LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Scala, Albertini fa largo al factotum della città
Susanna Marzolla
LA STAMPA 19-MAR-2005

Nella sala grande del Conservatorio tutti i milleseicento posti sono occupati, e qualcuno resta pure in piedi, quando alle 20,30, con puntualità scaligera, entrano gli «ammutinati». E tutti i presenti li salutano con una standing ovation: diversi minuti di applausi e grida «Bravi, bravi!», «Tenete duro!». A loro volta gli «ammutinati» applaudono il pubblico; i coristi, in alto sopra il palcoscenico, accennano a una «olà».
Voleva essere un «ideale abbraccio alla città» questo concerto organizzato dai sindacati e dall'assemblea dei lavoratori della Scala. Lo è stato, ma è stato anche qualcosa di più: una eccezionale «prova d'orchestra», o meglio la prova che un'orchestra e un coro come quelli della Scala hanno un valore artistico in sé, indipendentemente da chi li dirige. «Sei meglio di Muti» gridano dal pubblico dopo l'esecuzione della sinfonia da «La forza del destino» di Verdi. Sorride con ironia il «maestro collaboratore» Marco Monari, che ha appena diretto il brano: in quell'incitamento, accolto dagli applausi, c'è tutto il messaggio che l'orchestra voleva dare; la prova della propria bravura. La stessa prova che da il coro eseguendo il brano
«a bocca chiusa» dalla Madama Butterfly di Puccini. E dopo ogni brano sono applausi scroscianti, richieste di bis.
E' palpabile la soddisfazione dei presenti, i musicisti e il pubblici, tutto solidale con gli '«ammutinati'», «questo concerto - dice il comunicato dei lavoratori, letto all'inizio dello spettacolo - avremmo voluto tenerlo nella nostra, nella vostra casa, il Teatro alla Scala, che sta vivendo un periodo difficile della sua gloriosa storia, fatta di arte, di cultura, di indipendenza, di democrazia. Un concerto per chi, come noi, come voi, non rinuncia si principi fondamentali della nostra storia».
Una Milano solidale, di saldi principi (la Milano «antifascista e democratica», si diceva una volta) contrapposta a una Milano mercantile che ai principi ci bada sempre meno: il senso della lotta dei lavoratori della Scala, per chi è venuto al Conservatorio ad applaudire, è proprio questo. E al maestro Riccardo Muti, che nessuno nega essere un grande direttore, viene rimproverato proprio di essersi identificato con questa seconda Milano con il (qui) detestatissimo sindaco Gabriele Albertini.
Il quale Albertini si trova adesso, obtorto collo, a cercare di ricucire un difficilissmo rapporto tra il direttore d'orchestra, il sevrintendente, gli amministratori e gli «ammutinati» del teatro. Per intanto ha chiesto al prefetto Bruno Ferrante - che già gli aveva fatto da mediatore con i tramvieri ribelli - di dargli una mano. Lo ha definito, invero, un semplice «assistente alla promozione del dialogo perche - sostiene -in questo caso non ha l'autorità necessaria per fare il mediatore». Però Albertini sa benissimo di non poter essere lui in prima persona a gestire i colloqui con i lavoratori: «Non lo riconosciamo come interlocutore», hanno detto senza mezzi termini i sindacati. E il prefetto, che li ha già convocati per lunedì? «Apprezziamo - dice Giorgio Roilo, segretario della Camera del lavoro di Milano - che l'interlocutore sia una figura istituzionale come il prefetto Ferrante, ma la riuscita o meno della mediazione dipenderà principalmente dalle aperture a cui sarà disponibile il consiglio di amministrazione della Scala».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news