LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Cintura in titanio allacciata, campanile di San Marco salvo. Orsoni: Ora la piazza
Gloria Bertasi
Corriere del Veneto 24/4/2013

Dopo 7 anni e 9 milioni, finiti i lavori: rischiava il crollo

VENEZIA - Via transenne, scavatrici e operai, il paron de casa di nuovo sano. E lo sar per secoli, promettono gli esperti.
Dopo sette anni di cantieri e una spesa di 9,2 milioni di euro, il restauro del campanile di San Marco finalmente ultimato: una cintura di titanio ne avvinghia le fondazioni contro i cedimenti e le fessurazioni che ne hanno messo a repentaglio la tenuta. Grazie ai monitoraggi, iniziati ancora negli anni '60 dal proto Ferdinando Forlati, nel 1995 si scoperto che i 98 metri che svettano su San Marco e sul suo bacino erano a serio rischio. E i veneziani hanno iniziato a tremare. Il campanile il simbolo della citt, il suo paron de casa, prova ne sia che dopo il rovinoso crollo del 1902 i cittadini lo hanno voluto ricostruire come era e dove era.
Scoprire dunque che senza un intervento il pericolo che franasse di nuovo era concreto ha fatto rivivere l'incubo del passato. Di fronte all'emergenza, Magistrato alle acque, Consorzio Venezia Nuova, Procuratoria di San Marco e Comune si sono messi al lavoro per salvare il campanile con un progetto a dir poco innovativo: scavare camerette attorno al masso di fondazione e inserirvi barre di titanio ancorate in blocchi di granito. Ora perch la piazza pi amata dai veneziani e pi fotografata dai turisti torni davvero all'antico splendore mancano il completamento dei lavori alla facciata del museo Correr e il rifacimento della pavimentazione. Il progetto pronto da tempo e non eliminerebbe solo dissesti e buche nei masegni, verrebbero restaurati i cunicoli sotterranei delle acque piovane, oggi franati, e sopra arriverebbe un materiale a impermeabilizzare la piazza, proprio come stato fatto attorno al campanile.
Ieri, giorno di festa per la liberazione del campanile dai cantieri e 60 anniversario dal suo passaggio di propriet dallo Stato alla Procuratoria, il sindaco, nonch procuratore di San Marco, Giorgio Orsoni ha sollecitato l'intervento. Il costo da sostenere elevato (50 milioni di euro, ndr) ma ne vale la pena - ha detto -, speriamo che lo Stato ci dia il suo sostegno. Roma ha approvato il progetto e avrebbe dovuto finanziarlo con fondi di legge speciale che per non sono mai arrivati. Ci vorrebbe un finanziamento ad hoc come per il Mose - ha spiegato Ciriaco D'Alessio, magistrato alle acque -. Avessimo i fondi, ci metteremmo subito all'opera, i cantieri per sarebbero molto invasivi.
Pi di quelli del campanile, che gi hanno comportato molti disagi soprattutto all'arrivo della trivella da 20 tonnellate che servita per predisporre le camerette a 3,2 metri di profondit. Al suo sbarco al molo di San Marco, gli operai hanno infatti dovuto realizzare un passaggio di 170 metri per potarla in piazza. Ci scusiamo per i fastidi dei cantieri - ha continuato D'Alessio -. Ora per, grazie a una tecnologia innovativa, il manufatto salvo. I monitoraggi subacquei continueranno ma, ne certo l'ingegnere Giorgio Macchi, autore del progetto di restauro, il titanio garantisce centinaia di anni di durata. I lavori hanno infine permesso scoperte archeologiche, sotto il campanile sono riemersi i blocchi d'arenaria dell'ex ospizio Orseolo demolito nel XVI secolo per costruire le Procuratie e le sponde del rio Batario, interrato nel 1172 dal doge Sebastiano Ziani e che divideva in due la piazza. Le analisi mostrano che i pali di fondazione sono del periodo che va dal 900 al 935 - ha detto l'archeologo Alessandro Asta -. Abbiamo trovato frammenti di ceramiche, un pettine di legno altomedievale e fibbie di scarpa rinascimentali: li esporremo in una mostra.
Domani, in occasione della celebrazione delle feste di Liberazione e del patrono San Marco, i veneziani insieme al tradizionale bocolo di rosa riceveranno un volantino informativo sull'intervento e, soprattutto, potranno ammirare la piazza liberata dai cantieri. Quest'importante operazione merito dell'unit di intenti tra enti diversi ed segno di grande fiducia nel futuro della citt, ha sottolineato la soprintendente Renata Codello.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news