LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MODENA- Terremoto e ricostruzione/Errani: Ci manca un miliardo
Francesco Dondi
Gazzetta di Modena, 17/05/2013


Il presidente a tutto campo sulla ricostruzione: Ci sono ancora tanti temi aperti, ma non arretriamo Un terremotato ha sempre ragione, se ci sono dei problemi la responsabilit nostra e vanno risolti
terremoto emilia fondi ricostruzione case

Vasco Errani sorride. Guarda i numeri, pensa al 20 maggio, alla mancanza di norme, al dramma della popolazione e allo sconforto nel non poter dare risposte immediate e sorride. Lo pu fare perch in un anno la Regione stata in grado di creare ex-novo unesperienza pilota da cui la legge nazionale sulle grandi calamit nazionali dovr attingere a piene mani. Provate voi a scrivere norme senza uno storico, abbiamo dovuto inventarci tutto e questo meccanismo resta flessibile.
Il futuro
Non c un uomo solo al comando, ma un sistema di governo con i Comuni e le Province - dice Errani - Marted ero a Roma in commissione al Senato per ribadire le nostre ultime richieste di miglioramento del decreto 43, quello che di fatto allunga lemergenza a fine 2014. Esenzione dal Patto di stabilit per i Comuni, proroga a dicembre per gli adempimenti fiscali, riconoscimento dei danni al fatturato, oltre a quelle alle strutture delle imprese. In particolare ci sono due questioni a cui tengo molto: proroga a dicembre del meccanismo di prestito per il pagamento di tasse e contributi e operativit del prestito, con interessi a carico dello Stato, anche per chi ha avuto danni indiretti. Il decreto c gi, bisogna renderlo operativo.
Cas e sfollati
Dei 45mila sfollati - aggiunge lassessore Paola Gazzolo - solo 68 persone erano in albergo il 6 maggio. Abbiamo 8.100 domande di Cas, ma erano 15mila). Questa la strada.
I soldi
I 6 miliardi della Cassa Depositi e Prestiti saranno sufficienti per ricostruire case e aziende. Parola del presidente, che per aggiunge: Semmai non dovessero bastare ne chiederemo altri, come abbiamo sempre promesso. Ora in fase di elaborazione il piano delle opere pubbliche (palazzi, monumenti e chiese) che dovr essere finanziato per circa un miliardo di euro. Ecco, questa la cifra che ancora ci manca, ma mi auguro di definire il provvedimento, con relativa copertura economica, entro linizio del 2014. Se cos fosse potremo dire che il terremoto emiliano stato il pi veloce della storia a trovare tutta la copertura economica. Ma fino a quando tutto non sar meglio del 19 maggio 2012 non saremo contenti.
Il lavoro
Il terremoto stato, paradossalmente, unopportunit. Lo dice Errani, lo sostiene anche Emilio Sabattini, presidente della Provincia, come del resto lassessore Muzzarelli. Nei primi mesi del sisma - spiega il braccio destro di Errani - la cassa integrazione nel cratere era arrivata a quota 41mila e 300. Ora abbiamo 2700 persone ancora supportate dagli ammortizzatori sociali. Ci significa che il mondo delle imprese sta ripartendo e c anche chi, grazie agli investimenti fatti, sta avendo un aumento di fatturato.
Rimborso o indennizzo
Vogliamo dare a tutti ci che gli spetta. Ci metteremo un po di tempo ma ce la faremo - anticipa Errani - So che c un dibattito tra contributo e indennizzo, ma per quello che ci riguarda il riconoscimento del danno, dove asseverato e legato al terremoto, per noi un diritto e deve essere coperto fino allultimo euro. Questo lo assicuriamo noi.
La questione dellindennizzo molto calda nella Bassa: il rimborso infatti legato alla normativa vigente, ma in caso di modifica il terremotato si vedrebbe costretto a rifondere personalmente il prestito bancario al momento coperto dalla Cassa Deposito e Prestiti.
Polemiche e manifestazioni
Il 23, a Mirandola, andr in scena ladunata delle associazioni economiche con il supporto di sindacati e comitati. Il terremotato ha sempre ragione - dice Errani - Se ci sono dei problemi spetta a noi risolverli. Abbiamo sempre dialogato con tutti, condividendo e cercando soluzioni a volte complicate, ma necessarie. Lobiettivo comune: ricostruire la nostra terra, garantendoci centri storici pi sicuri e attraenti, senza perdere la memoria storica e senza costruire new-town. Ci stiamo lavorando, c ancora tanto da fare. Non mi do un voto, il mio voto il lavoro. Intanto abbiamo riconquistato credibilit di fronte a tutti, in primis allEuropa. Questo il primo terremoto che arriva sempre prima sul tavolo della Ue e poi a Roma. Non vogliamo che venga aperta unaltra procedura di infrazione. Se non avessimo raggiunto una certa fiducia mai sarebbero stati stanziati i 670 milioni di solidariet.
I sindaci
Al lungo tavolo in Regione siedono Alberto Silvestri, Antonella Baldini e Luisa Turci, oltre che Alan Fabbri di Bondeno. La collaborazione ha dato i frutti sperati - dicono - abbiamo condiviso le strategie e gli obiettivi. Ma non si dica che lemergenza finita perch abbiamo ancora migliaia di persone fuori casa. E fino a quando tutti non saranno rientrati non cederemo di un centimetro. La casa un diritto, come ha detto Errani.
@francescodondi



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news