LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Facciamo il museo della gente di mare
MARIO GENCO
La Repubblica 09/05/2013, pagina 1 sezione PALERMO





MODESTA proposta per creare a Palermo il pi grande straordinario e unico Museo della marineria siciliana. Destinatario della proposta il titolare della Soprintendenza del Mare della Regione siciliana, professor Sebastiano Tusa. Sparpagliati negli archivi delle Capitanerie di porto della Sicilia, dove spesso gli archivi consistono in magazzini strapieni di scatole, di cancelleria e modulistica assortita, di vecchi mobili dismessi, e tanta polvere, esistono e resistono al degrado e ai tarli enormi registri - dimensioni: lato lungo, 61 centimetri; lato corto, 43 centimetri; in estensione aperta 86 centimetri - zeppi di nomi. I nomi delle generazione marinare che hanno navigato nei compartimenti marittimi siciliani.

I primi registri di quello di Palermo - che andava da Castellammare del Golfo a Cefal - risalgono al 1860 e continuano sino ai nostri giorni: capitani e direttori di macchina, ufficiali, nostromi, marinai, mozzi, insieme con i nomi delle navi su cui erano imbarcati e le rotte seguite, i naufragi, le scomparizioni in mare per tempeste, i morti di guerra a cominciare da quelli di Lissa fino alla mattanza immonda dell' ultimo conflitto, gli atti di eroismo e le infamie, gli ammutinamenti e le diserzioni.

Sono i registri della "Gente di Mare di Prima categoria". Ogni Capitaneria delle altre citt siciliane di mare ne ha. n compendio universale di letteratura e di storia navale scritta in pillole, nella lingua scabra ed essenziale degli Applicati, che in poche righe riuscivano a compendiare decenni di vita marinara nello spazio regolamentare previsto. In altri volumi narrata la vita delle navi: dal varo alla cancellazione, per vetust o affondamento, con i nomi degli armatori che si avvicendarono negli anni: sono i Registri del naviglio, che per sono custoditi da una sezione diversa da quella della Gente di Mare. Ora, questa imponente documentazione, trascorsi i tempi previsti, per legge dovrebbe essere versata agli Archivi di Stato, che per non hanno spazi e personale sufficiente per prenderli in carico, se non solo formalmente. Perci i registri giacciono dimenticati e solo per caso riescono a emergere. Come accaduto a quelli della matricola della Gente di Mare di Palermo, affidati all' quipe di un professore universitario per un lavoro di ricerca sull' emigrazione, sponsorizzato da una storica compagnia di navigazione palermitana, la Pietro Barbaro Spa, che si offerta anche di restaurare i volumi malconci, che sono tanti. S, e poi? Ci sono secoli di storia sepolti, o meglio annegati l dentro. la storia navale di Palermo, e delle altre citt siciliane di mare, dalla fine del diciottesimo secolo ai primi decenni del ventesimo. Storici accurati hanno scandagliato quasi tutto della citte dell' Isola intera: economia, industrie, agricoltura, usi e costumi, tic e infamie - da Romualdo Giuffrida a Francesco Renda, da Orazio Cancila a Francesco Brancato, Simone Candela, Rosario La Duca, Massimo Ganci, Rosario Lentini, per citare i pi assidui. Ci hanno raccontato con ricchezza di documentazione come si vivesse e morisse, ci si arricchisse, che cosa si producesse, si esportasse e si importasse. Su tutto e tutti, prevalenti, l' epopea e la mitologia dell' et dei Florio. Poco, pochissimo sull' epopea marinara e sugli uomini di mare che quei traffici resero possibili, in un tempo che solo sul mare si spostavano uomini e si scambiavano merci. Chi ha mai sentito parlare di loro? Perduti alla memoria. A questo punto, la proposta la seguente: sia la Soprintendenza regionale del Mare, d' intesa e in sinergia con gli Archivi di Stato e le Capitanerie di porto, a riunire, raccogliere e restaurare tutti i Registri custoditi nelle varie sedi, inclusi alcuni fondi attualmente presenti negli inventari degli Archivi di Stato. In quello di Palermo, per esempio, ci sono i Rapporti e Testimoniali de' Capitani marittimi, nel fondo Ministero e Segreteria di Stato presso il Luogotenente generale / Tribunale di Commercio, testimonianza preziosa sulla navigazione palermitana nel Mediterraneo e negli oceani: sono i resoconti che i capitani dovevano rendere al Magistrato Supremo Guardiano del Porto e al presidente del Tribunale di Commercio al ritorno da ogni traversata. Sono raccolti in registri, molti dei quali sembrano anch' essi scampati a malapena alle tempeste che vi si raccontano, e alcuni sono tanto deteriorati da essere stati dichiarati non consultabili. In attesa di restauro... Che cosa ne dice, professor Tusa: sar possibile mettere insieme questo straordinario, grande archivio navale, che sarebbe unico in Italia?



news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news