LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torre del Greco. Riapre la casa di Leopardi
Mariella Romano
Il Mattino, 14 marzo 2005

Un polo culturale a Villa delle Ginestre
Nella dimora di Torre del Greco ricostruita la stanza da letto del poeta. Martusciello: sarà inserita in un percorso turistico

Tanto l'amava, tanto ne soffrì, Giacomo Leopardi. Per il poeta di Recanati il palazzetto rurale sulle pendici dello «sterminator Vesevo» - riaperto ieri al pubblico e destinato a diventare centro internazionale di studi leopardiani - fu delizia e poi croce. L'aria salubre della primavera alle falde del Vesuvio, gli regalò l'ultima stagione serena della sua vita. Il rigido inverno trascorso pochi mesi più tardi nella stessa casa di campagna che gli ispirò i versi della Ginestra, contribuì a minare la cagionevole salute, fino a condurlo alla morte. E in quelle stanze che si scoprirono nefaste perché fredde e umide d'inverno, Leopardi ha lasciato indelebile l'impronta di sé. Una testimonianza ancora viva, recuperata alla memoria grazie al restauro della dimora settecentesca curato dall'Ente Ville Vesuviane. Ma oggi, grazie all'università di Napoli che ha messo in salvo i mobili, la casa che appartenne ai Ferrigni custodisce anche l'arredo originale della camera da letto del poeta. Parla, invece, della biblioteca, il latinista Arturo de Vivo, docente della Federico II: «Avremo presto finalmente in questa sede circa 6000 fra volumi e cimeli leopardiani (più di quanti non ne restino a Recanati che ne ha 4200, ndr), ceduti dallo storico Nicola Ruggiero. Questo potrebbe aiutarci a fare di Villa delle Ginestre un punto di riferimento degli studiosi che qui potrano consultare volumi di pregio». Un patrimonio di ricordi e di cultura che ieri, finalmente, dopo oltre quindici anni di degrado e abbandono, è stato restituito al pubblico con l'apertura ufficiale della villa. Un evento straordinario, anche perché accompagnato dall'ambizioso progetto di trasformare l'antica villa vesuviana in un centro studi e in una biblioteca leopardiana. Al primo giorno di apertura ufficiale della villa è intervenuto il sottosegretario ai Beni culturali Antonio Martusciello, insieme con il sindaco Valerio Ciavolino, il rettore dell'università Federico II Guido Trombetti, il direttore dell'Ente Ville Paolo Romanello e il commissario straordinario Giuseppina maria Oliviero, il presidente del Parco Vesuvio Amilcare Troiano e lo studioso Nicola Ruggiero che ha donato alla città seimila libri e preziosi cimeli di Giacomo Leopardi. Martusciello ha, dunque, inaugurato quella che ha definito la «seconda Recanati». Un'oasi ancora verde nella campagna vesuviana contaminata dal cemento dell'edilizia abusiva: un pezzo di storia che le istituzioni, a quanto pare, intendono difendere e valorizzare senza mezze misure. «Con l'apertura di villa delle Ginestre - dice Antonio Martusciello - si realizza la vera sinergia tra le istituzioni: l'Ente Ville e quindi il Governo, l'università Federico II, il Comune di Torre del Greco e i privati, con il preside Nicola Ruggiero, hanno contribuito in maniera determinante alla rinascita di questa struttura. Un momento importante che ci consente di valorizzare e dare il giusto risalto a un patrimonio dell'umanità». E mentre il Governo sta lavorando per far nascere la «Fondazione delle Ville Vesuviane», Paolo Romanello, direttore dell'Ente Ville fa bilanci e azzarda previsioni: «Sono 122 - dice - i siti vesuviani disseminati sul territorio e valorizzati in un percorso omogeneo. Per la dimora leopardiana contiamo di registrare, nel primo anno, almeno 15mila presenze. Sarà possibile visitare le stanze del poeta tutte le domeniche mattina. I gruppi potranno venire, su prenotazione, durante la settimana».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news