LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo del cinema, nove progetti in gara
Sergio Frigo
Il Gazzettino 18/3/2005

Venezia. Di ritorno della "tour" mondiale di presentazione della Biennale (da Madrid a Berlino, da Londra a New York), a un anno esatto dal suo insediamento alla presidenza dell'istituzione culturale veneziana, Davide Croff si è trovato sulla scrivania i nove elaborati che parteciperanno alla fase finale della selezione del progetto per il nuovo palazzo del cinema al Lido. C'è stata una sola defezione (ancora anonima, visto che le buste sono ancora chiuse) dal grappo dei dieci grandi studi internazionali scremati nei mesi scorsi dalle prime 70 candidature: gli italiani Stefano Boeri, Francesco Cellini, Alfonso Femia e Massimiliano Fuksas, gli spagnoli Mbn e Rafael Moneo, i tedeschi Bolles & Wilson Gmbh & Co.Kg, l'americano Eisenmann, l'austriaco Klaus Kada, l'olandese Koen Van Velsen.
Fra di essi entro fine maggio - dopo la selezione della giuria del concorso, presieduta da Croff e composta da rappresentanti del Ministero e della Soprintendenza, architetti e docenti universitari, oltre al direttore della mostra del cinema Marco Mueller - verrà scelto lo studio a cui spetterà mettere a punto la progettazione definitiva delle nuove strutture del Lido Su questa base, come dall'atto di indirizzo approvato dalla giunta comunale, sarà avviato l'iter della variante per dare piena esecutività al progetto.
«É la nostra risposta - dice Davide Croff - alle critiche venute nei giorni scorsi da Carlo Verdone (poi ritrattate) e dal produttore Aurelio De Laurentiis sul mancato rinnovamento della Mostra del cinema».
Ma intanto Roma sta attivando, per il 2006 all'Auditorium, un grande progetto cinematografico internazionale (con investimenti da 6 milioni di euro) che potrebbe darvi qualche fastidio soprattutto sul versante della produzione italiana...
«Su questa iniziativa ho solo delle informazioni generiche, In linea di principio io non sono contrario alla concorrenza, che può stimolare a fare meglio. Credo però che in una situazione come l'attuale, di risorse economiche molto scarse, sia preferibile potenziare le iniziative già esistenti, piuttosto che disperdere i finanziamenti promuovendone di nuove. Con tutto questo, mi pare di capire che non si tratterebbe di un evento in competizione con la Mostra. Se parliamo di promozione del cinema italiano, infatti, Venezia l'ha sempre avuto molto a cuore, ma inserito nel contesto delle produzioni internazionali: il nostro è uno sguardo più ampio, che non penalizza l'industria nazionale, ma neanche si autolimita ad essa».
Torniamo alle nuove strutture al Lido: con quali obiettivi vengono realizzate?
«Si dovrà trattare di un intervento architettonicamente significativo, che non si limiterà a realizzare un nuovo palazzo del cinema, ma valorizzerà l'intera area, a partire da una rivisitazione delle strutture esistenti, come il vecchio Palazzo, il Casinò, il Pala Galileo. Non dovrà essere una cattedrale nel deserto, aperta dieci giorni all'anno, ma dovrà ospitare iniziative anche di vario tipo con una certa continuità. E poi dovrà essere coerente con le esigenze di chi al Lido ci vive e ci lavora, realizzando anche un indotto economico compatibile. Su questo abbiamo in corso un confronto estremamente fruttuoso anche con la Municipalità del Lido».
E i finanziamenti per la realizzazione dell'opera?
«É chiaro che per un'iniziativa di questa entità si dovrà mettere insieme l'impegno di varie componenti: la città, lo Stato, ma anche i privati, che bisognerà cercare di coinvolgere fattivamente».
Ma qualche intervento migliorativo si potrà attivare anche per questo settembre?
«La macchina artistica è in piena attività, e domani (oggi, ndr) ho già un incontro con Muller, di ritorno da un giro di ricognizione in vari paesi del mondo. Per quanto riguarda la
macchina organizzativa, non dimentichiamo i piccoli disagi che hanno caratterizzato la scorsa edizione, e si stiamo comportando di conseguenza per rimuoverli in partenza».
Che ne è, invece, dell'altra grande scommessa strategica della sua presidenza, la sede generale della Biennale?
«Trattandosi di un progetto ambizioso, ha bisogno dei suoi tempi di maturazione. I contatti con le Poste sono infatti in pieno svolgimento. La sede per noi ha due valenze: primo, mettere in condizioni di lavorare insieme, e quindi meglio, tutti i collaboratori della Biennale oggi sparsi in vari uffici; secondo, costituire un luogo di presenza dell'istituzione nella città, che funga anche da momento di aggregazione, con attività permanenti e una presenza costante nel territorio».
Un anno di presidenza: in quale ambito ha potuto ottenere i risultati migliori, e quali sono invece gli ostacoli ancora insuperati?
«La Biennale ha dimostrato una grande capacità progettuale, con la capacità di riconsiderare se stessa e il proprio ruolo e di darsi nuovi obiettivi, affidandosi alle sue grandi risorse interne. Il problema irrisolto sono invece le risorse economiche, sempre più insufficienti. Quelle pubbliche sono sempre meno, mentre per quelle private devono maturare alcune condizioni generali (come la defiscalìzzazione, ad esempio) ma soprattutto si deve sviluppare una certa mentalità, che io definisco "responsabilità sociale d'impresa". Ma qui c'è ancora della strada da fare. Per quanto riguarda Venezia, la città a volte sembra far fatica a capire cos'è la Biennale: il messaggio che vorrei lanciare, dunque, è che la Biennale nasce sì internazionale, ma non è affatto contro, o indifferente, a Venezia. Anzi, il suo successo dipende soprattutto da come la città decide di sostenerla».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news