LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FANTASIA Treno più auto
G. Ragozzino
il manifesto - 12 Marzo 2005



Al contrario di tutti gli altri ponti di grandi dimensioni costruiti negli ultimi anni nel mondo, quello che dovrebbe unire dal 2012 Sicilia e Calabria è insiemeferroviario e stradale. Di solito si evita di mettere in luce questo aspetto, assai preoccupante. E' la prova della presa in giro. Vi è un progetto faraonico che non arriverà da nessuna parte. Una ferrovia che si intreccia con un'autostrada, infatti, moltiplica le difficoltà di costruzione e di successiva gestione, e mostra, se non altro, come si eviti di scegliere, cercando invece di accontentare tutti e di non doversi trovasre qualcuno di traverso (o di traversina). La limitatezza di spazio, ai due estremi del ponte e la scarsità di denaro, rende l'opera, se possibile, ancora più illogica. Ma si può pensare che la presenza contemporanea dei due sistemi di trasporto - binario e autostrada - abbia il solo scopo di disegnare per aria l'opera del secolo; e lì fermarsi, avendo conquistato la commessa per il progetto esecutivo.

Il doppio ruolo è infatti un non senso progettuale, e come tale una cosa unica, stupefacente, come quelle grandi macchine barocche che servivano per festeggiare i monarchi nel giorno delle regali nozze e che i nobili costringevano le popolazioni a pagare. La spiegazione del progetto ambivalente potrebbe insomma consistere nella pretesa di fare un'opera enorme, la più larga e pesante di ogni tempo: una delle sette meraviglie del millennio appena iniziato. Naturalmente, un ponte largo più di ogni altro consentirebbe una spesa imponente, un giro di appalti, consulenze e sbancamenti, prove e progetti assai contesi.

Qualcuno, più addentro alle scelte tecniche, ha insinuato che l'unico modo per tenere giù il ponte, senza farlo volare via, al primo vento un po' teso, era quello - appunto - di farlo molto pesante e perciò molto largo. E per giustificarne la larghezza, essendo ridicole otto o dieci corsie per ogni senso di marcia, si dovesse mettere in campo anche un doppio binario. Ma si può attribuire al progetto tanto buon senso?

Altri, aveva pensato che quella che un tempo era l'azienda delle Fs fosse stata invitata a partecipare al Ponte per poter mostrare un interesse politico (ed elettorale) nei confronti del ferro, a fianco del traffico su gomma e per coinvolgere il patrimonio, di ricchezze reali e di abilità tecniche riconosciute, del comparto ferroviario. Insomma, un Ponte smisurato sia per superare una scelta politicamente difficile, tra gomma e ferro, sia per impadronirsi comunque dell'accumulazione di questo secondo.La realtà oggi appare diversa. Oltre che azionista in procinto di spendere molto denaro, le ferrovie, infatti, dirottano denaro e competenze che sarebbero utili in altri punti della rete; anzi in ogni punto della rete. Tocca poi a loro un esborso di quattro miliardi in dieci anni per il diritto di far passare i treni sul Ponte. Un Ponte che hanno già pagato. Oltre al danno, la beffa:



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news