LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Il 5 maggio la presentazione in discussione le aree degradate
SIMONA POLI
GIOVED, 28 MARZO 2013 LA REPUBBLICA -- Firenze



Secondo il documento sono bloccate, invece i sindaci vorrebbero toglierle


Per ogni zona si dice quali interventi sono permessi e a quali condizioni

Una grande carta della Toscana appesa alla parete nella stanza di Fabio Zita. Rappresenta la "mappa dei vincoli" e accanto a quella ce n unaltra della sola area Firenze-Prato-Pistoia che evidenzia anche attraverso una serie di colori i vari "strati" del territorio, fiumi, campi coltivati, aree urbane, colline, montagne, autostrade. Il territorio lo si pu guardare anche cos, in trasparenza, come se fosse costruito attraverso una sovrapposizione di pellicole di vita, attivit umane e naturali, insediamenti industriali in parte abbandonati.
Anche le aree degradate sono inquadrate in una nuova prospettiva dal Piano del Paesaggio. Il decreto 42 del 1994 d alle Regioni la facolt di individuare aree degradate da recuperare e proprio su queste aree i sindaci - che il 5 maggio incontrano Rossi per discutere la bozza del Piano - chiedono che i vincoli siano allentati o azzerati del tutto. Rientrano in queste aree ex siti industriali da bonificare (Livorno e Massa ne hanno), cave abbandonate (come San Giuliano), zone colpite da frane e alluvioni, terreni vicini alle autostrade.
La Toscana stata divisa dai tecnici della Regione in venti ambiti per cui si elencano indicazioni approfondite e dettagliate a cui Comuni e singoli cittadini dovranno attenersi. Per ognuna delle aree tutelate poi stata costruita una scheda che elenca normativa, direttive (per la pubblica amministrazione), prescrizioni (per i cittadini). Si parla pi di possibilit di interventi che di divieti, si dice quali trasformazioni vengano ammesse e a quali condizioni. I Comuni avranno due anni per controllare che i loro piani strutturali siano compatibili col Piano paesaggistico.
Prendiamo ad esempio San Gimignano, un luogo famosissimo considerato uneccellenza di armonia tra territorio, ambiente e patrimonio culturale e architettonico. Il Piano tutela la bellezza del luogo a tutto tondo: dalla campagna si devono poter ammirare le torri medievali, dal paese si deve poter ammirare la campagna circostante. La scheda parte dai quattro valori fondamentali: struttura idrogeomorfologica, ecosistema ambientale, struttura antropica, elementi della percezione visuale. In pi tiene conto della presenza di siti archeologici, boschi, parchi protetti, corsi dacqua, insediamenti contemporanei, coltivazioni, viabilit e infrastrutture. Bisogna tutelare, si legge nel Piano, lintegrit percettiva, la riconoscibilit e la leggibilit del centro murato di San Gimignano, come emergenza storica e urbanistica di alto valore iconografico, lintegrit percettiva delle mura duecentesche e del singolarissimo ambiente della "citt turrita", che emerge visivamente tra i rilievi collinari pi bassi dominando visivamente gran parte della valle. Quasi una poesia.
(s.p)



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news