LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - Nuovo ponte sul Serchio, il comitato si rivolge al Tar
Luned, 13 Maggio 2013

Lostinato e immotivato silenzio della Provincia e del Comune continua a segnare gli eventi legati al nuovo ponte: ci contrasta con le promesse elettorali di dialogo, partecipazione e trasparenza, fatte dai nostri amministratori. Noi tutti siamo favorevoli ad un nuovo ponte, e le istituzioni devono ai cittadini risposte documentate. Cerchiamo le istituzioni, senza attaccare chi non la pensa come noi, ma ci rispondono alcuni comitati, attaccandoci. Una interessante concomitanza. E' con queste parole, e non senza polemica, che il comitato Pro Ponte in giusto loco torna a chiedere chiarezza alle istituzioni e punta il dito contro il fatto che manca lo studio di fattibilit. Non solo: stata trasmessa alla Provincia la richiesta di procedere in autotutela: ovvero, bloccare il progetto per evitare - sostengono i cittadini - anche i danni erariali. Il comitato - prosegue la nota -, nella sua faticosa e meticolosa attivit quotidiana a difesa di diritti e di interessi diffusi, ha evidenziato alcune discrepanze in merito alliter procedurale con cui, per obbligo di legge, si pu decidere di fare e di programmare una nuova opera pubblica. Per i motivi comprovati e noti, come lelevato rischio idraulico conclamato di una estesa zona densamente abitata, la nostra azione civile e democratica, volta ad evitare lattuale collocazione del Nuovo Ponte, cio sulla via di Camaiore, non si ferma alla mera comunicazione. In data 9 Maggio 2013 abbiamo inviato tramite Pec al recapito della Provincia, e per conoscenza al Tar Toscana, la richiesta di attivazione dellesercizio obbligatorio dellautotutela: cos come prevede la legge. Un modo civile e amichevole per dire che i nostri amministratori hanno commesso errori di cui non si sono avveduti, che hanno determinato una programmazione tecnico-economica in grado anche di determinare danni erariali, a causa del lievitare dei costi di un'opera per cui la programmazione non stata eseguita.
Per i membri del comitato gli errori sono svariati. Al primo posto c' lassenza dello studio di fattibilit per il nuovo ponte: strumento obbligatorio per legge - sottolinea il comitato -, per assumere decisioni di investimento da parte delle amministrazioni pubbliche, atto cogente ai fini dellinserimento nel Piano Triennale dei Lavori Pubblici. Perch cos importante questo studio? Perch con esso si devono prevedere tutte le soluzioni alternative, meno costose, meno impattanti, pi efficaci per l'utilit pubblica dell'opera, che comporti il minor rischio idraulico e sia pi funzionale: senza preconcetti, senza visioni aprioristiche. E la prova provata, la garanzia, che un nuovo ponte deve essere fatto necessariamente in un punto piuttosto che in un altro. Se non c non si possono decidere gli investimenti e non si pu dare luogo a Bandi per idee e al progetto preliminare per idee che non si hanno. Lo scopo della nostra azione? Il Nuovo Ospedale non ci ha insegnato nulla? Vogliamo tutelare e difendere il territorio lucchese, i diritti diffusi, i soldi pubblici, la sicurezza delle persone, garantendo una reale e giusta soluzione ai problemi del traffico, volta a migliorare la qualit di vita di tutti. Vogliamo collaborare con le amministrazioni - aggiungono i membri del comitato - per prevenire e scongiurare probabili errori macroscopici, di risalto rilevante per il territorio lucchese, eventualmente viziati da procedure decisionali e amministrative, assunte in buona fede ma non conformi alle norme. Lassenza dello studio di fattibilit, la presenza dei pareri dellAutorit di Bacino, di Soprintendenza, lassenza del parere da parte dellUfficio Provinciale per la Difesa del Suolo, sono elementi che non possono essere ignorati da alcuna Amministrazione in relazione al fatto che la localizzazione del Nuovo Ponte debba essere obbligatoriamente sulla via di Camaiore, alla confluenza con la Freddana e dello scolmatore, andando ad interessare sull'altra sponda edifici che probabilmente dovranno essere abbattuti ed anzi evidenziano tutte le criticit e la validit delle nostre preoccupazioni.
Ribadiamo che non ci interessano le chiacchiere generiche, n le polemiche, n rispondere alle sterili provocazioni. Chi ci attacca si basa solo su valutazioni, legittime, ma al momento prive di dimostrazione ufficiale, di cui chiediamo conto. Le carte che abbiamo sono pubbliche e ufficiali. Non sono interpretabili strumentalmente e faziosamente. Non la battaglia per lorticello, chi non lo vuol capire, nonostante le nostre spiegazioni documentate e tecniche, ci pu omaggiare ancora di essere una controparte legittima, a cui amichevolmente teniamo con rispetto ed interesse, ma che comunque non fa altro che sostenerci involontariamente. Noi vogliamo unire e costruire soluzioni per tutti i lucchesi.
Gli attacchi, le valutazioni, le interpretazioni, legittime, libere e strumentali volte a gettare ombre e discredito verso la nostra azione ci fanno sorridere e ci rafforzano. Pi si parla del Comitato Pro Ponte in giusto loco pi si raddoppia l'effetto del nostro messaggio chiaro e non fraintendibile. Infatti gli aderenti e i simpatizzanti alla nostra azione sono ogni giorno in costante aumento. Cerchiamo l'interlocuzione di quei soggetti istituzionali che tanta partecipazione hanno vantato e che ora, a precise domande, non rispondono, per ottenere quelle informazioni che ci spettano. Vogliamo un dialogo costruttivo, rispettoso, pacifico e scevro da eventuali sinergiche e dissimulate strumentalizzazioni politiche. Smentiteci, ma non basta dire che abbiamo torto: va dimostrato documentandolo.

http://www.luccaindiretta.it/dalla-citta/item/9433-nuovo-ponte-sul-serchio-il-comitato-si-rivolge-al-tar.html


news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news