LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PALERMO Un mare dì milioni sul nuovo porto - Dai Cantieri a Sant 'Erasmo, ecco i progetti per merci e turismo
Paola Nicita - Massimo Lorello
La Repubblica, ed. Palermo 11/03/2005

Nino Bevilacqua, presidente dell'Autorità e superconsulente del Comune, illustra la ristrutturazione in cinque mosse


LA RISTRUTTURAZIONE del porto in cinque mosse. Anzi in cinque capitoli che comprendono progetti necessari e già avviati, come la bonifica della Cala, e progetti suggestivi ma sicuramente più difficili da realizzare, come il tunnel stradale che da piazza della Pace dovrebbe sbucare in viale De Gasperi. Il tutto per una spesa, tra fondi già stanziati e fondi da trovare, di almeno 400 milioni di euro (130 i milioni già certi e che saranno investiti). Nino Bevilacqua, superconsulente del Comune per le infrastrutture, da presidente dell'Autorità portuale ha presentato il piano di riqualificazione dell'approdo cittadino con interventi che si svilupperanno da Sant'Erasmo all'Acquasanta. Per la verità, in primo piano sono soprattutto opere già annunciate da tempo, ma l'elemento nuovo è il coordinamento unico delle opere e la divisione dell'area in quattro macrozone. «Per rendere più efficiente la struttura — dice Bevilacqua — sarà necessario separare il settore turistico, il diporto, la sezione merci e la cantieristica».
Porto turistico. L'obiettivo primario è recuperare l'area della Cala che ospiterà le imbarcazioni in nuove passerelle e attracchi. Per le opere di bonifica, che costeran-nounmilione775milaeuro, esiste già un progetto esecutivo. La prossima settimana andrà in gara la realizzazione con project financing del porto turistico di Sant'Erasmo: previsti 250 posti barca e un impegno di spesa di oltre 16mi-lioni di euro finanziati in parte dall'Unione europea. Già in fase esecutiva, invece, il progetto di creazione del Parco archeologico del Castello a mare, finanziato dal Pit con circa cinque milioni di euro.
Passeggeri e container. La zona centrale del porto sarà destinata al traffico da crociere e a quello delle navi Ro-Ro (porta container). Verrà ammodernata la stazione marittima, sarà riqualificato il molo SantaLucia e verrà costruito un nuovo terminal appunto per i container. La spesa prevista è di circa 34 milioni di euro.
I Cantieri. «È importante che ognuno lavori per il bene di porto nel suo complesso, ci guadagneranno tutti»: questa la premessa di Bevilacqua per schivare ogni possibile polemica sulla riorganizzazione dell'area destinata
Alla cantieristica. Il timore, espresso già in passato dai sindacati, è che venga ridotta l'area dei Cantieri navali per dare spazio alla macrozona commerciale. L'Ente porto replica annunciando il progetto per il completamento del bacino di carenaggio da 150 mila tonnellate nonché le opere per la deviazione del canale di Passo di Rigano e dei collettori fognari che sboccano all'Acquasanta e che danneggiano i Cantieri. Esiste già il progetto esecutivo e un finanziamento ex Agensud di quasi 11 milioni. Traffico merci. Sono in fase esecutiva alcuni progetti di sistemazione e ammodernamento delle banchine, mentre uno studio di fattibilità dovrà definire l'avanzamento del molo nord che ospiterà una nuova area operativa
. Previsto, per quest'ultimo progetto, un finanziamento da55 milioni di euro.
Intermodalità. Progettato un parcheggio sotterraneo per 400 posti, collegato alla stazione Porto dell'anello ferroviario. Grazie a un accordo con Rfi e Comune, l'area Sampolo diverrà un terminal in-termodale. Infine, con una strada sotterranea tra piazza della Pace e viale De Gasperi, dovrà essere risolto il problema dei tir che dal porto si dirigono alla circonvallazione. Un'opera da 180-200 milioni di euro. «Il progetto—dice il sindaco Diego Cammarata—punta a unire il porto e la città. Elimineremo la cancellata affinché dalla strada si possa vedere il mare».

In cantiere le "Officine"
Un capannone destinato agli architetti
UNO spazio per progettare il nuovo porto: è questa la mission delle "Officine di Architettura", il laboratorio della creatività architettonica made in Palermo dove prenderanno formai progetti per ridisegnare il porto. Il luogo sarà un capannone industriale che occupa una superficie di 400 metri quadrati, originariamente destinato al rimessaggio delle navi. Il capannone sarà immediatamente visibile dalla strada: il progetto è di Flavio Albanese, che avrà il compi-I to di coordinare l'Officina. «Entro giugno — dice Nino Bevilacqua, presidente dell'Autorità portuale il capannone sarà attrezzato per ospitare la realizzazione dei progetti. Stiamo recuperando anche una serie di proposte legate a un concorso di idee, realizzato qualche tempo fa. Idee per il porto che giungono da architetti palermitani.
II capannone sarà ristrutturato con il contributo di Ance Palermo, Panormoedil, CepimaeCpt: i progetti saranno valutati da un comitato scientifico composto da Nino Bevilacqua insieme con un board formato dagli architetti Dominique Perrault, Massimiliano Fuksas, Fulvio Irace, Flavio Albanese e dal sociologo Aldo Bonomi.
Al loro fianco opererà un comitato consultivo composto da otto membri delle istituzioni: Soprintendenza, assessorato comunale all'Urbanistica, ministero delle Infrastrutture, Genio civile opere marittime e Università. «Questa Officina — spiega Flavio Albanese — è una "zona franca" del pensiero architettonico: qui si progetterà, insieme con le energie creative del luogo, la nuova architettura della città. Il porto è un luogo simbolico di grande importanza: su questa idea di confine e limite si giocherà la sfida del futuro urbano».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news