LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Il Comune non venda quella cava
GIOVED, 28 MARZO 2013 IL TIRRENO -- Massa - Carrara



Associazione ambientaliste contro lamministrazione Pucci per aver messo a gara la concessione Filone Fondone




MASSA Ambientalisti sconcertati. E polemici con lamministrazione guidata da Roberto Pucci. La pietra dello scandalo la decisione di dare in concessione a prezzo irrisorio, tra laltro la cava Filone -Fondone , una cava chiusa nel 2009 perch il Parco aveva imposto la rimozione di un vasto ravaneto e scarico di detriti che ha completamente occultato il canale. Una cava il cui legale rappresentante era allora di nazionalit inglese e ben pochi, e probabilmente neppure massesi, erano gli operai impiegati, sottolineano in un documento le associazioni Amici delle Alpi Apuane di Montignoso, CAI Massa, Italia Nostra Massa e Montignoso, La Pietra Vivente, No al traforo della Tambura, Salviamo le Apuane A Pucci le associazioni imputano anche di aver riaperto, durante il mandato, le due cave Valsora e Valsora Palazzolo chiuse dagli anni '90, situate in una zona protetta sia dal Codice dei Beni Culturali sia dalle normative Regionali (cave di cresta) ed Europee (zone a vincolo perch rientranti in Rete Natura 2000), normative in questo Comune regolarmente disattese (vedi Focolaccia e Padulello). Due cave, le Valsora, oggi in attivit, mentre un progetto del 1999, opera dell' architetto finlandese H. Siren, approvato dalla Regione Toscana, prevedeva un grande spazio aperto recuperato, di indubbio richiamo turistico, come sottolineava l'allora Dirigente della Regione Toscana, arch. A. Nuzzo. Gli ambientalisti chiedono al sindaco di fermare quest'ultima concessione, Filone-Fondone, che grazie ad un atto da te promosso e avallato da un consiglio comunale poco attento alle normative e soprattutto alla tutela dell'ambiente (atto 47 del 15/5/1996), verr ceduto a breve, a trattativa privata, di non depauperare per pochi euro un patrimonio che appartiene alla Comunit. Concedere questa cava oggi, con la normativa vigente che risale al 1846 e che non hai modificato nei decenni in cui sei stato Sindaco, nonostante te lo imponesse la normativa Regionale fin dal 1995, significa che il concessionario ne entra in possesso e pu venderla, subaffittarla e lasciarla in eredit, espropriando in questo modo i cittadini di un loro bene. La domanda cruciale: si possono alienare per 50.000 euro 187.000 mq di cava? Al di l di questa cifra, o forse di una somma ancora inferiore, che cosa entrer annualmente nelle casse del Comune? Poche centinaia di euro di locazione? Qualche decina di migliaia di euro per i marmi estratti, marmi -che come puoi immaginare- non passano tutti dalla pesa pubblica? - si chiedono gli ambientalisti - Tu stesso hai ripetuto in diverse occasioni che il ricavato economico del Comune irrisorio, irrisorio soprattutto -aggiungiamo- di fronte all'assurda devastazione di un patrimonio non riproducibile - si insiste nel documento - E allora, in cambio di briciole, che cosa offri ai cittadini che ti hanno eletto? Ancora un disastro ambientale, un concreto pericolo per le acque e le sorgenti, un aggravio della fragile condizione geologica che sotto gli occhi di tutti, basta guardare le cave della Rocchetta che continuano a franare, e regali un passaggio continuo di automezzi inquinanti ai cittadini di Forno che tanto hanno gi dato. Ci vergogniamo di essere il solo paese in Italia (non ci possiamo certo definire citt) in cui per una strana, neghittosa volont delle Amministrazioni, siamo fuorilegge, perch utilizziamo la legge di uno stato pre-unitario (1846) che tutela i privilegi del singolo e calpesta i diritti di tutti, con grave danno erariale. Le associazioni tornano poi a polemizzare con il sindaco per il caso delle cave Padulello e Focalaccia. Caro sindaco, il tuo "proclama" di chiusura del Padulello e della Focolaccia, cos ci sentiamo di definire la delibera di Giunta di ottobre scorso, subito disatteso nel caso del Padulello , nonostante che la normativa e il principio di precauzione ti consentissero di chiuderlo, essendo in diretto collegamento con le sorgenti di Frigido a Forno, resta uno specchietto per poche allodole, se non ti fai nel contempo promotore attento e insistente per chiedere al governatore Rossi di accogliere questa richiesta. I 30.000 mq di Tambura dove sorge dal 1902 il rifugio Aronte sono stati illegittimamente concessi, nonostante non fossero mai stati classificati agri marmiferi, a concessionari forestieri (libanesi, con amministratori siriani), e questo non l'unico caso di territorio di propriet comunale concesso dai tuoi uffici in spregio alla normativa vigente. All'invito della Regione a modificare il piano acustico della zona Padulello- Focolaccia , classificato dai tuoi tecnici area industriale (!), hai risposto che non l'avresti fatto perch la Giunta aveva proposto di chiudere quelle due cave. E' perci al presidente Rossi che ci rivolgiamo contemporaneamente, affinch cessi l'alienazione di beni pubblici a vantaggio di un singolo imprenditore, spesso forestiero, e si provveda al pi presto ad adottare una normativa che risponda ai dettami delle leggi Regionali e soprattutto della nostra Costituzione.



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news