LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ITALIA - Beni Culturali e cantieri: un’agenda per il nuovo ministro
Paolo Conti
Corriere della Sera, 03/05/2013


Tra gli impegni del nuovo titolare del Miur: il rischio stabilità per i cantieri della Metro C e il restauro del Colosseo

Ogni volta che un ministro per i Beni e le attività culturali si insedia, fatalmente si ritrova sul tavolo un pacco di pro-memoria. Ieri il ministro Massimo Bray ha simbolicamente inaugurato il suo mandato raggiungendo Pompei in treno (viaggio assai movimentato, come testimoniano le cronache). Il che significa che la sua attenzione per il patrimonio italiano rispetta le doverose priorità. Quindi siamo certi che, al più presto, il ministro farà il punto sulla vastissima questione romana. A partire dal Colosseo. Da due punti di vista.

Primo. La stabilità del monumento e i lavori per la Metro C: se ne sta interessando la Corte dei Conti dopo una denuncia di Italia Nostra, di cui parliamo ampiamente oggi sulle nostre pagine. Secondo. Il mega-cantiere finanziato dal famoso intervento di Diego Della Valle ma ancora fermo a causa degli inevitabili ricorsi e contro-ricorsi.
Siamo il Paese (e la città) in cui la cultura del sospetto toglie spazio a molti progetti, anche quando (come nel caso del Colosseo) l'accordo Stato-privato prevede esplicitamente che Della Valle non può tecnicamente impossessarsi del logo del Colosseo. Questo genere di approccio, in una stagione in cui non esistono i fondi, approda a una sola conclusione: meglio che il Colosseo si degradi ancora piuttosto che sia un privato a sostenere le spese del restauro e del ripristino.

Dunque, il primo punto nell'agenda romana di Bray dovrà essere proprio il vecchio Colosseo. Secondo punto. Converrà al ministro, magari quando sarà insediato il nuovo sindaco (o confermato l'attuale) arrivare a un chiarimento di fondo con l'amministrazione capitolina. Troppo numerosi, recentemente, gli attriti tra Comune e Stato. Un esempio tra i mille possibili, la polemica sul famoso palco elevato per la manifestazione pro-Marò. Liti del genere rappresentano un'offesa a tutti i cittadini, che hanno il diritto di vedere la stessa mano pubblica (locale o nazionale) lavorare in piena concordia.
Terzo punto. Il ministro farebbe bene ad attivare l'alta sorveglianza, da parte della soprintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici di Roma su Villa Borghese. Il meraviglioso parco è stato di nuovo concesso in uso gratuitamente a una società privata che organizzerà l'81° edizione del Concorso ippico. Negli anni scorsi (l'archivio fotografico del Corriere della Sera è a disposizione, ma basta chiedere agli Amici di Villa Borghese) la villa ha subìto danni notevoli. Per due mesi i viali sono strapieni di mezzi pesanti e auto che scorrazzano tra bambini e passanti.

Un controllo da parte della mano statale sarebbe a dir poco doveroso. La lista potrebbe continuare, ma c'è un'ultima questione che è in realtà la prima. Il discusso bilancio di Sandro Bondi come ministro per i Beni Culturali contempla però un merito assolutamente indiscusso: il vasto vincolo su ciò che resta dell'Agro Romano, al centro di mille appetiti edilizi. Siamo certi che il ministro Bray confermerà quella scelta, che tanto fece infuriare l'attuale amministrazione capitolina e la precedente presidenza della Regione Lazio. Massimo Bray sa certamente che un bene paesaggistico consegnato ai nostri figli è un patrimonio irripetibile che resta. Una devastazione rimane una devastazione. Purtroppo incancellabile.

Paolo Conti
3 maggio 2013 | 8:18



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news