LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il compromesso ambientale
Corrado Poli
Corriere del Veneto 14/5/2013

Alla proposta di riforma della legge sui parchi e le aree protette della Giunta regionale, il Pd risponde con una contro proposta ben articolata. Al governo del Veneto va riconosciuto il merito di avere rilevato l'invecchiamento delle norme, ma l'iniziativa criticabile sotto due aspetti. Da una parte affronta prevalentemente i tagli dei costi di gestione senza affrontare la riflessione sulle funzioni delle aree protette nel governo del territorio. Dall'altra separa la conservazione delle aree naturali dalla politica territoriale e urbanistica. Ancor meno la collega allo sviluppo economico.
La proposta del Pd parte da un presupposto diverso e innovativo anche rispetto alle posizioni della sinistra conservatrice tuttora ancorata a un'impostazione vincolistica. Poich le aree protette costituiscono ben il 22% del territorio veneto, si rileva l'opportunit di gestirle in coordinamento con il Ptrc (Piano territoriale regionale) e altri piani, in particolar modo quelli di sviluppo rurale. Parchi e aree protette devono giocare un ruolo centrale nello sviluppo e nella riqualificazione di tutto il territorio regionale: non pi riserve ma parti integrate nelle dinamiche territoriali di tutta la regione. Per esempio, le politiche dell'area termale euganea non possono prescindere da quelle del Parco Colli che rappresenta un valore aggiunto oggi indispensabile per il suo sviluppo. Altrettanto vale per le spiagge e il Parco del Delta o per l'agricoltura specializzata.
La proposta del Pd si discosta dall'idea vecchia dei vincoli che fa percepire le aree protette come zone in cui le popolazioni devono sacrificare lo sviluppo a una pur benemerita tutela della natura. Al contrario, intende attribuire vantaggi - per esempio sottoforma di maggiori punteggi nei bandi pubblici - a chi opera nel Parco, siano essi privati o amministrazioni comunali. Poich i Comuni oggi si finanziano prevalentemente con gli oneri di urbanizzazione, difficile contrastare lo sviluppo edilizio se non si trova una compensazione ai limiti imposti dalle leggi di tutela. Le risorse prodotte da uno sviluppo sostenibile nelle aree protette, nella situazione attuale, non si riverserebbero direttamente nelle finanze locali lasciando il Comune nella necessit di autofinanziarsi. Di conseguenza, la pressione da parte dei sindaci a sfruttare gli introiti da oneri di urbanizzazione, rimane alta. necessario realisticamente operare per evitare con intelligenza questa distorsione della fiscalit.
Fin quando si cominci a parlare di parchi nel Veneto, gli economisti proposero di affrontare la tutela delle aree naturali per mezzo di strumenti economici. Questa stata l'impostazione di maggiore successo nella gestione di parchi e aree protette in Italia e nel mondo. Nel Veneto non lo si nemmeno pensato anche a causa del poverissimo contributo offerto dai comitati scientifici dei Parchi. La riforma delle aree protette anche ostacolata da un pregiudizio che accomuna la sinistra conservatrice e la Giunta: pur giungendo a conclusioni diverse, entrambe ritengono che la maggioranza della popolazione delle aree protette sia contraria alle norme di tutela com'erano un quarto di secolo fa. Di conseguenza i primi vorrebbero imporre norme vincolistiche; la seconda crede di ottenere il consenso lasciando fare tutto il possibile. Questo pregiudizio va superato con coraggio nella convinzione che oggi la maggior parte dei cittadini, soprattutto i giovani, comprende la grande opportunit di sviluppo insita nelle politiche ambientali. L'integrazione dei due disegni di legge porterebbe a una riforma intelligente e opportuna.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news