LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari. Il futuro delle biblioteche
Emanuela Angiuli
Corriere del Mezzogiorno - Bari 17/3/2013

La Nazionale alla Cittadella della cultura e Santa Teresa dei Maschi a Bari Vecchia sono due realt in crisi, a cui ridare un'anima

Fra gli ipotetici cantieri destinati allo spettacolo, alla musica, alla drammaturgia e all'arte contemporanea di cui a Bari si discute da quasi venti anni, come scriveva Fabrizio Versienti sul Corriere del Mezzogiorno del 2 marzo, qualcosa stata nel frattempo realizzata. Fra le mura dell'ex macello comunale che ha preso il nome di Cittadella della Cultura, vive oggi la Biblioteca Nazionale Sagarriga Visconti Volpi. Appartata dal centro urbano, lungo un asse viario di fuga dalla citt, senza un'adeguata segnaletica n veloci mezzi di collegamento, qui sembrano materializzarsi le parole di Borges: la Biblioteca perdurer, illuminata, solitaria, infinita, perfettamente immobile, armata di volumi preziosi, inutile, incorruttibile, segreta. Dall'altro capo del mondo barese, nel pieno centro antico di largo San Sabino, appena al di l di strabordanti cumuli di immondizie, la Biblioteca provinciale di Santa Teresa dei Maschi rinata come biblioteca per le arti e la cultura, sfiorisce sotto la cupola dei carmelitani, proprio l dove libri, musica, teatro, cinema, si erano riempiti delle voci di artisti, scrittori, attori, musicisti, e il garrire delle rondini.
Bari anche questa, una citt smarrita fra continue improvvisazioni culturali, anche quando i granai del mondo - le biblioteche per Marguerite Yourcenar - potrebbero diventare campi rigogliosi, dalla semina al raccolto. Magazzini sono definiti infatti i locali adibiti a deposito dei libri, simili ai silos destinati in agricoltura alla conservazione dei cereali. Si tratta di locali non accessibili al pubblico, adibiti alle raccolte bibliografiche, dove ogni singolo documento diventa oggetto di catalogazione informatica per entrare a far parte di una rete virtuale che raggiunge ogni angolo del mondo. In Puglia, come altrove, si chiamano poli informatici, sui quali la Regione ha investito molte risorse proprio per rendere visibile alla conoscenza globale il patrimonio di scritture accumulate nel tempo sugli scaffali di grandi e piccoli Comuni. Baster a riportare i beni librari al centro della modernit o, come spesso si annuncia, alla crescita culturale delle comunit contemporanee? La sfida corre il rischio di trasformare le biblioteche da luoghi corali, zeppi di cervelli, cuori, mani, odori, sapori, in simulacri, resi afoni dall'assenza di mediazioni, dal silenzio del racconto, grande vena nella quale il filosofo Paul Ricoeur fa scorrere il tempo e la storia. Il tempo della rete in realt un eterno presente, che sterilizzando le connessioni fra il prima e il dopo, appiattisce i rapporti in un'unica dimensione, quella dell'orizzontalit.
E se il modello della sfida fosse quello della Biblioteca di Baggio, quartiere periferico di Milano? Qui si lavora con Animateca, progetto affascinante gi dal nome, una sperimentazione rivolta ai ragazzi con l'obiettivo di modificare lo stereotipo della biblioteca come rifugio di topi e aumentarne l'appeal verso gli adolescenti offrendo attivit innovative che ne stimolino il bisogno di protagonismo, l'immaginazione e la creativit. Si tratta insomma di offrire agli adolescenti, attraverso un uso consapevole delle raccolte e dei servizi bibliotecari, attivit di produzione culturale che prevedano l'uso dei libri e dei media come strumenti espressivi e di comunicazione, per realizzare e gestire rassegne e kermesse finali.
Nei granai delle nostre biblioteche spesso si trovano dei nidi, ha scritto Robert Louis Stevenson nei racconti per bambini: c'era una volta c'era un libro, e il libro era un nido, e nel nido era un uovo, e l'uovo era un drago, e il drago era una storia. A me successo di trovare un libro a Santa Teresa dei Maschi e il libro era un piatto di maccheroni e i maccheroni erano una storia da mangiare. Dentro quelle pagine ci hanno lavorato studiosi, studenti cuochi e studenti scientifici. Sui tavoli di lettura libri e manicaretti si sono insaporiti di storia, arte e musica da tavola di Rossini e Telemann. Pu dunque accadere ancora di entrare nelle nostre biblioteche come per un invito ai piaceri della cultura? Sembrano le linee sulle quali si indirizzano i progetti dei Sac regionali lungo le vie delle biblioteche del nord-barese e dell'area salentina di Lecce, dove una delle principali caratteristiche di innovativit affidata all'offerta di nuovi servizi, grazie alla co-gestione pubblico-privato, con la finalit di aumentare gli spazi di socialit e il livello di divulgazione culturale delle biblioteche comunali di Novoli, Cavallino, Melendugno con il Centro Rina Durante. A goderne saranno studiosi e ricercatori, ma soprattutto bambini, ragazzi, adulti, anziani, uomini e donne ai quali offrire, oltre la rete, i versi di Roberto Piumini: Sai leggere com': fastoso amore/ fra l'occhio e la parola/ fra la parola e la mente/ fra la mente e il ricordo/ fra il ricordo e l'immagine/ fra l'immagine e, semplicemente,/ essere, s, la dolce compagnia/ dell'infanzia splendente e generosa.



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news