LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

OLTRE IL TARDOANTICO - La realpolitik di Costantino
Federico Gurgone
il manifesto 2013.05.08 - 10 CULTURA







Al Colosseo, luogo archetipico della martirologia, con la mostra sull'imperatore vengono celebrati i 1700 anni dell'Editto di Milano che concesse la libert di culto ai cristiani
Il 2013, sulla scia di due ricorrenze propizie, invita a riflettere intorno alle radici classiche dell'Europa, attanagliata dalla crisi identitaria seguita al collasso del secolo breve. Il bimillenario della morte di Augusto, il divo laico che ha teorizzato il sistema politico grazie al quale trov coesione l'Impero al suo apogeo, verr commemorato il prossimo ottobre da un evento senza precedenti alle Scuderie del Quirinale. Costantino, che con una svolta assolutistica inaugur lo spartiacque del Tardo-antico, trainando la romanit in un Medioevo meno mediterraneo e pi europeo, sugli scudi da ottobre, quando fu inaugurata, presso il Palazzo Reale meneghino, la mostra Costantino 313 d. C. (www.mostracostantino.it).
L'esposizione, progettata dal museo Diocesano di Milano e curata da Gemma Sena Chiesa e Paolo Biscottini, approdata al secondo anello del Colosseo. La impreziosisce una sezione originale dedicata all'Urbe, su idea di Mariarosaria Barbera, soprintendente per i beni archeologici di Roma e autrice dei recenti scavi che, nell'area di S. Croce in Gerusalemme, hanno aperto una finestra inedita sull'et costantiniana.

Affetto da gigantismo
Nell'Anfiteatro Flavio, luogo archetipico della martirologia, saranno celebrati fino al 15 settembre i 1700 anni dell'Editto di Milano: il documento che concesse la libert di culto ai cristiani, ancora sconvolti dalle repressioni di Diocleziano. Era stato Galerio, il 30 aprile 311, nell'attuale Sofia, a promulgare l'attesa disposizione che, l'anno successivo, i due Augusti, Licinio in Oriente e Costantino in Occidente, si limitarono a ratificare da Mediolanum con una missiva indirizzata al governatore della Bitinia.
Il cruciale testo dell'Editto di Tolleranza giganteggia all'inizio del percorso espositivo, introducendo i volti dei protagonisti di tale rivoluzione religiosa. Spicca una statua seduta di Elena, i cui lineamenti sono stati rilavorati su un marmo greco di et antonina, accompagnata da figure femminili caratterizzate da elaborate acconciature a bande ondulate sulla fronte. Conclude la galleria di ritratti Costantino, l'autocrate che volle soprastare ogni suo predecessore. Da qui, la predilezione per il gigantismo, come palesano i calchi in gesso dei frammenti del colosso bronzeo dell'imperatore conservati nei musei Capitolini: la mano sinistra che sorregge un globo e la testa, alta quasi 2 metri. Colpisce lo sguardo ammaliante, profondo e immobile: Flavio Valerio Costantino - bono generi humani creatus - si vedeva procreato per il bene del genere umano.
Conversione sincera, suggellata dal battesimo in punto di morte del peccatore che aveva ucciso un figlio, o ipocrita realpolitik, alla ricerca di un instrumentum regni al passo con i tempi, certo che le vicende legate alla battaglia di Ponte Milvio segnarono una netta cesura nella storia antica. Il 28 ottobre del 312, Costantino sconfisse l'usurpatore Massenzio nei prati tra il Tevere e la via Flaminia. Il giorno precedente, lo racconta Eusebio di Cesarea, i suoi occhi profondi e immobili avevano avuto una visione: una croce di luce si era frapposta tra loro e il sole, accompagnata da lettere greche tradotte in latino con la massima in hoc signo vinces.
L'emblema scelto da Costantino per celebrare il trionfo, logo semplice quanto efficace, fu il chrismn, monogramma costituito dalla sovrapposizione delle prime due lettere greche del nome di Cristo, X (chi) e P (rho): segni grafici che riprendevano una simbologia solare invalsa presso gli adepti del Sol Invictus, che onoravano il proprio dio il 25 dicembre. Grazie all'esercito vincitore, il chrismn si diffuse velocemente in tutto l'Impero. questo uno dei leitmotiv della mostra, la cui parte migliore, tuttavia, coincide con la bonus track riservata a Roma.
Straordinaria la forza evocativa delle punte di quattro lance da parata e di quattro portastendardi e dei tre scettri, con raffinati globi di vetro verde e calcedonio, rinvenuti nel 2005 da Clementina Panella alle pendici nord-orientali del Palatino. Le analisi rendono plausibile la pi affascinante delle ipotesi: si tratterebbe delle insegne di Massenzio, avvolte nella seta e nascoste in custodie di legno, all'interno di una fossa, affinch non cadessero nelle mani di Costantino, che aveva fatto decapitare il rivale prima di gettare il suo cadavere nel Tevere.
Notevoli anche i reperti rinvenuti alle spalle di S. Croce in Gerusalemme, dove nel III secolo era stato costruito il cosiddetto Palazzo del Sessorio. La villa fu scelta come residenza da Elena, luogotenente nella metropoli del figlio che, in 31 anni di regno, vi risiedette appena pochi mesi. Le decorazioni architettoniche e le ceramiche in catalogo testimoniano, nella loro quotidianit, la diffusione del cristianesimo: un mattone bipedale reca impresso un pesce stilizzato - ideogramma dall'acronimo greco di Ges Cristo Figlio di Dio Salvatore -; bolli laterizi sono segnati con un chrismn.
Dal retrogusto pagano, al contrario, il tesoretto rinvenuto nel 2007 in un edificio presso la via Laurentina. Delle 49 monete, 8 sono state coniate dalla zecca di Roma, nel 313 d. C.: l'effige di Costantino abbinata alla legenda Soli Invicto.
La scoperta pi recente, risalente al passato luglio, spetta all'Universit di Tor Vergata. Tra i corredi femminili individuati in una tomba della basilica di papa Marco sulla via Ardeatina, databili tra fine IV e met V secolo, si segnala una collana con fermaglio a disco in lamina d'oro lavorato a giorno, con un chrismn tra le lettere alfa e omega.
Gli oltre duecento pezzi esibiti al Colosseo provengono da musei italiani e europei: Vienna; Parigi; York; Treviri, Colonia e Mainz; Budapest; Zajecar e Novi Sad (Serbia); Celje (Slovenia). Non tanto le sculture e i rilievi, quanto i pannelli didascalici, poco propensi a raccontare il Costantino profano, e l'attenzione privilegiata sulla diffusione nel continente di oggetti religiosi, dalla croce trionfale alle fibule a croce, fino al chrismn - una carta tematica ne evidenzia il successo, dalla Britannia ai Balcani -, vogliono documentare un'Europa che costruisce la sua fisionomia geostorica grazie al collante del cristianesimo. Di siffatto processo, un conciliante Costantino sarebbe il principale artefice, secondo un'interpretazione che ha suscitato le polemiche, tra gli altri, del rabbino capo Riccardo di Segni.

Biopic da riordinare
L'attitudine liberale dei romani, de facto, inizi a declinare proprio a partire dall'atto legislativo che i curatori milanesi identificano con l'inizio di un'aurea Et della Tolleranza. Estrema conseguenza del nuovo ordine fu l'Editto di Teodosio che a Tessalonica, nel 380, proib i riti non cristiani in tutte le province di un Impero che mai, in precedenza, si era riconosciuto in una religione di Stato.
Bastano pochi dati per capire la complessit innovativa della geografia costantiniana. L'Augusto nacque nel 274 a Naissus, la moderna Nis, in Serbia. A Eburacum, la York inglese, fu acclamato imperatore dalle truppe del padre; ad Arles spos Fausta; mor nel 337 a Nicomedia, vicino a Costantinopoli, la seconda Roma che aveva fondato sul Bosforo, secondo i riti pagani della tradizione, l'11 maggio del 330 d.C.
Con la sconfitta di Massenzio, anche il baricentro dell'Italia si spost a nord, dove assurse al rango di capitale Milano (interessante la app sulla citt scaricabile gratuitamente dal sito) e sbocci Aquileia, con cui la mostra si conclude, insieme a una panoramica sui monumenti costantiniani di Roma, con una ricostruzione in computer grafica dell'arco onorario ai piedi del Colosseo.
Il catalogo (18 euro) stato realizzato dalla casa editrice Electa, a cura di Mariarosaria Barbera. Si consiglia una lettura degli interventi della stessa soprintendente (Costantino e Roma) e dell'epigrafista Gian Luca Gregori (Costantino nell'epigrafia di Roma). Ai due studiosi tocca l'onere di rimettere ordine scientifico tra le pillole indorate di un biopic su Costantino inchiodato al 313 d. C.
Anche nel 2012, la mostra storica pi visitata a Roma, organizzata quella volta nei musei Capitolini, concedeva alla chiesa l'occasione di narrare, dal proprio punto di vista, il passato del Vecchio Continente. Lux in Arcana, tra i 100 documenti dell'Archivio segreto Vaticano esibiti in anteprima sul Campidoglio, non mancava di presentare al pubblico la donazione di Costantino: il falso attestato di origine del potere temporale dei papi, esecrato gi nel XIX canto dell'Inferno da Dante, che lo credeva genuino.
Il filologo Lorenzo Valla, che nel 1440 ne svel la contraffazione, sottopose al vaglio sottile dell'intelletto umano anche uno scritto attribuito a Costantino il Grande, santo e simile agli apostoli - isapostolos - per la Chiesa d'Oriente, figlio di Sant'Elena, la scopritrice della vera croce. Nasce cos l'umanesimo: la laicit e una storiografia lucida, dal principio, ne sono i capisaldi.

http://www.ilmanifesto.it/area-abbonati/ricerca/nocache/1/manip2n1/20130508/manip2pg/10/manip2pz/339955/manip2r1/archeologici/


news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news