LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - LA SPIAGGIA DEI DESIDERI E LA COLMATA DI BAGNOLI
LUCA ROSSOMANDO
DOMENICA, 19 MAGGIO 2013 LA REPUBBLICA - - Napoli



La campagna Una spiaggia per tutti venne avviata poco pi di un anno fa con lobiettivo di spingere lamministrazione comunale a rendere i due chilometri e mezzo del litorale di Bagnoli da Nisida al confine comunale con Pozzuoli una spiaggia a esclusiva funzione balneare, accessibile a tutti gratuitamente. Con il sostegno di 14 mila firme, il comitato promotore riusc a far approvare nel settembre scorso una delibera in cui il consiglio comunale si impegnava, e impegnava la giunta, a porre in essere tutti gli atti necessari per realizzare tale obiettivo. Qualche mese dopo, lidea che Napoli meriti una grande spiaggia pubblica, finora negata nonostante i venti chilometri di litorale a disposizione, tornata dattualit in molti discorsi, e soprattutto nelle parole del sindaco.
La settimana scorsa il comitato Una spiaggia per tutti ha promosso un convegno per fare il punto sulle possibilit di recupero del litorale di Bagnoli. Sono intervenuti amministratori, tecnici, operatori economici e sociali. Un dirigente del Comune di Barcellona venuto a illustrare il percorso che ha portato al recupero e alla gestione di quasi cinque chilometri di spiagge nella citt catalana. Il sindaco di Napoli ha portato i saluti e alcuni dei suoi assessori hanno partecipato ai lavori, ma nonostante queste premesse sono ancora tante le incertezze, i punti oscuri, i passaggi indefiniti. Ancora una volta, per Bagnoli pi che per altre aree della citt, dopo che un animato dibattito ha passato in rassegna le questioni pi delicate, ci si ritrova con i nodi decisivi ancora tutti da sciogliere. Come se il tempo, da ventanni, non volesse passare.
La bonifica lostacolo pi imponente. Tanti milioni sono stati bruciati in passato. Ne restano cinquanta, del precedente programma di bonifica. Il sindaco dice di volerli utilizzare alla svelta, per non perdere anche questi. E pensa alla bonifica di arenili e fondali dalla parte di Coroglio. Il comitato, ma anche alcuni tecnici, chiedono un intervento organico, coordinato, per non rischiare di ritrovarsi punto e daccapo sistemando solo un pezzo per volta. Quello che inquina, sostengono, la colmata. Togliamo prima quella, poi ripuliamo i fondali e infine sostituiamo gli arenili inquinati. Ma ci sono abbastanza soldi per farlo? Un precedente accordo di programma prevedeva 20 milioni per rimuoverla e 40 per trasportarla a Piombino. Ma la colmata, in totale un milione di metri cubi, tutta inquinata? Una parte, quella non nociva, non potrebbe essere recuperata abbassando i costi? E soprattutto, esiste sul destino della colmata una posizione ufficiale dellamministrazione? Dopo le perplessit sulla rimozione espresse dal vicesindaco, lecito domandarselo.
Negli ultimi giorni il sindaco si detto ottimista sul raggiungimento di una soluzione di compromesso per Citt della Scienza, ma non ha specificato quale. Atti ufficiali non ce ne sono. Nello stesso tempo i responsabili del complesso museale hanno dichiarato entusiasti che la loro creatura rester dov, e che il compromesso consister nella rinuncia a mille metri quadrati della precedente struttura. Il fatto che lo spazio che i capannoni occupavano sullarenile di Coroglio era molto maggiore. Questo significa che Citt della Scienza continuer a insistere sul litorale, derogando agli strumenti urbanistici comunali e andando contro una legge nazionale?
Sulla questione del porto, tramontata ormai lidea del porto canale, il sindaco ha ipotizzato di realizzare un approdo
verso Nisida, dove la Nato in smobilitazione. Lassessore allurbanistica, nel citato convegno, senza specificare dove, ha confermato la possibilit di una struttura portuale minima. Il comitato, da parte sua, insiste sullesclusiva funzione balneare, per non vanificare la tanto sospirata bonifica con nuovi fattori inquinanti, e paventando che anche un approdo di ridotte dimensioni sia soggetto a futuri e incontrollati ampliamenti, come accaduto in altri punti del litorale. C infine il nodo delle concessioni demaniali. Quelle esistenti, da anni nonostante linquinamento dellarea, potrebbero godere del rinnovo automatico previsto da una legge nazionale. Il problema che le spiagge e le sponde su cui si aprono ombrelloni e lettini, sono esplicitamente sottoposte al divieto di balneazione. Anche la messa in sicurezza effettuata qualche anno fa, allaltezza della piazzetta di Bagnoli, sul punto di cedere. La ricontaminazione in atto, visibile a occhio nudo. Il comitato, finora invano, ha chiesto allAutorit portuale, attraverso un esposto, di verificare le condizioni in cui i cittadini usufruiscono di quel tratto di litorale.
un caso raro che una mobilitazione dei cittadini, e ancor pi con un obiettivo di tale ambizione, riesca in poco tempo a sollecitare non solo ladozione di atti concreti, ma soprattutto la disposizione favorevole delle istituzioni. Non si pu negare che in questa fattispecie, laccelerazione dipenda in buona parte da un accadimento imprevedibile, di natura violenta e ancora del tutto oscuro come la distruzione di Citt della Scienza. Ma se la volont espressa dal sindaco in questi giorni appare sincera, bisogna osservare, una volta di pi, che ogni dichiarazione dintenti per farsi realizzazione concreta deve transitare per una serie complessa di atti, programmati nei dettagli e scanditi nel tempo, comportando la gestione di molteplici relazioni, spesso lapertura di conflitti, la possibilit di scontentare interessi consolidati. Daltronde, il cammino per cui passa ogni atto di buona amministrazione. E sembra ancora lunico percorribile, se si vuole evitare che anche questa impresa rientri nella ormai lunga lista delle promesse mancate del sindaco.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news