LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La Scala nel caos, giallo su Muti
Giulia Crivelli
Il Sole 24Ore, 17/3/2005

MILANO - Il «Guardian» ha definito la vicenda del Teatro alla Scala di Milano una «tragedia dai toni verdiani». Ieri è andato in scena l'ennesimo atto e si è svolto su più palcoscenici. I lavoratori del teatro (oltre 800) hanno chiesto le dimissioni del direttore musicale Riccardo Muti e del sovrintendente Mauro Meli; voci sulle dimissioni di Muti sono state diffuse da numerose agenzie di stampa e poi smentite ufficialmente dal teatro, ma solo nel tardo pomeriggio.
Intanto il ministro per i Beni culturali, Giuliano Urbani, ha auspicato che si raggiunga un accordo e «che Muti rimanga»; sempre a Roma, l'ex sovrintendente Carlo Fontana è stato ascoltato dalla commissione Istruzione e beni culturali del Senato (martedì era stato sentito Meli) dichiarando, tra le altre cose, «di non nutrire stima per Meli» e preannunciando una querela contro il sindaco di Milano, Gabriele Albertini e lo stesso Meli.
A Milano il neossessore alla Cultura, Stefano Zecchi, ha lanciato l'idea di un "mediatore" esterno, proponendo il nome di Bruno Ferrante, prefetto di Milano, precisando che «si tratta di un'iniziativa personale e che la questione dovrebbe essere discussa dal Cda della Fondazione Scala e dal Consiglio comunale». A proposito di Comune, ieri c'è stato anche un incontro tra il sindaco Albertini e Meli, che non hanno però voluto fare alcun commento ufficiale sugli avvenimenti della giornata.
La richiesta di dimissioni.
Nella tarda mattinata l'assemblea dei lavoratori della Scala, riunita nella platea del teatro, ha votato con soli tre voti contrari e due astenuti su 800 presenti, un documento in cui si chiedono le dimissioni del direttore musicale Riccardo Muti e del neo-sovrintendente Mauro Meli.
Bruno Ceni della Cgil ha spiegato che «l'assemblea era affollatissima e l'atmosfera risentita: nell'incontro di venerdì scorso il sindaco aveva avuto con noi toni concilianti, salvo sferrarci un attacco nel suo intervento in Consiglio appena due giorni dopo. Il dialogo — ha aggiunto — così è impossibile. E quindi abbiamo chiesto le dimissioni di Meli e Muti».
Il giallo su Muti.
Subito dopo l'assemblea dei lavoratori, è circolata la notizia delle dimissioni del maestro Muli da direttore musicale della Scala. Solo nel tardo pomeriggio è arrivata la smentita ufficiale del teatro, smentita confermata poi da Meli e Zecchi. Sul suo incontro con Albertini, il nuovo sovrintendente si è limitato a dire: «Abbiamo parlato di quello che è successo oggi». Per domani alle 16,30, intanto, è stato convocato un consiglio straordinario della Fondazione Scala, in cui siede anche il Comune.
Fontana in commissione.
Dalla Capitale è arrivata la voce di Fontana. In Senato ha detto di non stimare Meli «perché rappresenta un modo di gestire che non mi è proprio». Nel pomeriggio è intervenuto Giuliano Urbani: il ministro ha auspicato che «tutti i soggetti coinvolti nella vicenda del Teatro alla Scala sappiano esprimere i propri punti di vista in modo da salvaguardare al massimo il prestigio e la storia di questo ineguagliabile teatro e sappiano creare le condizioni affinchè il maestro Muti continui a dirigerlo oggi e per gli anni a venire». Ricordiamo che il commissariamento del teatro, ventilato da Albertini nei giorni scorsi ma a cui Zecchi si è detto «contrario», spetta esclusivamente al ministero della Cultura. E al commissariamento Urbani non ha fatto alcun accenno.
Il prossimo atto della «tragedia dai toni verdiani» andrà in scena nei prossimi giorni e non è facile fare previsioni. Una cosa è certa: il caso Scala non ha precedenti nella storia della lirica". «È successo molte volte che direttori artistici, musicali o sovrintendenti "siano stati revocati" o abbiamo dato dimissioni premature — spiega Piero Gelli, autore di un momumentale Dizionario dell'Opera —. Ma non ricordo di aver mai assistito o letto di una vicenda come questa, dove non si riescono più a stabilire responsabilità, colpe, motivi di un dissenso e di una spaccatura. Dove le ragioni pratiche e istituzionali si mischiamo a motivazioni e rancori personali». Forse, allora, ha ragione Zecchi: a questo punto ci vorrebbe, come in molte tragedie, un deus ex machina.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news