LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ambiente, una legge che è solo una resa



L’articolo di Salvatore Settis “La strana alleanza in salsa verde” (La Repubblica, 1 giugno) e i successivi commenti di Ilaria Borletti Buitoni, Andrea Carandini, Paolo Maddalena ed Ermete Realacci (La Repubblica, 4 giugno) hanno portato alla ribalta la proposta di legge presentata alla camera su “Norme per il contenimento dell’uso del suolo e la rigenerazione urbana” e con essa la questione del governo del territorio nel nostro paese.

Devo dire che leggendo la relazione illustrativa al testo ho tratto la netta – e spiacevole – sensazione che i nodi di fondo di quella questione non siano stati neppure sfiorati. Infatti si argomenta a lungo e correttamente per mettere in evidenza i guasti prodotti sull’ambiente e sul paesaggio dall’uso indiscriminato del suolo, richiamando anche studi e valutazioni effettuati in sede europea. Ma nulla si dice sulle cause che hanno prodotto quegli aberranti fenomeni, vale a dire la perversa congiunzione di interessi tra rendita fondiaria, speculazione edilizia e finanza che ha sempre condizionato le scelte urbanistiche nel nostro paese, e sulla scorta di quelle scelte ha governato le trasformazioni delle città e dei territori.

L’espansione urbana senza limiti e senza ragioni, la crescita e il degrado di immense periferie urbane, l’inquinamento dell’aria e delle acque, la sottrazione di suolo agricolo, l’abusivismo di ogni tipo, il decadimento di interi ecosistemi, le devastazione prodotte dal traffico, la perdita della forma urbis, le alterazioni del paesaggio, sono tutte conseguenze dirette di quel modo di governare città e territori. Di fronte a tutto ciò che cosa fa la proposta di legge di cui stiamo discutendo? Dà per scontato che è questa la situazione, che questo è il modo in cui si fa urbanistica nel nostro paese, che i vari strumenti inventati in questi anni per rendere questo modo sempre più incisivo – perequazioni, compensazioni, diritti edificatori e simili – sono inevitabili e che di tutto questo non possiamo che prendere atto provando a limitare i danni.

Da questa resa incondizionata discendono le varie proposte contenute nell’articolato, basate sul criterio-guida che tutto è monetizzabile.

Siccome non possiamo evitare di subire la «perdita di valore ecologico, ambientale e paesaggistico» del territorio, vogliamo che questa perdita sia remunerata: pagando tre volte gli oneri di urbanizzazione e costruzione, se si tratta di aree naturalistiche; due volte se si tratta di aree agricole; nulla se si tratta di aree edificate (dando per scontato che non hanno alcun valore). Per di più il contributo può essere sostituito con “cessioni compensative” di aree ubicate altrove, che i Comuni dovrebbero poi naturalizzare a loro spese.

Potrei facilmente continuare nel commentare i vari articoli della proposta – alcuni francamente insopportabili – ma devo dire che l’interesse a farlo è molto scarso perché vedo che, ancora una volta, viene completamente eluso il tema di fondo: restituire all’urbanistica la sua dimensione etica e la sua appartenenza pubblica, ovvero i suoi caratteri originari quelli di cui la politica e la cultura italiana sembrano aver perso del tutto la memoria.

Solo ritrovando quella memoria e costruendo a partire da lì sistemi di valori conformati alla realtà attuale sarà possibile affrontare seriamente la questione dei danni ecologici, ambientali e paesaggistici prodotti dal consumo di suolo. Al di fuori di questo percorso non ci sono che tentativi, magari generosi ma del tutto inutili, di contrastare ciò che è incontrastabile.

http://www.europaquotidiano.it/2013/06/06/ambiente-una-legge-che-e-solo-una-resa/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news