LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grandi mostre? Brescia diventi un esempio
Pierluigi Panza
Corriere della Sera Lombardia 12-03-2005

MILANO — Ad Andrea Kerbaker, amministratore delegato di Progetto Italia (società del gruppo Telecom) e scrittore che nei libri fa parlare gli oggetti («Diecimila. Autobiografia di un libro», «Settanta. Autobiografia di un film»), piace far parlare anche i numeri. E dall'alto dei numeri di spettatori che fanno i suoi Sermonti e i suoi filosofi in giro per l'Italia, difende anche le mostre dalle grandi cifre.
Cosa ne pensa delle esposizioni da 100 mila visitatori in su?
«Sono incondizionatamente favorevole ai grandi numeri e non condivido le critiche che vengono mosse, purché ci sia scientificità nella mostra e una ricerca, come mi sembra sia il caso delle esposizioni che si svolgono a Brescia. Se la qualità è alta, una più alta affluenza garantisce un buon risultato, e non vedo rischi. Non mi spaventa il grande numero».
Il grande numero è un fenomeno positivo? Conta più la doxa della critica?
«Non ne farei l'unico obiettivo di una iniziativa culturale. Ma la maggior partecipazione di pubblico che si registra in Italia per le letture di libri, i festival letterari e le mostre d'arte è un fenomeno positivo ed è un fenomeno aggregativo di massa».
C'è chi denuncia che sono operazioni di marketing...
«Non c'è nulla di male nel marketing della cultura. Solo se ci fosse un impoverimento o sciatteria scientifica sarebbe un problema. Sono da criticare mostre con attribuzioni non giustificate o con nomi che vengono utilizzati come specchietto per le allodole; ma non le mostre che fanno leva sulla curiosità del pubblico con curatori noti e competenti. Vedo il rischio, al contrario, nel sostenere iniziative che parlano esclusivamente agli addetti ai lavori».
L'insistenza sugli Impressionisti non le sembra proprio il classico specchietto per le allodole?
«Credo che gli Impressionisti funzionino anche come cavallo di Troia, come grimaldello per aprire una porta dove può entrare molto altro. Ad esempio, a Brescia credo che abbiano anche questo significato. Accanto agli Impressionisti molte altre rassegne proposte a Santa Giulia, così come inaltri luoghi, sono meno popolari e più di nicchia. Attraverso questo grimaldello altri artisti posso usufruire di maggiore notorietà».
Passiamo al ruolo di industriali e mecenati nel sostegno alla cultura. E1 vero che la sostengono solo se c'è un cosiddetto «ritorno di immagine»?
«E1 vero, è naturale. L'iniziativa che l'azienda propone deve avere un ritorno di immagine per l'azienda stessa, specie se è una s.p.a. Un'azienda coraggiosa può proporre, però, anche iniziative particolari. E' una scommessa anche il ritorno d'immagine, nulla è scontato».
All'estero gli sponsor come si comportano?
«Il rapporto con gli sponsor è vissuto con una naturalezza, direi, più anglosassone. E' un rapporto utilizzato con successo da anni e il pubblico è più abituato. All'estero c'è più impegno nel sostegno alla cultura da parte del singolo privato, anche per un diverso sistema di defiscalizzazione».
Quali iniziative culturali consentono un maggior ritorno, anche qualitativo, di immagine?
«La prevalenza va alle arti visive e alla musica, perché parlano di più all'anima della gente e sono accostabili alle attività di una azienda. Ma se si lascia alto il livello di qualità, la gamma è praticamente infinita».
Ma le esposizioni e le attività culturali devono avere una finalità prevalentemente ludica e divulgativa o educativa, come la scuola?
«Bisogna fare sistema. Una mostra è un'occasione da cogliere, perché mette sotto i riflettori determinati artisti e correnti. La scuola deve cogliere questa opportunità agendo insieme a chi organizza le mostre. Bisogna lavorare fianco a fianco. Non bisogna tuttavia dimenticare che la cultura è anche intrattenimento; anzi per molti secoli è stata intrattenimento e non esperien-za sacrale. Riallacciamoci anche a questa eredità per liberarci dall'idea che la cultura debba essere necessariamente noiosa».
Delle mostre che l'hanno particolarmente convinta?
«In agosto ero a Bilbao. Ho visitato il Guggenheim e le sue mostre. Ecco, credo che in questo caso noi si sia di fronte a un progetto culturale complessivo, che consente a una città di riposizionarsi e di costruirsi un profilo. Credo che anche Brescia questo lo abbia fatto, e che sia un esempio da imitare».
Una singola mostra che le è piaciuta?
«Come mostra mi è piaciuta quella di Anselm Kiefer, "I sette palazzi celesti" all'Hangar Bicocca di Milano».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news