LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I soldi gettati nello Stretto - Un dossier di Legambiente: le Ferrovie pagheranno 4 miliardi di euro per passare sul Ponte
C. Lania
il manifesto - 12 Marzo 2005

Oggi in piazza a Reggio Calabria e Messina

Le manifestazioni di oggi sono state convocate da un cartello di forze molto ampio. Per gli organizzatori si tratta della «più grande e vasta mobilitazione mai fatta contro il Ponte, che raduna associazioni di cittadini, dei consumatori, ambientalisti, comitati, amministratori comunali». L'appuntamento è alle 10 in piazza Garibaldi a Reggio Calabria, di fronte alla stazione ferroviaria, e alle 14 a Messina, nel piazzale della Stazione e nella vicina villa Quasimodo, dove si esibiranno gruppi musicali. Per aderire alla petizione popolare - che sarà presentata oggi nelle due manifestazioni - per dire no al Ponte e cancellare la «tassa sulle ferrovie», collegarsi a www.legambientesicilia.com oppure inviare un'e-mail a info@legambientesicilia.com.



ROMA
Chissà come sarà felice l'esercito di pendolari che tutti i giorni si danna la vita aspettando un treno. Un milione e duecentomila persone che ogni mattina, pioggia o sole, è costretta a percorrere il tragitto che lo separa dal lavoro su carrozze vecchie e maleodoranti, ma soprattutto sempre in ritardo. E chissà come saranno felici i macchinisti dei treni, quelli che scioperano invocando sicurezza per loro stessi e per i passeggeri e che invece sono costretti a viaggiare controllando a vista i binari, nella speranza di vedere in tempo se il semaforo è rosso perché sennò finisce come a Crevalcore, dove appena due mesi fa un treno di pendolari prese in pieno un merci che marciava nella direzione opposta facendo una strage. Chissà come saranno felici tutti nel sapere che, quando il Ponte sullo Stretto di Messina sarà finalmente finito, loro continueranno a fare la solita vita da schifo, ma in compenso i treni impiegheranno pochi minuti per attraversare il tratto di mare che divide la Sicilia dalla Calabria. E sì perché con i 100 milioni di euro che le Ferrovie si sono impegnate a pagare alla Società Stretto di Messina come canone annuo per 30 anni, si potrebbero - ad esempio - comprare 86 nuovi treni per il trasporto regionale, oppure mettere in sicurezza ben 400 chilometri di binari con un sistema automatico di frenatura (Scmt) che interviene in caso di mancato rispetto di un semaforo. Un sistema che avrebbe potuto evitare una tragedia come quella di Crevalcore. Quattro miliardi di euro, più di 100 milioni di euro l'anno per 30 anni. E' la «tassa» che, a partire dal 2012, Rfi dovrà pagare per poter passare sul Ponte in base a quanto stabilito nella convenzione firmata dal governo con la Società Stretto di Messina. A denunciarlo è stata ieri Legambiente chiedendo se davvero tanti soldi non si potrebbero spendere in maniera più utile. Scontata la risposta: «Prima del Ponte, ma molto prima c'è davvero tanto da fare» ha spiegato il presidente dell'associazione Roberto Della Seta, che ha ricordato come il 36% delle rete ferroviaria è ancora senza elettricità, mentre ben il 63% delle tratte è a binario unico. E la situazione è peggiore proprio nelle regioni meridionali. «Ma le priorità di investimento nei prossimi anni - ha proseguito Della Seta - sono quelle fissate dal Piano dell'Alta velocità ferroviaria, e rimangono solo le briciole per potenziare la rete esistente». La riprova è nei 6,4 miliardi di euro investiti nel 2004 nelle infrastrutture ferroviarie, ben 4 dei quali sono andati all'Alta velocità, che rappresenta appena un decimo delle rete, e solo 2,4 per tutto il resto.

Solo chi non conosce la situazione della rete ferroviaria italiana, spiega in un dossier l'associazione ambientalista, può pensare che il Ponte rappresenti davvero una priorità per i trasporti nel Mezzogiorno. Ben altre e ben più urgenti sono infatti per Legambiente le opere da mettere in cantiere. Oltre alla carenze già citate, basti gettare lo sguardo alla situazione dei collegamenti tra capoluoghi di provincia nel Sud Italia: 6 ore e 43 minuti è il tempo necessario per percorrere i 455 chilometri che separano Bari da Reggio Calabria (velocità media 67 km/h); 7 ore e 51 minuti per arrivare da Lecce a Catanzaro (385 chilometri, con tre cambi, a una velocità media di 51 km/h), per non parlare delle 8 ore e 15 necessarie da Ragusa a Palermo (308 chilometri, 3 cambi, 37 km/h) e addirittura delle 9 ore e 40 (con 4 cambi) necessarie per coprire i 370 chilometri che dividono Trapani da Siracusa a una velocità media di 38 chilometri all'ora.

Tempi da Medioevo dei trasporti, che pure vengono ignorati dal governo deciso a proseguire nella realizzazione del Ponte. Eppure, denuncia Legambiente, i soldi delle ferrovie potrebbero essere investiti in modo migliore. Due anni di tassa, ad esempio, sarebbero sufficienti a installare il sistema di frenata automatico (Scmt) sulle linee Lecco-Monza e Bergamo-Monza, oppure a potenziare la linea Mantova-Cremona-Lodi. Ma anche a completare il raddoppia dei binari sulla tratta Pacara-Foggia installando contemporaneamente anche lì l'Scmt, o realizzare il raddoppio della Caserta-Foggia. E un solo anno basterebbe a elettrificare e rendere più sicura la Potenza-Foggia, ma anche a comprare 86 nuovi treni per il nodo di Napoli. Solo esempio di quanto si potrebbe fare con quattro miliardi di euro che le Ferrovie si preparano invece a buttare giù dal Ponte.





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news