LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tuvixeddu, Legambiente chiede incontro urgente al Ministro Bray: “Area minacciata da degrado e incuria”
Francesca Mulas
15 giugno 2013



La più grande necropoli punica al mondo minacciata da degrado, incuria e inerzia: lo scenario che si prospetta per l’area di Tuvixeddu, nel cuore di Cagliari, non sembra dei più felici. Il quadro poco idilliaco di lavori in corso e monumenti abbandonati è stato raccontato questa mattina dai rappresentanti di Legambiente, associazione che da oltre vent’anni si occupa della valorizzazione del compendio archeologico-paesaggistico di Tuvixeddu e Tuvumannu: per salvare l’area oggi chiedono un incontro a Massimo Bray, Ministro ai Beni Culturali, affinché il sito sia inserito nei piani strategici del Governo e sia finalmente tutelato e fruibile per tutti.

“Mentre cresce l’importanza nazionale ed internazionale del sito, paradossalmente ampie zone del compendio sono interessate da un progressivo degrado”, ha denunciato Vincenzo Tiana, presidente di Legambiente, durante l’incontro con la stampa convocata in uno dei luoghi simbolo della Cagliari antica, la Grotta della Vipera. “Si allunga l’elenco delle tutele nell’area ma stentano ad essere costruiti e resi operativi gli strumenti per arrivare ad una soluzione generale di recupero e valorizzazione: ecco perché gli appelli al Ministero, alla Regione, al Comune, è indispensabile un piano strategico che metta insieme tutte le forze politiche e istituzionali, anche in vista della nuova programmazione economica comunitaria”.

Tuvixeddu-Tuvumannu non è solo archeologia: alla necropoli con tombe ipogeiche di età punica, testimoni di un abitato ricco ed esteso pari solo a quello di Cartagine, e alle tombe monumentali romane si affiancano il sistema minerario attivo dalla preistoria, le postazioni antiaeree della seconda guerra mondiale,le architetture liberty e una grande area verde, il tutto per un’estensione di circa 60 ettari nel centro della città: un patrimonio immenso dove convivono cultura, ambiente e una storia millenaria. L’importanza di Tuvixeddu è nota sin dalla fine dell’Ottocento con le notizie pubblicate da Giovanni Spano; nel 1912 Antonio Taramelli, allora Soprintendente ai Beni Culturali, pubblicava i risultati dei primi scavi archeologici sulle tombe di Sant’Avendrace e negli anni successivi l’area fu interessata da diverse indagini, anche se la necropoli era stata già gravemente danneggiata da attività di cava e tombaroli; dagli anni Settanta furono scoperte e scavate le tombe più ricche, quella di Sid e quella dell’Ureo, con le splendide pitture in stile egizio.

Molti dati su Tuvixeddu sono andati perduti (insieme a tantissimi gioielli e corredi funerari dispersi nel mercato clandestino) ma non c’è dubbio che la necropoli fosse la più imponente ed estesa del Mediterraneo. Negli ultimi anni la situazione già compromessa dei colli è stata interessata da un contenzioso amministrativo-giudiziario tra Comune, regione e CoImpresa: in favore della salvaguardia si sono espressi due anni fa Consiglio di Stato e TAR Sardegna, che hanno sancito ancora una volta il grande valore dell’area e bloccato i lavori di edilizia. “Chiediamo che l’impegno già sottoscritto da tutte le forze politiche regionali sia accolto anche dal Governo”, ha sottolineato il senatore Luciano Uras. “Abbiamo un patrimonio inestimabile ed è giusto che torni ad essere un bene fruito da tutta la città”. Ad appoggiare la richiesta di Legambiente questa mattina anche il deputato PD Francesco Sanna: “il compendio Tuvixeddu-Tuvumannu deve essere non solo conservato e protetto, ma visto come una risorsa culturale ed economica per Cagliari”.

Nell’ottica di salvaguardia e valorizzazione dell’area è fondamentale che le istituzioni trovino un obiettivo comune, come ha ricordato Paolo Frau, assessore all’Urbanistica del comune di Cagliari: “I lavori che il Comune ha avviato nella zona stanno per essere ultimati: dopo sarà indispensabile la collaborazione tra tutti gli enti. La città ha bisogno di riappropiarsi di questo patrimonio, lo dimostra anche l’enorme numero di visitatori che affollano l’area nei giorni di apertura al pubblico”. Durante l’ultima edizione della Settimana della Cultura, lo scorso aprile, il sito di Tuvixeddu è stato il più visitato di tutta l’Italia: la creazione del parco paesaggistico e archeologico non può più essere rimandata.

http://www.sardiniapost.it/cronaca/tuvixeddu-legambiente-chiede-incontro-urgente-al-ministro-bray-area-minacciata-da-degrado-e-incuria/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news