LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Siae verso il commissariamento
Vincenzo Chierchia Marco Mele
Il Sole 24Ore, 22/3/2005

ROMA • II nodo Siae è all'attenzione del Governo e il commissariamento dell'ente sembra sempre più vicino. Dopo aver esaminato la questione una prima volta venerdì scorso, quando il ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani ha svolto una relazione sui vertici, il Consiglio dei ministri si appresta a valutare nuovamente la questione giovedì. È possibile che in quella sede ci sia già un pronunciamento per il commissariamento della Società italiana autori ed editori, ente pubblico economico, ma a base associativa. Possibile anche che il commissario arrivi dopo Pasqua. Domani, intanto, è convocata l' assemblea Siae (64 componenti), per valutare accordi in campo assicurativo. Ci saranno anche comunicazioni del presidente (sostituto) Silvano Guariso. Una riunione si terrà oggi ai Beni culturali sui bilanci Siae, approvati dal ministero dell'Economia.
Il ministro Urbani è stato chiamato a riferire con urgenza in Parlamento dall'opposizione. «È una ipotesi sciagurata quella del commissariamento — commenta Giovanna Grignaffini, capogruppo Ds alla commissione Cultura della Camera —. Ci sono tutte le condizioni affinchè i nuovi vertici si insedino e possano operare. Il ministro non perda altro tempo e insedi il consiglio d'amministrazione legittimamente eletto». «Il comportamento assunto dal Governo nella gestione della crisi Siae non è assolutamente limpido — sottolineano i deputati della Margherita Dario Franceschini e Andrea Colasio, autori di interpellanze all'Esecutivo —, vi sono aspetti controversi che inducono a pensare che si cerchi solo di aggravare la situazione, impedendo forzatamente di uscire dall'emergenza per procedere a un indebito commissariamento della Società». Si oppongono al commissariamento anche i grandi editori musicali: «Siamo totalmente contrari — afferma Paolo Corsi, presidente della Fern — all'ipotesi, che non risolve i problemi e per la quale crediamo che non esistano neppure le motivazioni giuridiche».
La vicenda è molto intricata e condizionata anche dai forti contrasti nell'ambito delle organizzazioni che si occupano di cultura e spettacolo. Nata nel 1882, oggi la Siae conta 71 mila soci, 68 mila autori amministrati, oltre 21mila si sono iscritti negli ultimi quattro anni (il 40% ha meno di trent'anni).
L'ente, che ha come campito principale l'esazione del diritto d'autore, ha una struttura amministrativa formata da circa 1.400 persone cui si affiancano 660 mandatari, ossia "agenti" sul territorio. La struttura Siae è mollo ramificata, con 13 sedi regionali e una trentina di filiali. Il volume di risorse sestile dalla Società si aggira sui 700 milioni di euro, di cui almeno 500 relativi ai proventi del diritto d'autore, che vengono riversati ad autori ed editori di vari campi (cinema, musica, lirica, teatro, arti visive, letteratura). L'organizzazione italiana si distingue in campo internazionale (dove prevalgono soggetti privati e differenziato, non un'unica struttura) in quanto la Siae è un ente pubblico economico soggetto alla vigilanza del Governo (ministero Beni culturali).
Negli ultimi anni la vita della Siae è stata tormentata. Dopo anni di commissariamento, dovuti anche alla necessità di cambiare assetto organizzativo, si era giunti nel giugno 2003 all'elezione dell'assemblea e alla nomina del Cda: presidente Franco Migliacci, e otto consiglieri di cui tre nominati dal ministero. Al momento del voto, però, alcune componenti avevano abbandonato l'assemblea. I contrasti sull'esistenza o meno del numero legale hanno portato a una sentenza del Consiglio di Stato nel dicembre 2004 che ha invalidato le nomine di Migliacci e altri tre consiglieri, oggi in attesa di reintegro da parte di Urbani dopo essere stati rinominati, il 21 dicembre, da un'assemblea senza problemi di numero legale. Le commissioni Cultura di Camera e Senato non hanno espresso i propri pareri nei termini previsti. Nel frattempo, si sono palesate tensioni tra il Cda e il direttore generale Gianni Profila, 45 anni, già dirigente dei Beni culturali, arrivato nel 2004. Per il ruolo di commissario circolano già un paio di nomi. Uno è proprio quello di Profila, l'altro è quello di Francesco Sicilia, anche lui tra i dirigenti generali dei Beni culturali.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news