LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

San Bonifacio (VR), ponte della Motta. Il carteggio tra soprintendenti: Ponte di interesse culturale
Corriere del Veneto - Verona 18/5/2013

E Zigiotto avverte: Ora se ne occuper Galan

SAN BONIFACIO L'ultima lettera di una ventina di giorni fa. E secondo il Comune di San Bonifacio la conferma dell'impossibilit di togliere, spostare o modificare il ponte della Motta. Cio quel ponte che da decenni rappresenta il problema idraulico del paese. La missiva, l'ultima di un fitto carteggio tra Soprintendenza regionale e Comune, datata 22 aprile e porta la firma del direttore regionale Ugo Soragni. Nel provvedimento Soragni ribadisce ci che dichiarava meno di un mese prima, e cio che il ponte della Motta dichiarato di interesse culturale ai sensi del decreto legislativo 42 del 2004, e che vi sono incluse le strutture orizzontali e quelle murarie sottostanti il ponte (spalle e plinti). In pratica, non solo lo spalle, come gi si sapeva, ma anche la struttura orizzontale del ponte diventerebbe oggetto di tutela, dichiarandolo, forse, inamovibile.
Questa la conclusione di una vicenda che ha inizio l'anno scorso e che coinvolge, oltre a Soragni, anche altri soprintendenti. Del ponte, infatti, secondo le carte in possesso del Corriere di Verona, sono stati interessati anche Vincenzo Tin, soprintendente per i Beni archeologici del Veneto, e Gianna Gaudini, soprintendente per i Beni architettonici e paesaggistici della provincia di Verona. Il compito di Tin rapido: deve valutare se il ponte sia da tutelare dal punto di vista archeologico. Ma cos non e difatti il soprintendente nel gennaio di quest'anno scrive: Si comunica che l'immobile non di interesse archeologico, ma potrebbe risultare a rischio il suo sedime perch in prossimit di un villaggio di epoca medievale. L'attuale ponte della Motta stato costruito nel 1876, quindi, non c' alcuna possibilit che abbia rilevanza archeologica. Potrebbero avercela, invece, l'area in cui stato costruito o i resti di ponti pi antichi eretti e poi distrutti. A questo punto la soprintendente Gaudini a scrivere una relazione storico artistica di questo ponte della Motta e dei suoi predecessori. A partire dal '300 c' notizia di un ponte che oltrepassa l'Alpone. In origine, per, la sua posizione era diversa dall'attuale, posta pi a nord in un punto dove l'alveo del fiume, come profondit lunghezza e geologia del fondale, permisero pi facilmente la costruzione. Di quel ponte originario, scrive chiaramente Gaudini non rimane nulla. I secoli si susseguono e cos i ponti che le piene si portano via: nel 1615, il pittore Francesco Galeri ne ritrae uno, ma fa notare Gaudini nella sua relazione, che tra il ponte nel disegno e quello attuale ve ne sono almeno altri due: il primo risalente alla met del Seicento in muratura ad arco unico e il secondo nel 1830 in sostituzione di questo, abbattuto dalle acque nel 1812, doveva essere in legno con pile e spalle in laterizio. Il tema delle piene dell'Alpone ricorrente per le sorti del ponte della Motta, tanto che nemmeno il ponte ottocentesco dura molto. Scrive Gaudini: In seguito, l'ennesima terribile piena ripropose il problema del ponte con l'abbattimento del primo manufatto ottocentesco. Per la sua ricostruzione la proposta vincente di un breve concorso indetto dal Comune di San Bonifacio fu quella di un capace ingegnere che utilizz l'innovativa, ma all'estero gi ampiamente utilizzata, tecnica della costruzione in ferro. Siamo giunti cos al 1876 e a Carlo Donatoni, progettista dell'attuale ponte: suo il merito di realizzare un ponte di interesse culturale ai sensi della legge in quanto - secondo la relazione di Gaudini - costituisce un significativo esempio di ponte, le cui caratteristiche squisitamente tecniche rappresentano una sorta di manuale sulle costruzioni in ferro ottocentesche. Letta questa relazione, Soragni, il 28 marzo, decreta che il ponte della Motta di interesse culturale, fatto che rende molto pi complessi eventuali progetti di spostamento del manufatto. Difficile ora conoscere quale sar il destino del ponte costruito nel 1876: Da oggi si dovrebbe occupare della questione anche il presidente della commissione Cultura Giancarlo Galan ha fatto sapere Tiziano Zigiotto dopo averlo informato del problema. Sempre che il fiume non agisca come sua abitudine. Cio come si augurava chi stava sui suoi argini gioved pomeriggio.



news

15-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news