LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Muti lascia, anzi no: alla Scala si replica il Sessantotto
Riccardo Chiaberge
Il Sole 24Ore, 17/3/2005

Erano forse ottocento, ieri in platea e nei palchi del Piermarini, a chiedere a gran voce le dimissioni di Riccardo Muti. Molti più degli orchestrali e dei coristi. A dar loro man forte erano accorsi loggionisti e militanti di varie associazioni. "Il popolo della Scala", come l'ha definito uno dei suoi leader, ha conquistato il proscenio sotto le luci delle telecamere. Quando è calato il sipario, si è subito diffusa la voce che il maestro avesse accolto l' invito, dicendo addio al teatro al quale è legato da 19 anni. Più tardi è arrivata la smentita della Scala: ma quali dimissioni, Muti resta. A licenziare il direttore musicale, come il sovrintendente, può essere solo il consiglio di amministrazione, non un'assemblea informale di lavoratori o cittadini.
Abbiamo il massimo rispetto per gli orchestrali della Scala, ai quali siamo debitori di tante, indimenticabili emozioni. Ma questa volta proprio non li abbiamo capiti. E loro pronunciamento somiglia troppo a un vecchio film anni 70. Allo stesso modo, a suo tempo, era stato sfiduciato Claudio Abbado: ma era un'altra epoca, nella quale pareva ancora che la democrazia "dal basso" dovesse avere la meglio su ogni logica di eccellenza.
Non credevamo di dover assistere a una replica di quel clima, di quella cultura o sottocultura che credevamo sepolta per sempre. E ora ci domandiamo quale impatto potrà avere il nuovo Sessantotto scaligero sul futuro del teatro più importante del mondo.
Come reagiranno gli investitori? Quale direttore, italiano o straniero, accetterà di ereditare un'orchestra che pensa di potersi dirigere da sola? Riccardo Muti avrà pure commesso errori, come tutti in questa confusa e imbarazzante vicenda (incluso il sindaco Gabriele Albertini). Ma il suo curriculum lo colloca tra i maggiori interpreti musicali del nostro tempo. E gli orchestrali che oggi si ribellano alla sua presunta "dittatura" dovrebbero ricordare quanti successi hanno riscosso nel mondo, da Tokyo a New York, proprio grazie a lui. Anche se nessuno è insostituibile, un suo abbandono traumatico, sull'onda di una rivolta corporativa e di meschine manovre preelettorali, sarebbe un pessimo segnale per la Scala e per il Paese.
In queste settimane abbiamo assistito, in un crescendo rossiniano, a una rincorsa avvilente di voci e insinuazioni, di insulti e calunnie. Non un'opera buffa, ma un dramma che lascia tutti sbigottiti, e getta discredito su uno dei pochi marchi vincenti del made in Italy. Come ha detto un grande professionista milanese vicino alla sinistra come Guido Rossi, la musica non ha colore, non guarda alla tessere ma alla qualità delle note, degli strumenti, delle esecuzioni. A chi interessa sapere per chi voti Claudio Abbado, o Maurizio Pollini? O se siano iscritti a qualche sindacato?
Bene ha fatto il ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani ad auspicare che Muti rimanga al suo posto. L'assemblea è una forma rispettabilissima di democrazia quando si tratti di discutere piattaforme sindacali e iniziative di lotta. Non può decidere il destino di un'istituzione culturale, né disarcionare un direttore ammirato nel mondo.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news