LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La via breve alla vendita dei Beni Culturali
Salvatore Settis
La Repubblica, 4 settembre 2002



Come cambier la tutela e la gestione dei Beni Culturali in Italia? Lo sapremo presto. Per sette mesi una commissione, nominata dal Ministro Urbani nel dicembre 2001 e presieduta da Gaetano Trotta, ha lavorato a un nuovo progetto, consegnato lo scorso luglio ma non ancora reso pubblico. un progetto come tanti, destinato ai patrii archivi? Si direbbe di no, dato che nel frattempo una legge-delega (nr. 137 del 6 luglio ) ha dato al Governo amplissima facolt di legiferare su "riassetto e codificazione in materia di Beni Culturali", in particolare mediante "la codificazione delle disposizioni legislative in materia di Beni Culturali e ambientali" (art. 10). La legge prescrive di "aggiornare gli strumenti di individuazione, conservazione e protezione dei Beni Culturali" ricorrendo a fondazioni e accordi fra Stato, Regioni e privati, il tutto "senza determinare ulteriori restrizioni alla propriet privata". Due pi due fa quattro: la legge delega consente al governo di modificare anche radicalmente le leggi di tutela, il Ministro ha gi in mano un testo pronto, che il governo pu, se crede, adottare con procedura abbreviata senza andare in aula, ma passando solo attraverso le Commissioni parlamentari.
Attenzione alle date. Il 15 giugno veniva convertito in legge , con qualche correzione, il decreto sulla dismissione del patrimonio artistico e storico di propriet pubblica in funzione della "Patrimonio SpA", della "Infrastrutture SpA" e delle cartolarizzazioni escogitate da Tremonti . Lo stesso 15 giugno il Capo dello Stato scriveva al Presidente del Consiglio una preoccupata lettera che era e resta l'unico richiamo al destino del nostro patrimonio culturale dettato da alto senso istituzionale e non da improvvisazioni avventate. All'allarme di Ciampi, Berlusconi ha risposto (28 giugno) che "la nuova normativa postula il mantenimento di tutte le garanzie previste dalla legislazione vigente ", e ha escluso ogni intervento normativo di correzione o chiarimento.
Questo richiamo alle regole non convince nessuno. Prima di tutto, la "legislazione vigente" prima del 15 giugno vietava l'alienazione del patrimonio artistico di propriet pubblica, e la legge Tremonti la rende invece possibile, con la debole garanzia di una previa intesa fra Ministro dell'Economia e Ministro dei Beni Culturali. Ma c' di pi: che senso ha richiamarsi alla "legislazione vigente" il 28 giugno, quando gi era all'opera una commissione incaricata per l'appunto di riscrivere le leggi di tutela? E se era gi pronta la legge del 6 luglio con la delega al governo a rivedere l'intera materia? Come mai Berlusconi scriveva a Ciampi richiamandosi alla "legislazione vigente" negli stessi giorni in cui il suo governo era al lavoro per modificarla ?
La tutela del patrimonio culturale in Italia ha una storia istituzionale e civile che viene da lontano (dagli Stati pre-unitari), ed anzi la pi antica e gloriosa del mondo. Da sempre il suo punto essenziale il nesso forte di musei e monumenti col territorio in cui sono incardinati: e proprio al prodigioso continuum fra citt, paesaggio, musei si deve l'unicit del caso Italia, il suo massimo fattore di attrattivit e competitivit. Ma l'altissimo tasso di conservazione del patrimonio nel nostro Paese non sarebbe stato possibile senza la lunga tradizione delle leggi di tutela. Fu da quella cultura istituzionale e civile che nacquero le leggi di tutela dell'Italia unita, fino alla legge 1089 del 1939, le cui norme sono state recepite nel Testo Unico dei Beni Culturali (1999). Per quanto adottata in epoca fascista, quella legge fu il punto di riferimento al momento di scrivere la Costituzione della Repubblica, e ne ispir uno dei principi fondamentali, l'art. 9: La Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. La Corte Costituzionale ha intanto chiarito (sentenza 151/1986) che l'art. 9 sancisce la "primariet del valore estetico-culturale", che non pu essere "subordinato ad altri valori, ivi compresi quelli economici", e pertanto dev'essere "capace di influire profondamente sull'ordine economico-sociale". Precisamente il contrario della ratio politica e giuridica della legge sulla Patrimonio SpA con quel che segue; una legge che capovolge uno dei principi fondamentali della nostra Costituzione per trasformare i Beni Culturali in una mera riserva di risorse economiche.
Dopo la spinta a privatizzare la gestione dei musei (Finanziaria 2002) e la legge sulla "Patrimonio SpA", dobbiamo dunque aspettarci fra poco una nuova legge di tutela. Che senso ha, infatti, la delega a codificare in materia di Beni Culturali a tre anni dalla redazione di un Testo Unico, se non c' il progetto di modificarlo in modo radicale? Non questo un tema che meriterebbe, nel Parlamento e nel Paese, un'amplissima discussione? L'appuntamento con una nuova legge di tutela importantissimo: si coglier l'occasione per correggere le storture delle leggi precedenti, in particolare di quella sulla "Patrimonio SpA"? O se ne approfitter per allargare le maglie della tutela, per introdurre una pi o meno selvaggia deregulation, per semplificare vendite e dismissioni, per cedere spazio ai privati senza garanzie istituzionali ? Intanto, in veloce sequenza, la Gazzetta Ufficiale del 6 agosto ha cominciato a pubblicare elenchi di beni pubblici che potrebbero essere dismessi; intanto i nostri vicini di casa ci giudicano. Per citare un solo esempio, il 22 agosto la Sddeutsche Zeitung ha commentato quegli elenchi con un articolo intitolato, in italiano, "Vendesi Italia", sottotitolo: "Il catalogo questo: uno Stato vende la propria cultura". Ne riporto solo la conclusione: Chi non si accontentasse di quello che viene ora offerto non ha che da pazientare, si sa come vanno queste cose: prima viene la paccottiglia, poi l'argenteria di casa, e i gioielli arrivano in fondo. Altri cataloghi seguiranno prima della fine dell'anno; in essi i tesori artistici e storici in svendita verranno elencati e prezzati al centesimo. Chiaramente, l'Italia sta per privatizzare il proprio passato e la propria bellezza. Berlusconi passa per un fautore della modernizzazione, ma queste misure non hanno nulla di moderno, ricordano al massimo qualche burocrazia di corte settecentesca. I moderni, al contrario, hanno capito da gran tempo che cultura e bellezza sono parte essenziale delle infrastrutture di un Paese.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news