LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Area archeologica di Santa Venera al Pozzo arriva un'occasione "milionaria" di rilancio
Nello Pietropaolo
LA SICILIA Martedì 04 Giugno 2013




OCCASIONE DI CRESCITA PER IL TURISMO
La valorizzazione del parco archeologico delle Aci ...
Nella attuale situazione nebulosa e incerta che sta vedendo la soppressione di alcuni dei parchi archeologici etnei, avvenuta con decreto regionale lo scorso 29 aprile con conseguenti prese di posizione levatesi da più parti soprattutto dalla società civile, arriva adesso per l'area archeologica di Santa Venera al Pozzo, estesa circa nove ettari, una opportunità rilevante derivante dalla aggiudicazione di un cospicuo appalto.
Sotto l'egida dell'Urega di Catania, sono infatti stati assegnati i lavori indetti dal Dipartimento regionale del Beni culturali, servizio parco archeologico e paesaggistico Valle dell'Aci e delle aree archeologiche del comprensorio acese, relativi ad un finanziamento Po Fers Sicilia 2007 - 2013, finalizzato alla "valorizzazione e fruizione soprattutto dell'area archeologica di Santa Venera al Pozzo", ricadente nel comune di Aci Catena.
La somma a disposizione, derivante da un finanziamento dell'Unione europea, ammonta a 1 milione 560 mila euro di cui 1 milione 305 mila 878 euro par lavori soggetti a ribasso d'asta, 51 mila 636 euro invece destinati ad oneri per garantire la sicurezza nel cantiere che si andrà ad approntare e 202 mila 485 euro per lavori in economia non soggetti a ribasso. Un budget quindi di tutto rispetto, basti solo dire che finora la Regione garantiva a questo sito delle Aci contributi annui per circa 3 mila euro.
Se non vi saranno intoppi e ricorsi, presto così si passerà alla fase operativa che in questo difficile momento per il parco archeologico delle Aci, costituirà di certo un ottimo stimolo per lo sviluppo non solo dell'area ma anche per i territori che vi gravitano cioè Aci Catena ed Acireale, potendo fungere da volano come ulteriore richiamo turistico.
Il progetto volto a migliorare la fruibilità dei luoghi, prevede la realizzazione di un teatro in pietra per possibili spettacolo estivi, il restauro di alcune strutture archeologiche, la sistemazione dei percorsi esistenti ed ancora la manutenzione degli spazi aperti; non mancherà inoltre la realizzazione di un museo virtuale nonché poi di un piccolo museo dei mulini ad acqua che nell'area acese, territorio di Capomulini, risalgono all'epoca romana, con alcune canalizzazioni tuttora visibili. 217 mila euro saranno anche destinati alla esecuzione di scavi archeologici.
Sono state centoquattro le imprese partecipanti alla gara, con tre di esse che non sono state ammesse in fase preliminare non avendo qualche requisito previsto dal bando. I lavori, da svolgere nell'arco di un anno, sono stati assegnati ad una impresa di Agrigento che ha offerto un ribasso pari a 28,984 millesimi, per cui l'ammontare della somma a disposizione ammonta a 972 mila 376 euro. Come prevedono le normative vigenti è stata pure individuata l'impresa seconda classificata che ha sede a Sant'Agata Li Battiati.



04/06/2013



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news