LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Investire nell'arte? E' un buon affare
p. l. f.
La Stampa 18/3/2005

ROMA. Investire in cultura conviene». Sarà questo il titolo dell'imminente libro bianco del ministero per i Beni e le Attività Culturali che si prefigge di aprire gli occhi al Paese e cambiare le strategie degli investimenti. Insomma, spendere in cultura significherà spendere meglio e arricchire l'Italia. Lo ha anticipato lo stesso ministro Giuliano Urbani intervenendo ieri sera a Roma nell'ex Chiesa di Santa Marta alla presentazione della seconda edizione del Rapporto sull'economia della cultura in Italia 1990-2000.
Per meglio riassumere i dieci anni presi in esame dal rapporto e il periodo successivo fino ai giorni nostri e per il prossimo futuro Urbani ha usato un esempio zoologico: «lo sviluppo del settore nel 1990-2000 è stato, ahimè, quello di una lumaca che si é mossa troppo lentamente anche se nella direzione giusta; dal 2000 ad oggi la lumaca é andata un po' più svelta; da oggi in poi è necessario un salto di qualità. Occorre spendere in cultura perché c'è una convenienza collettiva del Paese. E l'Italia non può perdere assolutamente questo treno. Altrimenti rischierebbe la decadenza».
Il ministro ha ricordato che il turismo delle città storiche va a gonfie vele, ma è ancora incredibilmente sottovalutato: «a Venezia, ad esempio, tutti conoscono piazza San Marco e il ponte di Rialto, ma solo in pochi visitano le altre numerose meraviglie offerte dalla città lagunare». A suo parere, il turismo, che da oggi il 12% del PIL, può benissimo raggiungere in breve tempo anche il 16-18%.
Il Rapporto sull'economia della cultura in Italia 1990-2000 è condensato in un ponderoso volume di 776 pagine, curato da Carla Bodo e Celestino Spada ed edito dal Mulino con l'Associazione per l'economia della cultura. Erano presenti anche specialisti come Sabino Cassese, Enzo Cheli, Paolo Leon, Pio Baldi e Sandro Cappelletto.
Questi in sintesi i risultati nei quattro macrosettori esaminati nel rapporto: conservazione e valorizzazione dei beni culturali in forte sviluppo, crescita rallentata dello spettacolo dal vivo, lettori in calo e imprese più deboli nel settore editoria e mercato audiovisivo strozzato dal duopolio Rai-Mediaset.
L'ambasciatore Boris Biancheri, presidente della Fieg e dell'Ansa, ha tenuto a precisare che nel decennio 1990-2000 l'editoria si é indebolita: i lettori di quotidiani sono rimasti 6 milioni come nel 1935. Ma rispetto a 70 anni fa sono lettori più «attivi» perché all'epoca il quotidiano rappresentava l'unica fonte di informazione, mentre oggi le notizie si possono apprendere in diversi modi (radio, tv, internet, ecc) e al quotidiano si chiede approfondimento, analisi, cultura in senso lato. Viceversa per Biancheri «è sbalorditivo» che sia quasi raddoppiato il numero di libri venduti in edicola insieme ai giornali. Infatti nel periodo 2000-2004 gli italiani hanno acquistato ogni anno 100 milioni di libri in libreria (esclusi quelli scolastici), mentre ben 80 milioni di libri l'anno sono entrati nelle nostre case attraverso le edicole.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news