LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

C'è anche il Pirellone nella 48 ore del bello
Renato Rizzo
12/03/2005, La Stampa





ROMA
Un passo felice nel Paese delle meraviglie, che vive al di sopra del tempo, e uno «con le lacrime agli occhi» nella cronaca del contingente. Giulia Maria Crespi, presidente del Fondo per l'Ambiente italiano, da il via, con questo pendolo emotivo, che oscilla tra speranza e allarme, alla grande «mobilitazione popolare per l'Italia da vivere»: la XEE edizione della «Giornata Fai di Primavera» che, sabato 19 e domenica 20, spalancherà le porte di 400 monumenti, molti dei quali solitamente chiusi ai visitatori.
Una kermesse che vuole consentire di vivere i luoghi della nostra civiltà del bello «con intensità ed emozione anche attraverso tesori nascosti), ma che, contestualmente, innesca «il pianto per l'operato del ministro dell'Ambiente» : «Esiste una legge che Mattei vuole carmbiare - lamenta la presidente del Fai -. Ha già nominato una commissione di 24 saggi, tra i quali anche un medievalista, che dovrebbe approntare nuove direttive su tutta la materia della tutela ambientale in Italia. Si sono dati sei mesi di tempo, ma ci vorrebbero anni per stilare normative serie. Temi così complessi richiedono la competenza di persone esperte, mentre, spesso, gli addetti non hanno conoscenze precise e sono, come mi verrebbe da dire in questo caso, un gruppo di. ignoti». Perché ambiente - conclude Giulia Maria Crespi - significa anche nodi giganteschi e di ardua soluzione come, ad esempio, lo smaltimento delle scorie nucleari. Ancora una notazione (politica), a questa festa di battesimo: la legge in base alla quale, finalmente, si dovrebbe escludere che i beni culturali ricadano nella norma del silenzio assenso legata al condono edilizio: «So che è questione di ore, ma sono come San Tommaso, il mio plauso arriverà solo quando sarò sicura che il consiglio dei ministri avrà davvero deliberato».
Ed ecco ritornare il momento del passo felice: quello tra opere d'arte e luoghi che manifestano tutta la loro forza, quando possono essere vissuti e non solo ammirati. Come, appunto, accade per le tradizionali Giornate di Primavera del Fai che, nelle scorse edizioni hanno garantito l'apertura di 2700 monumenti con oltre tre milioni di visitatori. E' un itinerario, quello del 2005, punteggiato di novità. Quattro, forse, le più significative - anche se il pulviscolo di proposte è ricco di monumenti inconsueti, luoghi curiosi, temi affascinanti -: il grattacielo Pirelli, considerato con il Duomo, uno dei simboli di Milano; la Spezieria di Santa Maria della Scala a Roma, un gioiello nascosto nel convento dei carmelitani scalzi che conserva preziosi arredi settecenteschi; la Lanterna dei Montorsoli a Messina, realizzata nel '500 per aiutare i naviganti che affrontavano l'insidioso gorgo «Calofaro»; Ca' Dario a Venezia, magnifico palazzo rinascimentale che vibra d'una leggenda oscura: tutti i suoi proprietari sarebbero morti in modo violento.
Accanto ai castelli e alle dimore dove ha abitato la storia, l'iniziativa propone, però, anche itinerari completi e complessi: lungo i luoghi della salute in Emilia Romagna, ad esempio, alla ricerca delle strutture antiche e moderne legate alla storia della medicina, o all'interno dei Palazzi del Sapere che, a Brescia, sono sede dell'Università. E viaggi nella devozione, che mostrano quando la fede si fa bellezza tra luoghi di culto di Gorizia o ci riportano indietro di millenni, facendoci attraversare la Sabina Romana con l'emozione della Rieti sottorranea, delle terme di Clotilia e della grotta dei Massacri.
La mappa del bello ha mille colori, sgargianti contaminazioni di forme d'arte e d'artigianato nobile o evocativo: il profumo della «Sala dei fuochi o della cottura delle anguille» a Comacchio, i suoni della casa di Secondo Casa-dei, l'inventore del liscio, a Savignano sul Rubicone, o quelli della Sala da Ballo dello stabilimento Spiaggia D'Oro a Imperia, punto d'incontro entrato nel costume d'una intera città.
Un elenco lungo quanto la Penisola. È sufficiente puntare a caso il dito per far materializzare una suggestione: come la strepitosa architettura della cittadella di Alessandria giunta pressoché intatta dal 1700, o la Mole vanvitelliana di Ancona, che è stata, via via, nei secoli, batteria a difesa del porto, lazzaretto, monopolio tabacchi sino a diventare, oggi, cornice di mostre ed eventi culturali.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news