LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Trecase. L’immobile era stato costruito illegalmente in un’area a vincolo naturalistico. Ruspe nel Parco del Vesuvio demolita costruzione abusiva
CRISTINA ZAGARIA
VENERDÌ, 15 MARZO 2013 LA REPUBBLICA - Napoli




STOP alla colata di cemento che rischia di soffocare il Parco del Vesuvio. Le ruspe inviate dalla Procura generale della repubblica presso la Corte di appello di Napoli sono entrate in azione ieri mattina a Trecase, per demolire un manufatto abusivo edificato nella zona C2 del Parco. Una zona tutelata da vincoli naturalistici, paesaggistici e ambientali. Si tratta di un immobile di circa 45 metri quadrati, edificato senza titolo in ampliamento di un fabbricato
già esistente. L’operazione, coordinata dal sostituto procuratore Donato Ceglie, è partita grazie a una serie di accordi tra Procura di Napoli, Nola e Torre Annunziata, l’ente Parco nazionale del Vesuvio e i Comuni vesuviani.
Per iniziare a demolire, come da sentenza (ormai in giudicato), l’accordo prevede che il Parco metta a disposizione dei fondi resi disponibili dal ministero dell’Ambiente e finalizzate appunto agli abbattimenti. Dal canto loro le amministrazioni comunali si impegnano ad eseguire le demolizioni entro sei mesi, recuperando poi direttamente dai proprietari i soldi anticipati dal Parco. Le operazioni di abbattimento sono
un segnale, un deterrente per i nuovi potenziali pirati del cemento.
L’urgenza delle demolizioni arriva dai numeri: nella zona, peraltro ad elevato rischio vulcanico, si continua a costruire illegalmente. Nel 2012 l’ente ha emanato 49 ordinanze di demolizione e di ripristino dello stato originario: 16 a Somma Vesuviana, 9 a Terzigno, 7 a Trecase, 6 ad Ottaviano, 4 a Boscotrecase e San Giuseppe Vesuviano, 1 a Boscoreale e Sant’Anastasia. Se si va più indietro nel tempo i dati diventano ancora più allarmanti. «L’abusivismo edilizio rappresenta uno dei principali problemi cui l’Ente Parco deve far fronte nella sua or-
dinaria attività di gestione e di tutela del territorio. Basti pensare che dalla sua istituzione nel 1995 sono state emesse ben 1778 ordinanze di sospensione dei lavori e di riduzione in ripristino dello stato dei luoghi, con una media di circa 112 ordinanze all’anno» dichiara il direttore dell’Ente Parco, Gennaro Esposito. Dalla istituzione del Parco ad oggi sono stati elevati dal Corpo Forestale dello Stato circa 1930 processi verbali di sanzione amministrativa per le predette attività. Anche se su 112 ordinanze di abbattimento
l’anno, le demolizioni effettive, alla fine, non sono state più di una quarantina. Ora si riparte con una nuova serie di accordi tra istituzioni e un programma di abbattimenti più serrati. Le parole d’ordine sono: agire e riportare la legalità. Anche perché spesso dietro l’abusivismo edilizio nel Parco del Vesuvio si nascondono interessi legati al mondo della camorra. A Trecase, a conclusione dell’iter di demolizione e di acquisizione gratuita al patrimonio del Parco, rimane compito dell’Ente Parco la progettazione e la realizzazione di interventi di riqualificazione
ambientale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news