LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veneto. Troppo cemento nelle zone a rischio. Ma c' chi autorizza a costruire ancora
Chiara Signoria
Corriere del Veneto 19/5/2013

VENEZIA Secondo i dati dell'Osservatorio Ambiente Italia il Veneto la seconda regione dopo la Lombardia per territorio urbanizzato, l'11% del totale; la media nazionale del 7,6%. La cementificazione non la causa madre di allarmi come quello di questi giorni ma c' indubbiamente una correlazione. Parla il presidente di Legambiente Veneto Luigi Lazzaro. Se consideriamo questo dato in relazione alla popolazione, cio i metri quadrati edificati per abitante, la nostra regione conquista il primo posto: dati Cresme (il Centro ricerche economiche e sociali di mercato per l'edilizia e il territorio) indicano che dal 2002 al 2010 sono stati edificati oltre 148 milioni di metri cubi di cemento per edilizia residenziale, a fronte di 429.274 veneti in pi nello stesso arco di tempo. Oggi il rapporto considerato ottimale sarebbe di 150 metri cubi per abitante: vuol dire che in dieci anni si costruito per ospitare una popolazione di oltre 980 mila abitanti. Le province di Belluno e Rovigo in realt sono poco infrastrutturate continua Lazzari ; il parco regionale del delta del Po un altro elemento che aiuta a sfogare la pressione della cementificazione in queste aree. Tolte loro per, siamo ben oltre il 20% di superficie cementificata! Si costruito troppo.
In una regione in cui 327 comuni (il 56% del totale) sono interessati da fenomeni di dissesto idrogeologico, la questione si fa seria. Se non bastassero la memoria collettiva dell'alluvione del 2010 e l'emergenza sfiorata di questi giorni, di cui subiamo ancora gli strascichi.
L'eccessiva urbanizzazione, specialmente in territori fragili e a rischio, va legata ai cambiamenti climatici dell'ultimo ventennio. Sempre Legambiente denuncia un aumento negli ultimi dieci anni di frane e alluvioni: se fino al 2000 ogni anno questi fenomeni interessavano mediamente quattro regioni, da l in avanti il numero di regioni coinvolte raddoppiato. Cos come sono aumentati i fenomeni meteorologici una volta considdetti eccezionali. Solo dai dati registrati dai pluviometri in occasione dei principali eventi recenti, si nota nelle ore prima di ciascun evento come sia piovuto pi della met di quanto avveniva mediamente in un anno.
Se lo sfruttamento indiscriminato del territorio non l'unico colpevole, da qualche parte si dovr pur cominciare: per ottenere una concessione edilizia si va in comune. Detto fatto: sentito Giorgio Dal Negro, presidente dell'Anci Veneto, l'associazione che riunisce i comuni della regione. Certamente negli anni Settanta e Ottanta le autorizzazioni venivano rilasciate per cos dire un tanto al metro, verso fine anni Novanta si iniziato a riflettere di pi sul territorio e le sue caratteristiche idrogeologiche. Oggi l'attenzione ancora superiore, vuoi per assunzione di responsabilit, vuoi perch i nuovi sindaci hanno una consapevolezza maggiore, vuoi perch la domanda sul mercato edilizio si contratta a causa della crisi dice Dal Negro . I Piani di assetto del territorio che vedo oggi sono molto pi restrittivi e tengono in considerazione il rischio idrogeologico quando c', cos come i piani d'intervento. Parlerei di un'inversione di tendenza sostanziale! Anche se ovviamente, caso per caso, sono i singoli ad essere responsabili di ci che stato fatto oppure no. Davvero?
Eppure, solo un esempio (recentissimo), il consiglio comunale di Vicenza ha approvato la lottizzazione dell'area di Ca' Tosate, di oltre quattromila metri quadrati, che nei giorni scorsi stata sommersa dalle acque del Bacchiglione esondato. Nonostante i tecnici che hanno redatto il piano al vaglio del comune abbiano scritto, testualmente: L'altezza massima (delle nuove abitazioni, ndr) va determinata dalla strada rialzata sopra quota inondazioni. La data sotto al timbro il 7 febbraio 2013. Un ventennio dai mitici Ottanta.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news