LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa del Casale inaccessibile ai disabili. Troppe barriere, la visita è solo virtuale
Roberto Palermo
Giornale di Sicilia

PIAZZA ARMERINA. I dodici turisti tedeschi non hanno potuto avere accesso ai mosaici Li hanno visti in un video digitale al computer. «Ma neppure in Sassonia va meglio». L'assessore Pagano dispiaciuto per l'incidente: «Vittorio Sgarbi risolverà pure questo problema»
Da Dresda a Piazza Armerina con un autobus attrezzato, ma la Villa Romana l'hanno potuta vedere solo attraverso una visita virtuale all'interno di un istituto scolastico. Il sito archeologico, infatti, non è attrezzato per consentire una visita ai disabili su due ruote. Un gruppo di 12 disabili tedeschi in carrozzella, ieri pomeriggio, le scene musive tutelate dall'Unesco le ha potute vedere solo attraverso un videoproiettore digitale. Il loro tour tra i mosaici al computer è iniziato alle 14.30, quando il loro pullman, proveniente da una precedente tappa a Caltagirone, si è fermato davanti all'Istituto tecnico industriale Ettore Majorana. Qui, all'interno di un'aula, l'inizio della visita virtuale con l'aiuto di un interprete locale. «Si tratta della prima volta che un gruppo di visitatori disabili in carrozzella ha la possibilità di usufruire di una nostra visita virtuale», sottolinea l'imprenditore Ettore Messina, titolare della Sts, una società piazzese che fornisce servizi turistici.
Poi il trasferimento alla Villa Romana per tentare almeno di poter vedere qualche stanza dal vero. Quando il pullman si ferma nell' area di parcheggio, però, in molti preferiscono rimanere sull'autobus. Sanno che l'area archeologica non è attrezzata per le loro esigenze. Per gli accompagnatori si tratterebbe di un faticoso calvario, per i disabili una magra consolazione. Anche volendo, infatti, è possibile raggiungere a fatica poche stanze, tre o quattro sulle trenta del sito, tra radici d'alberi e pietre sui viali e gradini. Nessuno protesta. Qualcuno osa avviarsi verso il sito sottostante e riesce a raggiungere la stanza della «Piccola Caccia» da un ingresso laterale, dopo aver superato in salita diversi gradini tra i viali alberati. Pochi attimi, sulle passerelle la carrozzella rischia di impedire il passaggio degli altri turisti. E poi non si possono certo scendere le ripide scale che a sinistra portano al corridoio della «Grande Caccia». Occorre subito togliere il disturbo e ridiscendere il vialetto. Franz, 50 anni, accompagna la moglie. «Una faticaccia, veniamo da Caltagirone, la situazione non è tanto diversa», sottolinea l'uomo attraverso l'interprete. Lassù, nella Sassonia, la situazione è migliore. Ma le riserve non mancano. «Anche da noi ci sono problemi per le persone in carrozzella...», afferma.
L'assessore regionale ai Beni Culturali Alessandro Pagano è dispiaciuto per questo increscioso incidente.
«Gli ultimi lavori di ristrutturazione della Villa -dice- risalgano agli anni Sessanta e questo problema era già noto. Ora il governo regionale ha nominato Vittorio Sgarbi commissario Straordinario della Villa. Sono certo che Sgarbi risolverà sia il problema delle barriere architettoniche, sia quello più generale della fruizione di uno dei beni artistici più importatiti della Sicilia».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news