LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa Strohl-Fern aperta al pubblico
Paolo Molinari
16/03/2005, L'Unit




Da met aprile visite domenicali nel parco di 8 ettari Accordo con la Francia anche per il liceo Chateaubriand

Racconta l'ambasciatore di Francia a Roma, Loic Hennekinne, che quando 39 anni fa inizi la sua attivit diplomatica il primo dossier che trov sulla sua scrivania titolava Italia: controversie su Villa Strohl-Fern. La convenzione siglata ieri in Campidoglio dallo stesso ambasciatore di Francia, dal sindaco di Roma, Walter Veltroni e dal vice ministro per i Beni e le Attivit Culturali, Antonio Martusciello, segna la ricomposizione di una frattura e l'avvio di un'opera di riqualificazione che restituir 7,8 ettari di verde pubblico ai romani.
Una storia, quella di Villa Strohl Fern, lunga 126 anni. il 1879 quando il conte Alfredo Srohl-Fern, nobiluomo alsaziano, acquista, da un inglese residente a Roma, circa 8 ettari di terreno per costruirvi la sua residenza pi un centinaio di studi per i suoi amici artisti a canoni molto bassi. Alla morte del conte, nel 1926, la villa pass, per lascito testamentario alla Francia. Espropriata dal regime fascista nel 1940, per un breve periodo di tem-po, diviene sede del comando SS. Con la liberazione viene restituita alla Francia che, dal 1957, vi stabilisce il liceo Chateaubriand. Gli atelier degli artisti divengono sempre di meno, anche perch i vantaggiosi canoni d'affitto praticati dal conte hanno raggiunto prezzi esorbitanti. Con la legge 396 del 1990 l'Italia si impegna, stanziando oltre 11 miliardi di lire, a trovare una nuova sede per lo Chateaubriand. La legge per rimane inapplicata e nel 1998 l'ambasciatore francese Jacques Blot dichiara a chiare lettere che la Francia non ha nessuna intenzione di spostare il liceo dalla sua sede. Sembrava una storia destinata a finire male, con un immenso patrimonio lasciato al degrado.
Un patrimonio, Villa Strohl-fern, importante sotto il profilo ambientale, certo, ma anche artistico, storico ed archeologico. Per quanto riguarda la vegetazione, si cercher, laddove possibile, di ripristinare l'antico impianto di pini, castagni, cipressi e siepi d'alloro, cos come era stato pensato dal conte Alfredo Strohl Fern quando, nel 1879, divenne proprietario della villa. L'impresa dovr essere completata entro la met d'aprile. Cominceranno allora le visite nella porzione di parco compresa tra la zona delle Belle Arti, il Borghetto Flaminio e via di Villa Ruffo. prevista inoltre la costruzione di un vialetto in grado di collegare il Museo Etrusco di Villa Giulia con la vicina Villa Poniatowski appena finita di restaurare e che ospiter importanti esemplari del museo etrusco. Si tratter di visite domenicali, guidate e sorvegliate dalla polizia municipale. Si studieranno dei turni d'ingresso alla villa che raggrupperanno 25 visitatori per volta, ha spiegato Veltroni, Per prenotare si potr chiamare il call center del Comune di Roma allo 060606.
A trarre vantaggio dalla convenzione, tuttavia, non saranno solo Roma e i romani. La Francia incassa il riconoscimento ufficiale della presenza del liceo Chateaubriand nel complesso della villa quale strumento pedagogico di qualit, recita il testo della convenzione, simbolo della cooperazione culturale, educativa e linguistica tra Francia e Italia. La presenza della prestigiosa scuola all'interno del parco ha portato, in passato, a manomissioni anche pesanti del paesaggio e della vegetazione. La costruzione di impianti sportivi in luogo di una fontana, prima di tutto, ma anche l'istallazione, nel 1998, di un grande prefabbricato accanto all'edificio esistente. Il Comune di Roma si impegnato formalmente a concorrere alla ricerca di spazi in cui trasferire alcune classi del liceo. Una volta
ricollocati gli studenti in luoghi di prestigio, lo Stato Francese provveder alla demolizione del prefabbricato.
Otto ettari. Poca cosa rispetto agli 85 di Villa Borghese, ai 140 di Villa Ada o ai 187 di Villa Doria Pamphili. Eppure questo "piccolo" parco delle meraviglie, incastonato nel cuore della citt, riuscito, nell'ordine, a scatenare passioni, ispirare artisti, trascinare sull'orlo di una crisi diplomatica due paesi alleati e confinanti. Un tesoro che finalmente torna a farsi godere dalla citt.



news

15-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 15 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news