LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Muti: mi sento la coscienza a posto spero che tutto si risolva al più presto
Andrea Montanari
la Repubblica, 22/3/2005

MILANO —«Sono sereno perché in questa vicenda mi sento in pace con me stesso». Con queste parole ieri il maestro Riccardo Muti per la prima volta ha rotto il silenzio sul caso Scala. Solo poche frasi. Che ha pronunciato al termine dell'audizione finale tra due giovani concertisti, Lorenzo Bonoldi e Andrea Benelli, che ieri si sono contesi il posto del celebre organista dell'orchestra della Scala Francesco Catena, ora in pensione. Un posto da riempire nello stesso organico del Piermarini, che una settimana fa ha sfiduciato il suo direttore musicale, oltre ad aver chiesto la testa del neo sovrintendente Mauro Meli. Da allora Muti ha scelto il silenzio, per immergersi totalmente nella musica. Anche se non ha mai smesso di pensare alla sua orchestra. E la sua uscita di ieri ne è la prova, oltre ad essere la migliore smentita alle voci che lo volevano già dimissionario. In sostanza, mentre mori tutti ancora urlano, il Maestro ha preferito lanciare indirettamente un messaggio di pace. E proprio nel giorno in cui è iniziata la difficile mediazione del prefetto di Milano Bruno Ferrante con i lavoratori del teatro. «Ho la coscienza a posto. E mi auguro che quanto sta accadendo in teatro si risolva al più presto. E soprattutto che si rasserenino gli animi». Come dire: alle polemiche io preferisco il linguaggio della musica.
Muti non lo dice apertamente, ma con un'espressione quasi ironica sembra suggerire a chi ha evocato in questi giorni la rivolta dei musicisti del film «Prova d'orchestra», il finale di un altro capolavoro di Federico Fellini: «La voce della Luna». Quando l'alter ego del regista, Gonnella, interpretato da Paolo Villaggio, dice: «Se tutti facessero un po' di silenzio, forse qualcosa potremmo capire». Ma il teatro deve andare avanti. E così il direttore musicale della Scala ieri pomeriggio era al suo posto. Alla guida della commissione che ha assegnato il nuovo posto di organista nell'orchestra scaligera a Lorenzo Bonoldi, che ha battuto il suo concorrente per 9,50 a 9, al termine di una dura selezione, iniziata un anno fa con ben trenta pretendenti. Nella chiesa di San Vincenzo in Prato, nel cuore di Milano, Muti non si è distratto un attimo durante l'esecuzione del Trio, dell'Adagio e della Passacaglia di Johann Sebastian Bach, tutti brani obbligatori per i due giovani concorrenti. Con gli occhi chiusi e la testa stretta tra le mani sembrava quasi in trance. Nelle pause, sfogliava con attenzione i curriculum dei concorrenti. «Che cosa portano come autore contemporaneo?» - ha domandato a un altro giurato. «Tutti e due Olivier Messiaen». Ha più volte chiesto di interrompere l'esecuzione anche quando l'audizione si è trasferita nel piccolo auditoriurn di via Ariberto per la prova al pianoforte e al clavicembalo. Dalla penultima fila, la R, non si è perso una nota di Domenico Scarlatti, dello Scriabin interpretato da Benelli e della sonata «Aurora» di Beethoven suonata da Bonoldi. Poi è andato via di corsa sulla Bmw d'ordinanza della Scala. Non senza essersela presa con una fotografa che lo ha immortalato: «Come ha saputo che ero qui? Questo è un appuntamento privato». Poi, rassegnato ha allargato braccia tradendo un sorriso: «Spero non comincino a pedinarmi».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news