LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Goldin guida il pubblico dal palco e racconta la storia del paesaggio
D.O.
Corriere del Veneto - Verona 9/5/2013

VERONA Quasi tre secoli raccontati attraverso i paesaggi. A partire dal Seicento, quando accadde qualcosa di magico e di segreto nella storia dell'Arte. Dipingere la natura, da attivit disdicevole, un passatempo per signorine, secondo la vulgata dell'epoca, divent un nuovo genere artistico. A parlare Marco Goldin, direttore di Linea d'ombra, ideatore della mostra Verso Monet - storia del paesaggio dal Seicento al Novecento. Ieri sera la grande presentazione - spettacolo al Teatro Filarmonico, con Goldin nelle vesti di Virgilio e la presentazione, quadro per quadro, dei novanta dipinti che, dal 26 ottobre, saranno ospitati in Gran Guardia. Nomi imponenti, come lo stesso Claude Monet, a cui sar dedicata gran parte della rassegna.
Un'autentica mostra nella mostra, la sezione che vedr protagonista l'impressionista francese, con 25 quadri, tra cui alcune versioni delle Ninfee, paesaggi della costa normanna, fino all'isola veneziana di San Giorgio Maggiore catturata al tramonto.
Tele che arrivano sia da musei europei, come il National Museum of Wales, sia americani, tra cui il Boston Museum of Fine Arts. Tra i nomi pi noti al grande pubblico figurano certamente Vincent Van Gogh e Paul Cezanne. Del primo ci sar il celebre Uliveto e i Campi di grano in un paesaggio collinare, dipinto nel 1889. Del pittore francese che apr al cubismo la mostra esporr La diga di Franois Zola. E ancora: un Paesaggio tahitiano e Neve a Vaugirard di Paul Gaugin, le Case ai piedi di una scogliera di Edgar Degas, La Senna a Chateau di Renoir. Ampia la selezione anche per i romantici dell'Ottocento, con opere di Caspar David Friedrich (Mare al chiaro di luna), di Turner (Paesaggio con fiume e montagne in lontanza) e di una vecchia conoscenza della Gran Guardia, Camille Corot, suo il Viale alberato nei pressi di Ville- d'Avrai. A rappresentare il Settecento e i suoi vedutisti, nomi come Francesco Guardi, Canaletto (con la Veduta di Venezia da piazza San Marco) e Bernardo Bellotto.
La mostra sar caratterizzata da un percorso cronologico, che spiegher la genesi del genere pittorico paesaggistico. Alle origini, due pittori francesi, Nicolas Poussin e Claude Lorraine, attivi in Italia, i primi ad uscire negli spazi aperti per portare la natura autentica, loro contemporanea, nello studio dell'artista. Una rivoluzione che cambier il modo di intendere l'arte, aprendo alle grandi sperimentazioni dei secoli successivi.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news