LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli ha un cuore di carta. Colonnese, Guida, Liguori, Pironti: la realtà dei librai-editori
Oliviero La Stella
Il Messaggero, 22/3/2005

Sopravvive a Napoli una specie pressoché estinta. E' quella del libraio editore. Si tratta di un commerciante che la passione per ciò che vende trasforma appunto in editore. Ma non abbandona l'attività di libraio, per il piacere di conservare un rapporto diretto, quotidiano, con il lettore. E' una figura che nel nostro Paese cominciò a estinguersi nella seconda metà dell'Ottocento. Tuttavia a Napoli - come si è detto - resiste e si riproduce, soprattutto nelle vie e nei vicoli della città vecchia, dove il commercio del libro viene esercitato in tutte le sue declinazioni: nei banchetti per la strada che espongono fumetti e libri usati, come in antiche e fascinose librerie antiquarie.
Nel Gotha dei librai editori il posto d'onore spetta senz'altro ai Guida. La libreria Guida, riconosciuta come monumento nazionale dal Ministero dei Beni culturali, è in via Port'Alba. a due passi da uno degli accessi alla città greco-romana. Nel 1920 Alfredo Guida aprì una botteguccia al numero 20. in un palazzo del Seicento. Ora il negozio occupa cinque piani e dal 20 s'è esteso fino al civico 23. Dopo aver consolidato ed esteso l'attività commerciale, nel 1930 Alfredo fece il gran salto, diventò editore. Di saggistica: storia, critica letteraria, storia della letteratura, giurisprudenza, teatro. «Ma dovette fermarsi durante il fascismo, dal quale ebbe qualche fastidio. La libreria - ricorda il figlio Mario - era infatti diventata ritrovo di antifascisti. Inoltre mio padre importava clandestinamente testi proibiti e li diffondeva sostituendone le copertine con quelle di innocui romanzi».
La casa editrice venne rilanciata da Mario negli anni Sessanta, che chiamò a dirigere le collane personaggi come Girolamo Arnaldi, Barberi Squarotti, Firpo, Galasso, Davico, Bonino, Sanguineti, Vattimo. Realizzò sofisticate riviste culturali, dette forte impulso agli incontri e alle mostre. La "saletta rossa" della libreria ha accolto buona parte dei protagonisti dell'arte, della narrativa, della poesia, del pensiero e dell'editoria della seconda metà del Novecento. Oggi Mario, affiancato dal nipote Diego, da una modesta stanza in via Port'Alba governa una casa ed itrice (Alfredo Guida editore) che pubblica 70-80 titoli l'anno (filosofia, storia, storia delle idee, psicologia, critica letteraria) e una catena di dodici librerie, tutte in Campania, sette delle quali gestite direttamente e cinque in "franchising". Ma ciò che sembra più dargli piacere sono, in questi ultimi tempi, le iniziative di promozione della lettura che svolge nelle scuole di Napoli e del resto della regione. Sorretto dalla speranza di trasmettere a tanti ragazzi la passione che ha nel sangue.
Ereditaria è anche la passione di Edgar Colonnese, che con la madre Maria e il fratello Vladimiro si occupa della libreria e della casa editrice fondate rispettivamente nel 1965 e nel 1967 dal padre Gaetano, scomparso un anno fa. Una figura mitica della cultura partenopea. La libreria Colonnese è in via San Pietro a Majella, sotto al Conservatorio, che è proprietario delle mura e da qualche tempo manifesta la volontà di rientrarne in possesso. Il minacciato sfratto ha suscitato - e suscita - la legittima indignazione di molti intellettuali in ogni parte d'Italia. La casa editrice nelle sue pubblicazioni (una quindicina l'anno) non segue direttrici rigidamente preordinate, ma «tematiche istintive e varie», spiega Edgar Colonnese citando il padre. «Lui - aggiunge - riteneva che la sua missione di editore fosse quella di diffondere le idee in cui credeva, puntando a un mercato di riferimento di un migliaio di persone». Ciò nonostante, gli capitò di azzeccare qualche best-seller, come - nel 1978 - le poesie di Totò dedicate a Franca Faldini, che vendettero 50.000 copie. Tullio Pironti, esuberante personaggio dell'editoria napoletana, vanta radici antiche nel mestiere di libraio: «La mia famiglia - dice - svolgeva questa attività fin dal 1799». Lui, però, ha avuto qualche resistenza ad abbracciarla. Da ragazzo preferì dedicarsi alla boxe finché un terribile ko non concluse la sua promettente camera di pugile, rimettendolo sui binari della tradizione familiare. Nel 1972, con un libro sul tragico assalto dei fedayn alle Olimpiadi di Monaco, diventò editore. «Inaugurai in Italia il genere dell'instant book», afferma con orgoglio. Ha pubblicato, fra gli altri, Don De Lillo, Carver, Mahfouz, la Pivano. Quest'ultima gli regalò nel 1987 la prefazione a Meno di zero di Bret Easton Ellis, titolo che si aggiudicò a un'asta nella quale riuscì a battere Mondadori. E Fernanda Pivano ha scritto anche la prefazione di Libri e cazzotti, autobiografia che uscirà ad aprile nella quale Pironti racconta la sua vita eccentrica.
Un'azienda familiare è la Liguori, consolidata casa editrice che sforna più di 100 titoli l'anno. Il "core business" è rappresentato dai testi universitari, nel solco tracciato dai fondatori Amedeo, Giuseppe e Rolando Liguori, tre fratelli che nel 1946 aprirono una libreria in via Mezzocannone. La vicinanza all'Università Federico II creò un rapporto stretto con i docenti, dal quale prese avvio la pubblicazione di dispense e successivamente di libri.
Liguori, Pironti, Colonnese e Guida seguono dunque un destino familiare. Ma, come si è detto, la figura del libraio editore continua a riprodursi. E' il caso di Raimondo Di Maio, titolare della Dante & Descartes, una piccola libreria in via Mezzocannone, «Ho cominciato nel 1984 - racconta - senza soldi, inizialmente vendendo i libri che avevo a casa». Sedici anni fa diventa editore e crea collane e "collanine" (anche volumetti "in trentaduesimo", 7 centimetri per 5 e mezzo) che spaziano dalla letteratura alla filosofia alla storia ma che spesso vanno pure "fuori tema". E' la storia di Attilia Veneruso, che nel 1982 apre una libreria a Capri e nel 1989 pubblica Scrittori stranieri a Capri, primo di 150 titoli in catalogo. Con il marchio "La Conchiglia" propone soprattutto, in raffinate edizioni, testi su Capri di scrittori, viaggiatori, storici e intellettuali. Nel frattempo le librerie sono diventate quattro, tre nell'isola e una (recentemente aperta) a Roma, in via dei Pianellari. E' il caso di Attilio Wanderlingh (titolare di Intra Moenia) libraio, editore e animatore in piazza Bellini, a Napoli, di un caffè letterario. E di tanti altri.
Li accomuna tutti un singolare atteggiamento. Raccontano allo stesso modo, con lo stesso entusiasmo, le "mazzate" e i successi, i best seller azzeccati e quelli falliti, i progetti svaniti e quelli realizzati. Ascoltandoli, si ha l'impressione che le loro storie con i libri siano come storie d'amore. Che si ama ricordare anche se ci hanno fatto soffrire.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news