LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il caso biblioteca nazionale: Il direttore del ministero «Una situazione grave»
16-MAR-2005 CORRIERE DELLA SERA cronacaRoma


«Grave», «paradossale», «assurda». Questi gli aggettivi ricorrenti tra abituali frequentatori, accademici di fama e addetti ai lavori, in merito alla situazione della Biblioteca nazionale centrale di Roma, la più importante biblioteca in Italia, che ha dovuto drasticamente ridurre l'orario di servizio per mancanza di personale nel momento in cui sono venuti a mancare obiettori di coscienza e volontari del servizio civile.
Una situazione la cui «gravita» è riconosciuta dallo stesso ministero per i Beni culturali, per bocca di Luciano Scala, direttore generale e massimo dirigente del settore «Beni librari e istituti culturali»: «È una situazione - dice - di cui anche Urbani è perfettamente al corrente. La soluzione si può trovare a livello politico in Consiglio dei ministri. Parlare della scarsezza di finanziamenti per questo settore è quasi banale. Un concorso per bibliotecari non si fa dal 1985. Il personale in pensione non è stato sostituito. E la cosa più grave è che la professione di bibliotecario è praticamente in estinzione». Scala, in sostanza, non può che ribadire il lungo elenco di carenze denunciate anche dal direttore della Nazionale Osvaldo Avallone. «E il caso della Nazionale di Roma - aggiunge il direttore generale del ministero - è solo la punta di un iceberg. La situazione è di assoluta carenza anche per tutte le 46 biblioteche pubbliche statali che dipendono da questa amministrazione. Il problema è stato posto in maniera chiara. Ed è uno in sostanza: con questa penuria di personale garantire servizi di livello diventa quanto meno complesso e difficile».
Del fatto che «i finanziamenti per la Biblioteca nazionale di Roma e per il settore librario in generale debbano essere ben altri» è convinto anche Luca Serianni, ordinario di Storia della lingua italiana all'università La Sapienza e assiduo frequentatore della biblioteca di Castro
Pretorio: «II problema è grave e sottostimato -dice - e la scarsezza di fondi crea anche notevoli insufficienze per quanto riguarda l'acquisto di pubblicazioni straniere. La Nazionale di Roma rappresenta inoltre un po' l'immagine culturale dello Stato, una carta da visita. Ed è davvero triste che dopo i lavori di ristrutturazione del 2000, piuttosto ben fatti, si sia arrivati a questa situazione».
«I beni culturali sono il petrolio italiano» gli fa eco il suo collega Carlo Ghisalberti, ordinario di Storia contemporanea: «Ed è assurdo che in questo settore non si proceda a nuove assunzioni da troppo tempo. Assunzioni, possibilmente, da fare tramite concorsi. E non con procedure d'urgenza». Ghisalberti conosce l'uso che lo Stato fa di volontari in servizio civile: «All'università è accaduta la stessa cosa. Non ci sono più obiettori e il pomeriggio chiudiamo il dipartimento». Tutto incentrato invece sul «paradosso finanziamenti» (la Nazionale di Roma riceve 2,5 milioni di euro annui contro i 10 milioni della sua omologa in Polonia; per non dire di Francia e Inghilterra che destinano alle Nazionali di Parigi e Londra, rispettivamente, 143 e 121 milioni ogni anno) il commento di Igino Poggiali, presidente dell'Istituzione Biblioteche di Roma: «Per un patrimonio librario così importante come quello italiano, unico al mondo, i finanziamenti dovrebbero essere non pari, ma addirittura maggiori quelli che erogano Francia o Inghilterra».
Edoardo Sassi



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news