LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIVORNO- la variante sulle colline ci preoccupa
GIOVEDÌ, 21 MARZO 2013 IL TIRRENO -- Livorno



In riferimento alle linee programmatiche di fine mandato presentate dal segretario del Pd al sindaco, ci permettiamo, pur essendo all’opposizione, di fare una riflessione sulla variante anticipatrice delle colline, che rischia di compromettere ulteriormente la futura discussione sul piano strutturale, visto che l'attuale Giunta non ha né il tempo né il consenso per dare avvio al procedimento (doveva essere cominciato nei primi 100 giorni del mandato 2009/2014, ma il sindaco con una serie infinita di ritardi ha realizzato ben poco). La discussione ripresa ieri dal segretario Yari De Filicaia, e partita con l'ex-assessore Mauro Grassi, sulla variazione della normativa urbanistica vigente per le aree classificate come “orti” ci preoccupa moltissimo. Dopo una discussione che si è protratta per mesi, completamente sganciata dagli obiettivi del piano strutturale, la proposta che è stata avanzata dalla giunta sembra ripetere gli stessi errori. Il Pd vuole riprendere quell’idea oppure nel rispetto della normativa regionale sugli annessi agricoli vuole far qualcosa di nuovo? La proposta all’epoca di Grassi partiva dall’ipotesi che il possesso di un micro lotto attribuisca comunque il diritto a edificare, seppure con destinazione agricola amatoriale (?), ma finirebbe con annullare il potere di regolamentazione dell'estensione dell’edificato delle pubbliche amministrazioni e, nel caso specifico, coprirebbe la fascia pianeggiante extra-urbana e le pendici collinari di un immenso reticolo di micro lotti con costruzione annessa. La norma sulla dimensione fondiaria minima dei lotti in caso di frazionamento non può comunque avere valore retroattivo, finendo col tramutarsi in mera dichiarazione nelle realtà Limoncino, Puntone e le Macchie, dove questo fatto ha portato la polizia giudiziaria a ipotizzare anche la lottizzazione abusiva. Il micro frazionamento riguarda poi tutta la fascia extra-urbana che dal Cisternino si dirige verso Montenero. La cancellazione di fatto della destinazione agricola dalle norme di programmazione del Comune, che avrebbe permesso da subito di regolamentare sia l'attività agricola d'impresa che quella amatoriale. Sel ritiene che si debba partire dagli obiettivi che la programmazione urbanistica di Livorno si dava per quelle zone: la riqualificazione ambientale di aree contemporaneamente a ridosso della città e delle colline, gravemente compresse dal degrado conseguente all'abbandono dell'attività agricola e all'abusivismo edilizio. Questo obiettivo non è stato raggiunto prevedendo che i piani di riqualificazione ambientale fossero pubblici; per questo proponiamo che qualsiasi intervento passi da Piani di riqualificazione ambientali di iniziativa privata, che riguardino microambiti omogenei, dove l'intervento consorziato dei privati indichi gli interventi di risanamento idraulico e geologico, di rinaturalizzazione del microambito nonché di infrastrutturazione minima del microambito. Questo piano, se approvato dall'amministrazione, consentirà la realizzazione di annessi agricoli in legno di mq. 14,00 per i lotti di dimensioni maggiori a mq. 1.500, che poggino su battuto. Per i lotti esistenti di dimensioni inferiori, l'approvazione del piano autorizzerà l'installazione di box di dimensione mt. 2,00x2,00 e altezza massima non superiore a mt. 2,50. Le nuove recinzioni da realizzare dovranno prevedere la schermatura con vegetazione tipica della nostra macchia. La realizzazione dei Piani dovrà essere accompagnata dalla sottoscrizione di atti unilaterali d'obbligo da parte della proprietà che garantiscano la destinazione attuale dei fondi, prevedendo dall'atto i meccanismi di calcolo della penalità in caso di violazione dell'obbligazione. Qualsiasi altra proposta significherebbe l'aumento del carico urbanistico in maniera insostenibile in termini ambientali, ma anche difficilmente sostenibile dall'amministrazione in termini finanziati per le conseguenze che avrebbe sull'estensione della rete di urbanizzazioni. Un'idea scellerata, ancor più scellerata visto i danni dei mesi passati in cui il maltempo ha seminato danni nella nostra Regione. Da parte di tutti, non solo degli ambientalisti, si lanciano strali contro la cementificazione dei suoli e ci risultano essere negli 8 punti di Bersani nel suo programma di Governo.

Andrea Ghilarducci coordinatore Federazione provinciale di Livorno Sel Andrea Cionini responsabile Forum Ambiente e territorio Sel



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news