LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Beni culturali nell'Isola resta il silenzio-assenso
Sergio Troisi
17/03/2005 La Repubblica, ed. Palermo



La settimana scorsa è stata accolta con sollievo la decisione da parte del Ministero della Funzione Pubblica, dopo una lunga incertezza, di non estendere ai Beni Culturali la normativa del cosiddetto silenzio-assenso; quel principio cioè che avrebbe permesso, a sessanta giorni di tempo dalla presentazione della Dia (Dichiarazione di inizio attività), di potere procedere in tutta legalità alla manomissione di beni storico — artistici (dalla vendita alla demolizione) o ad interventi edilizi all'interno di aree vincolate come beni paesaggistici, se nel frattempo non fosse stato emesso un esplicito e motivato parere contrario da parte delle Soprintendenze competenti.
Sul tema era ripetutamen-te intervenuto con toni allamatissimi e accorati Salvatore Settis sulle pagine nazionali di questo giornale paventando il definitivo smantellamento di ogni forma di tutela, il saccheggio legalizzato di ciò che ancora sopravvive di un patrimonio culturale tra i più ricchi e stratificati e—non ultimo—l'eversione del dettato costituzionale che nell'articolo 9 indica come compito delle istituzioni della Repubblica la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della nazione.
TUTTAVIA, almeno per chi ha a cuore le sorti dei beni culturali e paesaggistici della Sicilia, la soddisfazione per la decisione del governo si accompagna alla amara constatazione che l'isola è l'unica parte del territorio nazionale dove un principio elementare di civiltà giuridica è stato disatteso.
Con l'articolo 46 della legge finanziaria regionale per l'anno 2005, infatti, il principio del silenzio-assenso è entrato a far parte a pieno titolo, sia pure in modo surrettizio, della normativa in materia di beni culturali e ambientali; e, trascorso il termine di 120 giorni, se le Soprintendenze non avranno espresso diverso parere, ogni intervento sarà lecito: anche (recita l'articolo di legge) su immobili a carattere storico-artistico, anche in aree soggette a vincolo paesistico. E tutto questo su un territorio dove l'abusivismo è pratica diffusa quando non incoraggiata, dove l'illegalità edilizia ha avuto come parte in causa storicamente riconosciuta la criminalità mafiosa e dove gli scempi ininterrotti dell'ultimo mezzo secolo hanno oltraggiato, vilipeso, distrutto una civiltà di millenaria bellezza.
Senza rimedio, se non con l'argine fragile di una giurisdizione che, norma dopo norma è il risultato di una conquista faticosa di cui ora ci si vorrebbe sbarazzare rendendola carta straccia; perché è sin troppo ovvio che le Soprintendenze non hanno né i mezzi né il personale per potere affrontare il diluvio di pratiche che sta per abbattersi sulle loro scrivanie, e che la conseguenza di tutto ciò sarà l'assalto finale, sino alla dissoluzione, di ciò che resta del magnifico sistema integrato di architettura, urbanistica e paesaggio che è il vero Dna dell'isola.
Intervenendo a questo proposito sull'edizione palermitana di "Repubblica" lo scorso 29 dicembre, chi scrive aveva auspicato che il ministro dei Beni culturali Giuliano Urbani impugnasse il provvedimento, se non altro per difendere il
nuovo codice da lui promosso che, tra le altre cose, per la prima volta sancisce il pieno riconoscimento del paesaggio come bene culturale. Ciò sciaguratamente non è avvenuto, nel silenzio forse imbarazzato e comunque sconfortante di chi per ruolo istituzionale e funzione amministrativa è preposto ai compiti di tutela. Anche se in una lettera inviata all'Assessore regionale Alessandro Pagano la segreteria del ministro, pur dichiarando la decisione di Urbani di non impugnare la norma, mette in guardia riconoscendo i rischi di incostituzionalità e il pericolo di pregiudicare così il patrimonio culturale e paesaggistico, e suggerisce di ricercare strumenti idonei (tra cui una conferenza di servizi) per mettere le Soprintendenze in grado di espletare il lavoro di valutazione. In realtà e' è poco da farsi illusioni in proposito: come è dimostrato da alcuni clamorosi casi recenti, la normativa offre più di una scappatoia per potere aggirare l'ostacolo costituito dai principi di tutela se a contrastarlo non c'è una agguerrita volontà politica.
Così l'amministrazione comunale di Lipari ha deciso di votare la deroga per la realizzazione di alberghi in aree vincolate nonostante la bocciatura del Commissario dello Stato rimettendo il parere(si accettano scommesse) proprio alla Regione; così lo stesso assessore Pagano, dalla trasferta giapponese dove accompagnava il Satiro, invitava i Comuni a dotarsi di varianti ai Piani regolatore per potere accoglierei milioni (!) di nuovi turisti giapponesi pronti a invadere l'isola al seguito del bronzo ellenistico; così il nuovo piano per l'area portuale di Palermo, calamità di ingenti somme di denaro, salta a pie pari lo stesso obbligo di variante al Piano regolatore



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news