LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Montanari, Firenze, il peso del passato. E qualche idea per cambiare
Corriere Fiorentino 24/3/2013

Un pamphlet con alcuni brani gi pubblicati sul Corriere Fiorentino contro la retorica del Bello che copre lo sfruttamento delle citt d'arte, ma anche un manuale di resistenza per ricordarci che la funzione civile del patrimonio storico e artistico uno dei principi fondanti della nostra democrazia. Non fa sconti a nessuno Tomaso Montanari nel suo nuovo libro Le pietre e il popolo. Restituire ai cittadini l'arte e la storia delle citt italiane da domani in libreria edito da minimum fax. Tra le tappe del viaggio in Italia dello storico dell'arte fiorentino c' lo showroom Venezia, c' Roma dove si delira di piste di sci al Circo Massimo e c' naturalmente Firenze, dove si affittano gli Uffizi per sfilate di moda e si traforano gli affreschi del Vasari alla ricerca di un Leonardo inesistente. Per gentile concessione dell'autore pubblichiamo un brano del suo libro.

Una barriera invisibile separa la Firenze del passato (il centro) dalle possibili incubatrici di futuro, l'altra citt, culturalmente (e non solo) abbandonata a se stessa. Appena qualcosa esce dalla cerchia dei viali sembra uscire dai radar della citt: l'universit, a Firenze, non ha mai contato molto, ma da quando una parte consistente delle facolt si trasferita nei quartieri periferici di Novoli e Sesto, diventata ancora pi irrilevante.
Eppure basterebbe poco. Basterebbe un'idea. Il Louvre ha appena aperto una sede a Lens, nel nord della Francia, sul sito di una vecchia miniera di carbone: una folle scommessa, l'ha definita Franois Hollande nel dicembre 2012. Ma una scommessa carica di futuro, con una visione che lega il patrimonio artistico non al marketing passivo della rendita turistica, ma al riscatto sociale e civile di un territorio depresso economicamente e culturalmente.
Il policentrismo italiano renderebbe ovviamente assurdo portare gli Uffizi a Scampia. Ma non sarebbe assurdo portare gli Uffizi in una delle periferie pi estreme di Firenze. La malintesa voglia di modernizzare Firenze ha spinto a dare una pennellata di contemporaneit agli Uffizi indicendo un concorso internazionale per una uscita monumentale che ha visto vittorioso Arata Isozaki con un progetto che eufemistico definire deludente.
Ma invece di impiegare decenni per mettere alla fabbrica vasariana un disdicevole cappello, si sarebbe potuto (e si potrebbe) commissionare ad un grande architetto contemporaneo un nuovo e grande museo in cui esporre permanentemente una parte delle opere degli Uffizi: quelle dei depositi, ma anche alcune di quelle esposte (per esempio quelle entrate nel corso dell'Ottocento). In un'epoca in cui il noleggio ad ore in tutto il mondo sembra l'unico destino delle opere d'arte dei musei fiorentini sarebbe rivoluzionario sdoppiare il museo nella stessa citt, affidando a questi secondi Uffizi una missione letteralmente civica, cio di costruzione della citt e dei cittadini. Un museo del genere potrebbe essere tutto quello che gli Uffizi non potranno mai essere a casa della loro storia, e della superba architettura vasariana che li contiene. Potrebbe avere un grande auditorium e veri ristoranti, potrebbe avere una parte interamente dedicata ai bambini, e accogliere concerti. Potrebbe avere, pi banalmente, un grande parcheggio, e prevedere l'ingresso gratuito dei fiorentini. Potrebbe essere un museo per i cittadini, per la loro vita quotidiana e per il loro futuro: non una macchina da soldi per turisti.
Si tratta solo di una delle mille, possibili idee per rimettere in connessione il patrimonio e la citt, e soprattutto per collegare il patrimonio non al passato, e al suo sciacallaggio, ma alla costruzione del futuro. Ma a Firenze il futuro oggetto di una rimozione collettiva: come si compreso, clamorosamente, durante il dibattito sulla moschea.
Nel settembre 2010 l'imam fiorentino Izzedin Elzir present un progetto per una moschea (che a Firenze non esiste: si prega nei garages). Guardandolo, impossibile non pensare ad una pagina dei Minima moralia di Adorno: accade spesso di notare in studenti neri di economia politica, siamesi che frequentano l'universit di Oxford... la tendenza e la disposizione ad associare all'appropriazione di ci che si apprende via via, e cio del nuovo, un rispetto eccessivo per tutto ci che consacrato, valido, e riconosciuto... Bisogna avere la tradizione dentro di s per poterla odiare veramente, e fino in fondo. Il progetto, infatti, una versione postmoderna e superkitsch della facciata albertiana di Santa Maria Novella, fiancheggiata da due minareti che sembrano riduzioni romaniche del Campanile di Giotto. Insomma, sembra di essere nell'imbarazzante Outlet di Barberino del Mugello, che una specie di Las Vegas dell'architettura storica fiorentina, o meglio una sublimazione della percezione attuale del centro storico di Firenze. E se il movente abbracciare e far proprio ci che consacrato, valido, e riconosciuto, a Firenze non si pu che pensare ad una moschea neo-rinascimentale. Ma la comunit islamica non aveva messo nel conto le dimensioni monumentali del progetto: e la levata di scudi fu unanime.
L'arcivescovo Betori (il quale, semplicemente, avrebbe dovuto tacere, visto che l'imam non si occupa della costruzione di nuove chiese) sillab che sarebbe stato meglio non pensare ad una grande moschea, ma a tanti piccoli luoghi di preghiera, possibilmente senza minareto: insomma, l'importante che l'Islam a Firenze non sia visibile. Assai pi mediatico, ovviamente, il sindaco Renzi, che dopo la petizione di principio politically correct ( giusto che a Firenze la moschea possa essere fatta: un luogo in cui si prega non pu far paura), mise subito le mani avanti: al momento non c' un progetto, non c' un'ipotesi di lavoro. E soprattutto: Non vedo spazi nel centro storico di Firenze per farla, in questo momento.
Ecco il punto: in centro, no. A Firenze conta solo quello: e quello intoccabile. O meglio: ci si possono fare speculazioni edilizie, si possono espellere le librerie o costruire facciate michelangiolesche. Tutto quello che funzionale alla servit del turismo e alla rendita del passato. Dunque non la moschea, pericolosamente carica di futuro: ed ecco il morto che prende il vivo, e lo trascina con s.



news

21-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news