LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Barletta. L'ombra di Federico
Emanuela Angiuli*
Corriere del Mezzogiorno - Bari 11/5/2013

* Emanuela Angiuli autrice del progetto del Polo Museale Citt di Barletta

La citt medievale e la corte dell'imperatore nelle nuove sale del Museo civico di Barletta

L'allestimento delle sale del pian terreno, affacciate sulla piazza d'armi del Castello, completa il progetto del Polo Museale di Barletta che apre oggi al pubblico con le raccolte di archeologia medievale, dopo le sale del piano superiore destinate alle quadrerie. L'atmosfera che si respira negli ambienti del Lapidario ha il sapore di un grande recupero, come nelle esortazioni che Raffaello Sanzio, nominato sovrintendente delle antichit romane, invia a papa Leone X in una lettera scritta nel 1515: Non debbe adunche, padre Santo, esser tra gli ultimi pensieri di Vostra Santit lo haver cura che quello poco che resta di questa antica madre della gloria e nome Italiano non sia estirpato in tutto, e guasto dalli maligni et ignoranti. Le lunghe vicende infatti che hanno contrassegnato l'accumulo delle pietre staccate da antichi palazzi e da chiese, da tombe e conventi, dalle strade, dalle campagne e dai ruderi rivoltati nelle archeologie del territorio, oggi prendono la forma di un largo palinsesto restituito alla storia, nel quale si raccolgono frammenti architettonici, sculture, ritratti e stemmi incisi sulla pietra, come pagine di un diario cittadino, una sorta di codice diplomatico composto di capitelli fioriti, archetti, cornici, decorazioni gentili, lastre, dediche e intitolazioni che nell'arco di oltre sei secoli raccontano della citt e del suo castello. Pietre di famiglia, verrebbe da dire entrando nella Sala degli Stemmi, affollate di figure araldiche di quanti, trapassando nell'eternit, affidavano alle simbologie del casato la traccia di esistenze terrene trascorse fra guerre, affari, mercanzie, fedelt, rivolte, fra una dominazione e l'altra di svevi, angioini, aragonesi, spagnoli.
Fotografati sugli stemmi medievali scolpiti sulle lastre tombali, sfilano sulle pareti i ricchi signori del periodo pi florido della citt, il '300 del governo degli Angi, quando si espandono i traffici mercantili dell'esportazione del sale e dei cereali coltivati nel Tavoliere. C' il mercante barlettano Nicola Follus, padrone di una barca di piccolo cabotaggio, che nel 1370 fonda una societ commerciale con il figlio di uno speziale; c' il banchiere Ugo de Lilla, la nave a remi con due alberi di Andrea Protomagistro, il leone rampante di Chucius de Comestabile, la signora Vanucia moglie di Marco Pisano, la madre di Donato de Riso, le famiglie dei fiorentini e degli amalfitani. Gigli, conchiglie, stelle, palme, scudi, forbici, colonne, torri, uccelli, di pietra, fanno da preambolo, avanzando, alla Sala dei Cavalieri dove si stagliano le monumentali figure dell'Ordine di San Giovanni Gerosolimitano. Ieratici, composti nel gesto dell'eterno riposo, Guglielmo, Simone, Raynerio, Ferruccio, con i capelli stretti nella cuffia, indossano lunghe tuniche sotto il manto segnato dalla croce dell'Ordine sul braccio sinistro. Pi disinvolto e mondano Michel de Landulfi de Barulo sfoggia un completo quattrocentesco con i calzoni a sbuffo stretti al ginocchio ed un attillato elegante corpetto.
Appena al di l del cavaliere dalla cotta di ferro e lo spadone legato alla vita, reduce da chiss quale battaglia, si sente un suono leggero di acque scroscianti mentre l'immagine di una navicella scorre sull'onda di un mare verde. Il museo medievale cambia improvvisamente registro. Stiamo per entrare nel mondo dell'imperatore che Francesco Di Ciaula, curatore dell'intero percorso, ha chiamato Palatium. E' la magia delle proiezioni delle pagine del De arte venandi cum avibus sulle facce di grandi cubi simili a torri mozzate. Gli uccelli che il re aveva studiato nelle saline di Margherita di Savoia, a Salpi oggi Trinitapoli, in Capitanata o nei boschi di Melfi, si alzano in volo, si poggiano sulle pareti di pietra viva fuggendo il cacciatore, mentre le volte delle sale si riempiono di stelle d'oro. E' come attraversare un percorso iniziatico fra le figure dei codici miniati medievali. L'imperatore appare poeta e verseggiatore, truppe di cavalieri battono le vie della guerra, sculture possenti rubate a Castel del Monte appaiono e si dissolvono ancora sui muri in quello splendido gotico che dal nord Europa anticip sulle colline di Andria la grande stagione del Rinascimento. E mentre sulla pietra delle sale del Castello mani invisibili sfogliano pagine miniate come per un set appositamente allestito, il busto di Federico II aspetta nella sua stanza, come in una sorta di epifania finale.
La scultura dell'Imperatore effigiato in fogge romane a differenza dei suoi avi normanni costruiti a mosaico nelle chiese palermitane, qui una figura reale, fiera, terrena, intrisa del carisma di un'altra religione, quella del sovrano che nutrendosi del proprio culto, sembra riaffermare il ritorno all'ideologia imperiale del mondo classico che segner profondamente l'estetica e la cultura del dominio di Federico II in Puglia e in Europa.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news