LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Onlus, donazioni deducibili fino a 70mila euro
il Giornale 13-MAR-2005

Competitivita fa rima con beneficenza tanto che questo capitolo del decreto sulla competitivita viene anche definito «investimento con capitale umano». È quella parte del decreto che prevede la possibilità di dedurre le somme devolute alle Onlus (organizzazioni senza scopo di lucro) fino al 10 per cento del reddito complessivo purché non oltre i 70mila euro complessivi. Queste deduzioni saranno possibili solo a patto che l'ente beneficiario sia in grado di esibire conti in ordine e bilanci trasparenti. Se questi requisiti non saranno rispettati, le sanzioni previste per quella che si configurerebbe come un'indebita deduzione, raddoppieranno e gli amministratori della Onlus saranno chiamati a risponderne in solido con il soggetto che ne ha beneficiato. Fra le erogazioni che si potranno scalare dalla denuncia dei redditi (sia nel caso dell'Irpef sia in quello dell'Ires) sono comprese anche le donazioni a favore delle università e degli enti di ricerca.
Birra e liquori più cari per le misure sull'Iva
Dai tre centesimi a bottiglia di birra, fino ai 10 centesimi per quella di whisky. È questo il «range» dell'aumento che il decreto sulla competitivita approvato venerdì sera dal Consiglio dei ministri prevede per le accise sull'alcol il cui gettito (110 milioni per il 2005 e altri 110 milioni nel 2006) viene destinato alla stabilizzazione del regime Iva per l'agricoltura. In particolare l'aumento sarà di 10 centesimi per il whisky, 7 per gli altri liquori, 5 per il vermouth e 3 per la birra. In termini percentuali, visto il differente formato, il conto più salato sarà pagato dalla birra con un aumento a regime del 24 per cento. Annunciando il provvedimento il ministro delle Politiche agricole Gianni Alemanno ha sottolineato che questi rincari «portano il regime delle nostre accise ai livelli europei». Alla copertura dell'Iva speciale in agricoltura mancheranno comunque 20 milioni di euro che saranno a carico degli stessi produttori agricoli, rimodulando le aliquote di compensazione.
Sconti a chi sostituisce i vecchi elettromedestici
Energia più sicura e ambiente più pulito con provvedimenti a largo raggio ma a costo zero. Nel decreto sono previsti infatti interventi a favore del risparmio energetico, compresa la rottamazione dei frigoriferi e per estendere l'utilizzo del Gpl e metano per auto. I finanziamenti saranno a carico del ministero delle Attività produttive che potrà utilizzare come fondi parte degli introiti derivanti dalle multe comminate dall'Autorità per l'energia. Queste risorse potranno essere utilizzate per rafforzare la sicurezza della rete elettrica, per promuovere il risparmio energetico, ma anche per favorire la sostituzione di vecchie caldaie e vecchi condizionatori d'aria con impianti a maggiore efficienza energetica. Le maggiori entrate rispetto alla media di quelle riscosse nel 2003 e 2004 derivanti da sanzioni amministrative comminate dall'Autorità per l'energia sono destinate anche a promuovere interventi diretti a ridurre i consumi energetici delle piccole e medie industrie attraverso l'innovazione dei processi produttivi.
In dote alle piccole imprese una «cassa» da 460 milioni
Anche le piccole medie imprese che sono sprovviste di cassa integrazione potranno contare su qualche soldo in più. Sono 460 i milioni di euro stanziati per le casse integrazioni in deroga a favore di quelle aziende, appunto, prive di am-mortizzatori sociali. Molto più che un semplice aiuto, se si prendono in considerazione alcune cifre: la precedente finanziaria, ad esempio, metteva 310 milioni a disposizione delle piccole aziende del settore tessile e dell'indotto che gravito intorno alla Fiat. Resta intanto confermato il bonus da devolvere ai disoccupati che decidono di accettare un posto di lavoro ad almeno cento chilometri di distanza dalla propria residenza. L'assegno può essere quantificato in una mensilità «pronto cassa» nei casi di contratti a termine, mentre equivarrebbe a tre mesi di stipendio per i lavoratori stabili. Il provvedimento ha confermato anche l'incremento dell'indennità di disoccupazione.
Compensazioni sui Tfr: pronti i primi 20 milioni
Tre gli stanziamenti previsti in altrettanti diversi scaglioni da oggi fino al 2007. Sono i finanziamenti che, con il decreto sulla competitivita, lo Stato assegna in materia di previdenza sociale. Per il 2005 sono stati stanziati 20 milioni di euro che il prossimo anno arriveranno a 200 e nel 2007 toccheranno il tetto di 530 milioni. Con queste risorse verranno garantite le compensazioni alle imprese per la perdita delle quote di Trattamento per fine rapporto (Tfr) con i lavoratori dipendenti.
!l disegno di legge prevede anche la possibilità di utilizzare stanziamenti già previsti per finanziare l'avvio dei fondi di previdenza complementare della pubblica amministrazione. In altre parole si conferma il principio che anche per gli statali dovranno essere sviluppate forme integrative. Giro di vite invece per chi impiega il lavoro irregolare: 2mila euro di multa per ogni lavoratore in nero, più 50 euro per ogni giornata di lavoro da lui svolto.
Auto e moto, l'acquisto si fa anche senza notaio
Un semplice atto tra privati senza bisogno di ricorrere al notaio. Nel provvedimento sulla competitivita è passata anche una piccola grande rivoluzione che coinvolge quasi tutti gli italiani. L'articolo 3 del decreto legge stabilisce infatti che la registrazione dei veicoli nel pubblico registro automobilistico (Pra) d'ora in poi potrà essere effettuata, su richiesta del venditore, attraverso lo «Sportello telematico dell'automobilista» (Sta) previsto dall'articolo 2 del Dpr 19 settembre 2000, n. 358. In pratica, come ha chiarito l'autore della proposta, il viceministro dell'Economia Mario Baldassarri, per la compravendita di un'auto o di una moto, sia nuova che usata, «sarà sufficiente un atto tra privati. Servirà solo una firma autenticata. Anche se chi vuole potrà comunque andare dal notaio, ma non sarà più obbligatorio». Baldassarri ha escluso che il provvedimento possa avere conseguenze economiche negative per i notai il cui mercato «non si basa su queste cose antiquate. Ci sono atti molto più importanti».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news