LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Veneto. Crisi, il Tar: basta bloccare opere
Michela Nicolussi Moro
Corriere del Veneto 16/3/2013

Appello a comitati ed enti locali: non fate ricorso per cavilli

VENEZIA In tempo di crisi si trovi una mediazione tra enti invece che ricorrere alla magistratura amministrativa e bloccare le grandi opere. E' l'appello lanciato dal presidente del Tar Veneto, Bruno Amoroso, all'inaugurazione dell'anno giudiziario. Crollano i ricorsi dei privati.

VENEZIA In un periodo di recessione l'economia non ha certo bisogno di fermarsi davanti a nuovi semafori rossi, bens di trovare una spinta verso la ripresa. E in tal senso pu giocare un ruolo chiave la magistratura amministrativa, evitando di bloccare la realizzazione delle grandi opere con un'interpretazione troppo rigida delle norme, per optare a favore di una flessibilit intesa come proficua collaborazione tra enti pubblici, finalizzata a una soluzione extragiudiziaria. In parole povere l'invito di non ricorrere al giudice per cavilli burocratici capaci di bloccare per mesi un progetto, quando si possono risolvere mettendosi attorno a un tavolo.
E' l'auspicio con cui il presidente del Tar Veneto, Bruno Amoroso, ha aperto ieri a Venezia l'anno giudiziario: Il giudice amministrativo dev'essere consapevole della grave responsabilit che lo vede protagonista del progresso del Paese e compiere un rilevante mutamento del suo approccio tradizionale al contenzioso. Il bene comune oggi quello della crescita dell'economia e della salvaguardia dello stato sociale e dei livelli occupazionali e noi possiamo svolgere un ruolo costruttivo, rivedendo la scala dei valori. La magistratura non pu e non deve effettuare nessuna supplenza a fronte di incoerenze politiche e amministrative ha incalzato Amoroso sembra difficile giustificare che la decisione sulle sorti di grandi opere di interesse nazionale possa essere devoluta a un giudice a causa di contrasti tra enti pubblici o tra enti e privati cittadini, in presenza di una vastissima gamma di strumenti di conciliazione in sede extragiudiziaria. E' evidente che la disamina di legittimit di competenza del giudice possa comportare compromissione o ritardi nell'esecuzione di importanti progetti. Una volta che grandi amministrazioni abbiano deliberato programmi economicamente significativi per l'economia nazionale non ammissibile che minori centri di potere possano interferire, spesso con ottuse posizioni, nel processo esecutivo. E' quindi necessaria una pi intensa collaborazione tra le amministrazioni, una pi convinta condivisione degli scopi. Il Tar potr mediare tra i bisogni degli amministrati e i centri di potere, pur operando negli stretti limiti della legalit.
Amoroso punta insomma a una giustizia sensibile, capace di adeguarsi alle esigenze del momento, perch siamo tutti nella stessa barca e tutti insieme dobbiamo remare per non interrompere la crescita del Paese. E' la stessa ratio alla base della valanga di sospensive alla legge regionale che limitava le aperture domenicali concesse dal Tar alla grande distribuzione, prima di rimandare il giudizio finale alla Consulta. In tempi di crisi l'imprenditorialit va sostenuta. Assist colto al volo dal governatore Luca Zaia, buon cliente di Tar e Consiglio di Stato (con 444 e 160 ricorsi, l'80% dei quali vinto), preoccupato per una spending review raffazzonata che ci obbliga a tagliare le spese pubbliche, esponendo la Regione a un mare di ricorsi. Come quelli che fermano le opere pubbliche, tipo la Pedemontana, e allora mi domando perch il giudice non possa chiedere il danno erariale al cittadino che usa il ricorso per fini strumentali. Il ruolo del Tar non dev'essere soltanto quello della caccia all'errore delle amministrazioni, che non vanno viste come il nemico contro cui sparare ha rimarcato Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia . La nostra legge complessa, farraginosa, contraddittoria e l'onere della giurisdizione dare razionalit ad una normativa che troppo spesso mette le amministrazioni in condizione di difficile gestione delle loro funzioni.
Dietro ogni ricorso c' un bisogno concreto, ha sentenziato Amoroso, ma l'aumento dei costi legati alle pratiche oltre alla carenza cronica di giudici e personale che allunga i tempi ha fatto crollare quelli presentati dai privati dai 3801 del 2000 ai 1954 del 2012. E' difficilmente comprensibile quale possa essere una plausibile ragione di gravare di costi accessori i cittadini per accedere a una funzione essenziale, cui gi contribuiscono con le tasse, ha sottolineato il presidente del Tar. L'intento palesamente dichiarato del legislatore di scremare le pratiche, rendendole non alla portata di tutti ha rilevato Riccardo Alba, presidente dell'Ordine degli avvocati di Venezia . Per gli appalti poi, l'aumento al di fuori di ogni logica economica e denuncia l'intento perverso di disincentivare il ricorso al giudice amministrativo: solo di contributi per un appalto da 300 mila euro se ne versano 4 mila subito e 16 mila se si perde in appello. In campagna elettorale tutti i partiti promettevano di ridurre o eliminare l'Imu, ma non ho sentito nessuno proporre di ridurre i costi della giustizia. Rischiamo di garantirla solo a chi se la pu permettere, a scapito della povera gente ha osservato Zaia e non mi piace. Un notevole calo di ricorsi si rileva in tema di strumenti urbanistici e sul piano casa, soprattutto riguardo la prima abitazione, per l'orientamento di alcuni Comuni a porre ostacoli all'applicazione della norma regionale.



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news