LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La forza dell'identità culturale: 2000 progetti per ricostruire la memoria storica del Paese
Leonardo Rizzo
Indipendente 18/3/2005

Il carattere di un popolo è «la sua storia, tutta la sua storia, nient'altro che la sua storia». Benedetto Croce evidenziava così quanto l'identità nazionale e culturale sia inevitabilmente il prodotto di un continuo mutamento. Ma qual è, allora, l'identità italiana? La nostra storia infatti, dallo scontro cattolico-risorgimentale alla "morte della patria" datata da Ernesto Galli della Loggia con l'8 settembre 1943, porta i segni di una costante fragilità identitaria.
Una questione su cui riflettere soprattutto oggi. Il rischio «che i processi di mondializzazione dell'economia» portino «alla vittoria delle omologazioni sulle specificità», come ha scritto Gennaro Malgieri su L'Indipendente, non si è ancora concretizzato, ma «non è detto che questa sinistra prospettiva sia definitivamente tramontata». Come nota Malgieri, la situazione è difatti ambivalente: se «il tentativo di rendere l'umanità uniforme caratterizza la nostra epoca, adesso vengono date delle incoraggianti risposte nel senso della difesa delle differenze».
Tra queste risposte rientra, e assume un carattere di grandeinteresse, l'iniziativa voluta dal Consiglio Nazionale delle Ricerche e in particolare dal suo vicepresidente, Roberto de Mattei: un milione e mezzo di euro, dei quali un milione per under 35, volto a finanziare 139 progetti di ricerca su "L'identità culturale come fattore di integrazione". L'iniziativa costituisce un primo stanziamento di risorse (che nel 2005 verrà ripetuto con un importo raddoppiato rispetto al 2004) e si inserisce nella prospettiva della costituzione, da parte dell'ente, di uno specifico Dipartimento delle Identità Culturali. Un concorso accolto con grande successo: quasi duemila le domande di partecipazione e circa 900 quelle dei giovani.
Il Cnr, solitamente identificato con le scienze naturali, con questa iniziativa riafferma la sua funzione tesa alla ricomposizione del sapere, che, per essere tale, non può prescindere dalle scienze umane. E, inoltre, affronta un tema di rilevante attualità. «Da un lato, infatti», spiega de Mattei «il processo di globalizzazione rischia di mortificare la varietà culturale, di tradizioni e linguistica, con l'affermazione dell'inglese quale idioma universale, che costituisce un'imperdibile ricchezza. Dall'altro le tensioni prodotte dalla società multietnica in cui viviamo, se lasciate allo scontro ideologico, rischiano di produrre effetti devastanti».
Identità e globalizzazione
La questione identitaria italiana, che da tempo si pone come necessità di individuare una storia, un passato, una memoria condivisi, deve oggi fare i conti con nuove difficoltà relative alla progettazione di un futuro comune. In primo luogo rimane percepibile il divario fra Nord e Sud: occupazionale, economico e anche identitario. Più in generale, gli italiani continuano giustamente a riconoscersi nella loro appartenenza localistica, ma a volte con il rischio di derive separatiste. E poi si sono aggiunte altre, ben note questioni: come confrontarsi con gli stranieri che risiedono regolarmente in Italia, ormai circa due milioni e mezzo, il 4 per cento della popolazione nazionale? L'integrazione degli immigrati ha aperto un estenuante dibàttito tra chi paventa apocalissi sociali e chi auspica demagogicamente il meltingpot scarsa è stata però, in merito, l'analisi scientifica.
Ed ecco che il progetto del Cnr si rivela di assoluta rilevanza. Un ricercatore, ad esempio, analizzerà la percezione dell'immigrazione da parte degli abitanti della capitale, un altro le problematiche sorte in Campania, mentre un terzo progetto ha per oggetto una scuola di Brescia. «Il concorso è un esempio del ruolo che la ricerca pubblica può e deve svolgere per incentivare il progresso in discipline e campi di studio strategici per il futuro del Paese», spiega de Mattei.
Anche la questione dei simboli religiosi, dibattuta non solo in Italia, è stata affrontata dai ricercatori con progetti su "Immigrazione e nuovi culti", "I simboli religiosi: problematiche giuridiche nella società multicolore" e "La diversità religiosa nella scuola dell'intercultura". Ma la prospettiva della multiculturalità, avverte de Mattei, non può disgiungersi dalla riaffermazione della religione cattolica come struttura portante della nostra identità. "Il Vecchio Continente", invece, "non sembra più essere in grado di vivere e di testimoniare la propria tradizione religiosa e culturale, la propria consapevolezza etica, la propria identità civica. Urge riscoprire alla memoria storica europea il significato del sacro, della contemplazione e della tradizione. La forza dominante nella creazione di una identità comune tra popoli, ciascuno dei quali abbia una cultura distinta, non può che essere la religione. Tra le ricerche sostenute dal Cnr non mancano progetti dedicati alla lingua italiana, altro elemento identitario essenziale, che da quando è stata minacciata di cancellazione dalle conferenze stampa della Commissione Europea ha suscitato un vivace dibattito. «Il tema rientra negli obiettivi prioritari del ministero degli Affari esteri», ha sottolineato Gianfranco Fini, accennando alla prossima conferenza degli Istituti di cultura, agli oltre 6mila corsi di lingua italiana all'estero e all'annuale settimana della lingua italiana, organizzata in collaborazione con l'Accademia della Crusca". «Fino ad oggi è mancata, sia a livello comunitario, sia a livello nazionale, un'efficace politica linguistica. E a quanto mi risulta è la prima volta che un ministro degli Esteri in carica prende atto della serietà del problema e si propone di intervenire concretamente», concorda de Mattei. «Il Cnr è pienamente impegnato in questa opera di valorizzazione: basti pensare all'Opera del Vocabolario Italiano e ai nuovi progetti come il finanziamento delle ricerche sulle Identità culturali». Tra i campi toccati dalle domande pervenute, infatti, hanno indicativamente incontrato il maggiore interesse proprio la sezione di glottologia e linguistica, al primo posto, e quella di linguistica italiana. Per limitarci ai progetti approvati, le ricerche vanno dal "Repertorio degli autori latini nel Medioevo e nel Rinascimento", alle indagini sulle "notazione dei confini di parola nelle scritture italo-romanze", fino all"Indicizzazione audio per la lettura e l'ascolto della letteratura italiana".
Costume e tradizione
Gli argomenti proposti dai ricercatori abbracciano comunque anche aspetti più curiosi, come "I criteri di impunibilità dell'inadempimento contrattuale nel diritto della Repubblica Popolare Cinese" o "Il giuramento di purgazione nel rito inquisitorio romano-canonico". E ancora, una ricerca — cui qualche esponente della nostra snobistica intellighentia potrebbe guardare con sufficienza — sulle "sagre": "Le manifestazioni culturali volte a valorizzare a livello locale l'identità culturale del territorio". In realtà un progetto molto impegnativo, volto ad analizzare forme di gestione e sistemi di controllo economico e finanziario delle kermesse turistiche, religiose, sportive, musicali, artigianali e artistiche, che stanno sempre più imponendosi sul territorio come richiamo turistico e volano imprenditoriale e occupazionale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news