LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Costiera Amalfitana invasa da alberghi e case senza permesso
Enzo d'Errico
Corriere della Sera, 21 marzo 2005

La Guardia di Finanza: uno scempio alla settimana coperto dall'omertà. A Ravello su 2.500 abitanti 870 domande di condono
«II mare di Vidal e Jackìe nascosto dalle ville abusive»


RAVELLO (Salerno) — Si comincia con una piccola baracca coperta dagli alberi: bastano un po' di ulivi che sono pure compresi nel prezzo. Poi la baracca, in un paio di giorni, diventa un rustico di cemento. E, qualche settimana dopo, voi-là; ecco la villa, pronta per la consegna chiavi in mano. E se non è una villa, è la dépendance di un hotel a cinque stelle o la struttura di un nuovo residence di lusso. Cambia poco. Anzi, nulla. Perché tutto, comunque, è abusivo.
Benvenuti, allora, in Costiera Amalfitana, un tempo «buen retiro» del jet set internazionale e oggi regno dello scempio edilizio. Le foto di Jacqueline Kennedy che si gode il sole di Ravello sono ormai ingiallite, come le pagine scritte da Gore Vidal nell'incanto della sua dimora a picco sul mare. Un'altra istantanea ritrae questo luogo che, anni orsono, l'Unesco inserì fra quelli in dote al Patrimonio mondiale dell'umanità: a scattarla è stata la Guardia di Finanza salernitana dopo tre mesi di controlli sul territorio. L'effetto è disarmante: l'antico volto che affascinò schiere di artisti e intellettuali è
irrimediabilmente butterato da decine e decine di costruzioni fuori legge. Secondo il rapporto delle Fiamme Gialle, pubblicato ieri dal Corriere del Mezzogiorno, negli ultimi novanta giorni è stato tirato su almeno un manufatto abusivo a settimana. Ma a queste cifre vanno aggiunte anche le trenta denunce emesse dai carabinieri durante le loro perlustrazioni.
Pensate che siano i meschini imbrogli di chi vuole farsi una casetta di vacanza a ogni costo? Siete fuori pista. Stavolta il campionario offre mercé di sfarzo. Alcuni giorni fa, ad esempio, è stata sequestrata una villa di 200 metri quadrati costruita proprio accanto all'ingresso della Grotta dello Smeraldo, a Conca dei Marini, poco lontano dalla baia in cui andava a tuffarsi Jacqueline negli anni Sessanta e che fu poi meta di pellegrinaggio turistico per Hillary Clinton, durante il G7 napoletano.
«La speculazione selvaggia sta riducendo uno degli angoli più belli della terra a un termitaio — racconta sconsolato il sociologo Domenico De Masi, presidente della Fondazione Ravello —. La politica dei condoni e l'assenza di controlli spingono chiunque a costruire nel disprezzo delle regole più elementari; un appartamento da queste partì vale come una casa a Piazza Navona. Però qui investi un euro e ne ricavi dieci, tanto sai che prima o poi l'iUegalità verrà sanata. L'unico antidoto al veleno che sta corrodendo la Costiera è la bellezza: bisogna costruire poche cose, ma uniche nel loro genere. Ecco perché a Ravello ci siamo battuti per l'auditorium disegnato da Oscar Niemeyer e il prossimo sei agosto, in occasione dei sessantanni dalla bomba di Hiroshima, dedicheremo una giornata alla salvaguardia del paesaggio, chiamando a raccolta tutti gli ambientalisti».
Eppure proprio a Ravello, uno dei posti comunque meno colpiti dalla speculazione, spunta fuori un dato che meglio di ogni altro restituisce la situazione: su circa 2500 abitanti, le domande di condono presentate durante l'ultima tornata sono state 870. Attenzione, però: il campionario degli abusi va ben oltre le solite ville con piscina. Di mezzo ci sono anche alberghi da mille e una notte. Come l'hotel Santa Costina di Amalfi dove, sbancando la roccia, avevano ricavato quattro suite da sogno. O come l'hotel Luna, che ospitò anche Ibsen, dove era stata realizzata una dépendance di cento metri quadrati. O come il nuovo albergo che stava sorgendo su un'area di cinquemila metri quadri.
«Purtroppo è uno scempio che va avanti da anni — confessa la regista Lina Wertmuller, da sempre innamorata della Costiera —. Sono luoghi meravigliosi che chiunque vorrebbe abitare, perciò i controlli dovrebbero essere severissimi.
Invece non è così e il degrado avanza a vista d'occhio». Anche perché tutto avviene in un clima d'omertà che impedisce interventi tempestivi. «Ormai tolleriamo l'abusivismo come fosse una malattia endemica — spiega lo scrittore salernitano Diego De Silva, autore di «Certi bambini» —. C'è un'inconsapevole connivenza che ha reso deforme l'estetica e appannato lo sdegno. Ci sembra quasi normale che sia così, perfino quando il paradiso si trasforma in inferno sotto il nostro sguardo».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news