LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FUS, Proteste: Santa Cecilia gliele Suona
Gabriella Gallozzi
l'Unità 16/03/2005


Gabriella Gallozzi

I turisti di passaggio avranno pensato come al solito: ah l'Italia, il Paese del sole e dei mandolini. Solo che stavolta, ieri pomeriggio a piazza Montecitorio, sotto al Parlamento per capirci, e sotto ad un sole già primaverile, non c'erano i «mandolini» ma la più importante orchestra sinfonica d'Italia: quella dell'Accademia di Santa Cecilia, assieme a musicisti e coro del teatro dell'Opera. Decine e decine di violini, tromboni, fagotti e tamburi hanno intonato le note del Va pensiero, il coro della Traviata, l'intermezzo di Cavalleria rusticana e ancora il Bolero di Ravel tra lo stupore e il piacere dei passanti e degli inquilini delle case circostanti assiepati alle finestre e plaudenti.
Un grande concerto gratuito e improvvisato, insomma, destinato a «far cambiare musica» a questo governo che, in fatto, di cultura e spettacolo, ha dato il peggio di sè (vedi anche la questione Scala)con tagli al Fus (Fondo unico per
10 spettacolo) senza precedenti e norma- * tive suicide. Ultima questa in materia di Enti lirici, di cui proprio ieri si attendeva e temeva l'approvazione alla Camera
- poi rinviata ad oggi - che ha spinto i lavoratori delle fondazioni lirico sinfoni-che a questa giornata di sciopero nazionale.
«Basta con i tagli alla cultura, no alla precarizzazione del lavoro artistico», dice uno stiscione legato alle transenne della piazza, piantonate in lungo e in largo da un nutrito gruppo di poliziotti. «E già - conferma Francesco Bossone, fagotto a Santa Cecilia - quello a cui vuole arrivare il governo è l'equiparazio- . ne del settore musicale a quello di una fabbrica di tondini. Ma come si può immaginare che la musica viva senza il sostegno dello Stato? Si fa di tutto perché si giunga a rendere precario anche il lavoro delle orchestre a scapito della qualità. Come se i Berliner, i Wiener Philarmoniker fossero interscambiabili e sostituibili a seconda delle occasioni». Uno dei punti cruciali del nuovo decreto legge, infatti, è questo. Arrivare a ridurre il personale degli Enti lirici col blocco delle assunzioni per i prossimi tre anni, anche se molti enti, come Santa Cecilia, per esempio, è già sotto organico. «Si vuole far credere che il problema sia il costo del personale», spiega Loris Grossi della Cgil/Slc dell'Opera di Roma. «Così si mette a rischio l'intero settore nel quale a livello nazionale sono impiegati circa 5300 persone oltre ad un indotto di 300mila».
11 futuro, quindi, non lascia certo ben sperare. La qualità sarà la prima vittima. Anche perché, altro nodo cruciale del decreto legge, è quello che prevede il «reperimento» dei sovrintendenti non più tra musicisti e musicologi ma in
qualsiasi settore.
«Un'orchestra», dice Stefano Novelli, primo clarinetto di Santa Cecilia, «è come una squadra di calcio. Ma invece di 11 elementi noi siamo 112, pensate cosa significa trovare un affiatamento. Servono anni ed anni di lavoro comune, di vicinanza. Per far suonare insieme due violini non bastano dieci anni di lavoro condiviso». Figurarsi, dunque, se si arriva ai co.co.co. della musica.
«Quello di cui in molti non si rendono conto», spiega poi Nicoletta Tasin del coro dell'Opera, mentre la sua bambina di un anno ondeggia divertita sulle note del Nabucco, «è che tutti noi siamo lavoratori normali, con le famiglie da mantenere e i figli che devono mangiare tutti i giorni. Per questo siamo in piazza, per batterci per i nostri diritti che vengono calpestati». A confermarlo è un'altra corista dell'Opera, Lorella Pieralli: «Vogliono metterci in una totale condizione di precariato - dice - al punto da far diventare il musicista un lacché da utilizzare quando serve e da rispedire a casa quando non serve più. L'attuale sistema teatro è nato con Toscanini e qui i privati lo vogliono fare a pezzi. Ma la musica non si può privatizzare».
Il crescendo delle note del Bolero sembra accompagnare il crescendo della mobilitazione. «Consentitemi di consigliarvi la musica, magari un brano di Apicella», scherza un musicista imitando un ipotetico Berlusconi che scende in piazza ad ascoltare il concerto. Ad un certo punto una piccola delegazione si stacca dai musicisti per essere ricevuta a Montecitorio, ma improvviso arriva lo stop. Niente dialogo, insomma. Almeno per adesso. E l'aria del Va pensiero torna imponente sulla piazza dove i passanti, tanti turisti, applaudo-no a scena aperta. «Ecco - conclude Lorella Pieralli - la nostra musica è invidiata da tutto il mondo e noi la sfasciamo per darla in mano a un Tronchetti Provera».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news