LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nel 2004 dall'impresa più fondi alla cultura
A. Che.
Il Sole 24 ore 18/3/2005

ROMA «Due milioni in più rispettò a quanto raccolto nel 2003: i contributi alla cultura versati dalle aziende lo scorso anno sono arrivati a quota 19 milioni. Crescita lenta, considerato che i versamenti possono essere dedotti integralmente dal reddito d'impresa. Nonostante la leva della defiscalizzazione, gli imprenditori restano tiepidi verso l'arte e lo spettacolo. Complice, probabilmente, la scarsa conoscenza della normativa, nonostante abbia quattro anni di vita. Anche per questo il ministero dei Beni culturali ha di recente avviato una campagna informativa centrata sullo slogan "Chi sostiene la cultura paga meno tasse».
Piccoli passi. La crescita della raccolta nel 2004 è comunque un segnale incoraggiante, anche se i risultati sono distanti dalle attese. Basti pensare che il legislatore ha fissato a 139,4 milioni di euro la soglia oltre la quale i beneficiari delle erogazioni devono, per non creare dissesti nelle entrate statali, restituire all'Erario una parte (il 37%) dei soldi ricevuti dalle imprese. Di questo passo, però, il momento in cui attivare quel meccanismo dì salvaguardia è assai lontano.
Anche perché gli aiuti alla cultura hanno finora dimostrato un andamento altalenante: nel 2001, quando la norma debuttò, in soli due mesi vennero raccolti 17 milioni; nel 2002 ci si fermò a 15, per ritornare a 17 l'anno successivo e passare a 19 nel 2004.
Il ministro dei Beni culturali, Giuliano Urbani, si è detto fiducioso: «Gli imprenditori continuano a sostenere i programmi nei settori della cultura è dello spettacolo con un apporto costante di risorse che si aggiungono a quelle pubbliche».
I contributi. I mecenate hanno diretto i loro aiuti soprattutto allo spettacolo, che ha beneficiato del 65% delle erogazioni, mentre i beni culturali si sono dovuti accontentare del 35% (era il 39% nel 2003). Teatro alla Scala, Arena di Verona, Accademia nazionale di Santa Cecilia, Fondazione teatro La Fenice di Venezia: sono questi gli istituti che hanno calamitato le risorse più consistenti. Al Santa Cecilia, per esempio, è stato destinato il contributo più ricco: 516mila di euro da parte della Bnl. Ma c'è anche un salone di parrucchiere che ha donato 25 euro per le attività culturali del Comune di Sospiro, in provincia di Cremona. L'arte non si formalizza.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news