percentuale quasi da prefisso telefonico (come direbbe Umberto Bossi) rispetto al totale delle opere previste.
Questa débàcle - dicono i giudici - ha diverse spiegazioni: la prima, più generale, è che «dopo lo slancio iniziale non è seguitala capacità progettuale, né in termini tecnici né economici-finanziari». Con la conseguenza che l'avanzamento dei lavori è «lento e disomogeneo». Colpa della parcellizzazione delle responsabilità a livello locale, dei contenziosi e della scarsità di risorse a disposizione che avrebbe dovuto consigliare una «selezione per obiettivi prioritari» delle opere da eseguire invece che il versamento a pioggia di (pochi) quattrini su tutto il piano. A questo punto «lo stato di avanzamento appare assolutamente marginale rispetto alle dimensioni del programma-sottolinea la Corte - e c'è il serio rischio di una rideterminazione dei costi e degli stessi programmi infrastrutturali».
Un flop secondo la relazione è anche la struttura finanziaria della legge obiettivo con la decisione di eseguire parte dei lavori con lo schema del project financing e l'intervento dei privati. In realtà banche e assicurazioni «sembrano restie ad assumere i rischi connessi alla remunerati-vita delle grandi opere». Un po' -spiegano gli istituti di credito -perché le altre esperienze europee nel campo, come Eurotun-nel, si sono rivelate un bagno di sangue per il settore. Ma soprattutto perché l'incertezza sui tempi di realizzazione rende troppo pericoloso intervenire con capitale di rischio. Le banche così per ora si sono limitate a fare il loro tradizionale compitino: erogare cioè mutui rigorosamente garantiti dallo Stato. Mutui per i quali - fanno osservare tra l'altro i giudici è stata scelta una forma di contabilizzazione nel bilancio pubblico che rischia di inficiare il corretto calcolo dei parametri di indebitamento netto affidati all'Istat.
Dubbi e perplessità della Corte dei conti riguardano anche le modalità di assegnazione e controllo dei pochi cantieri avviati: c'è una«scarsa capacità di monitoraggio» che secondo i giudici genera «rischi intrinseci elevati» sulla qualità dei servizi resi dagli appaltatori. Servono dunque «riscontri metodici e documentati che conferiscano trasparenza a tutto il processo di gestione». Il 72,3% delle «notizie su elementi fondamentali» delle opere, fanno notare i giudici contabili, non è disponibile. Un dato preoccupante per uno dei piatti più ricchi e appetibili (anche per interessi non proprio chiari) tra gli investimenti previsti nel nostro paese.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news