LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bush vuole la Manifattura
Paolo de Anna
La Nazione - cronaca Firenze 16/3/2003



La Manifattura tabacchi in vendita al migliore offerente e il Comune non ha alcun diritto di prelazione sulla vasta area delle Cascine. In lizza per l'acquisto sarebbe il gruppo americano Carlyle, in cui George Bush padre ha interessi, e che ha gi comprato dal Demanio 36 immobili in varie citt d'Italia.

La Manifattura di via delle Cascine, realizzata negli Anni Trenta su disegno dell'architetto Lando Bartoli e grazie ai calcoli dell'ingegner Pier Luigi Nervi, un edificio monumentale vincolato dal ministero ma stato reso vendibile in via di urgenza con un colpo di mano del ministro Tremonti, attraverso la legge 27 del 21 febbraio scorso. Il grande complesso, che conta 13 edifici su un'area di 8 ettari, cosi finito nell'allegato B della legge, al numero 11 dell'elenco, che comprende 27 tra manifatture e depositi dell'ex Ente tabacchi situati in tutt' Italia. L'articolo 7 della legge spiega che per riequilibrare la finanza pubblica il complesso viene dismesso in via di urgenza secondo criteri e valori di mercato. L'Agenzia del demanio autorizzata a vendere a trattativa privata, anche in blocco, e la vendita fa venire meno l'uso governativo, le concessioni in essere e l'eventuale diritto di prelazione spettante a terzi.

Il gruppo Carlyle ha gi acquistato un lotto di immobili dello Stato a Roma, Milano, Genova, Bari, Napoli, Ancona, Rimini e Reggio Emilia per 230milioni di euro: un'operazione che ha acquisito 290mila metri quadrati nei centri storici delle citt o in zone ad alto pregio a un prezzo inferiore agli 800 euro al metro. Un vero affare, anche perch dopo lavori e ristrutturazioni saranno rivenduti o affittati per uffici e negozi.

La holding, che si chiama Carlyle solo perch i soci fondatori si ritrovavano nell'omonimo albergo di New York, un investitore finanziario internazionale nato nel 1987: ha pi di 14 miliardi di dollari in gestione ed presente in 11 paesi nel mondo con 18 uffici. Gli investimenti in Italia sono gestiti dalla sede di Milano, presieduta da Edoardo Lanzavecchia.

La transazione che ha acquisito i 36 immobili, il 24 febbraio, ha portato il gruppo a quadruplicare le sue propriet in Europa. La strategia di investimento di acquistare edifci commerciali in Francia, Italia e Germania, che poi per il 60% saranno offerti ristrutturati a imprenditori che operano in settori di elevato livello, per il 30 % da rivendere subito e per il 10% da vendere dopo alcuni lavori. Il lotto acquisito il penultimo venduto dalla societ Scip, la Societ per la cartolarizzazione di immobili pubblici.

Gli interessi del colosso multinazionale, che in Italia sono stati rappresentati anche da Letizia Moratti prima di essere nominata ministro, spaziano in vari campi, dal settore militare e aerospaziale all'energia, dalle telecomunicazioni ai trasporti, all'immobiliare. I rappresentanti del gruppo sono personaggi provenienti dai quadri alti delle amministrazioni di Bush e Reagan: presidente e capo dei manager l'ex segretario della difesa Usa Frank Carlucci e tra i soci ci sono lo stesso George Bush padre, l'ex segretario di stato James Baker e l'ex premier inglese John Major.



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news