LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa Pamphili, rubata la copia della fontana della Lumaca
E.Pa.
Corriere della Sera – Roma 10/3/2005

Stava lì dall'Ottocento, copia di un capolavoro non molto amato, almeno dal suo committente, il papa Innocenzo X.
La replica della Fontana della Lumaca è stata rubata da Villa Pamphili: ad accorgersene sono stati i volontari dì Italia Nostra, l'associazione che ora lancia l'allarme sulla scarsa protezione della Villa.
L'originale del gruppo con i tre delfini sormontati da una grande conchiglia, che per i romani fu da subito «la lumaca», si trova all'interno del Palazzo Pamphili. La fontana era stata creata intorno alla metà del Seicento per la sistemazione di piazza Navona voluta dal papa Pamphili. Che non l'apprezzò mai moltissimo (la trovava troppo piccola rispetto alla piazza) e dopo un anno decise di rimuoverlo e di regalarlo alla cognata, la celebre Donna Olimpia, in modo che rimanesse «in famiglia”.
«Villa Pamphili potrebbe diventare un'attrazione internazionale, se solo il Comune se ne occupasse - protesta Vanna Mannucci di Italia Nostra - invece su uno dei luoghi più belli e suggestivi di Roma non c'è un progetto unitario di gestione o un piano economico, manca una sorveglianza continua per
che i guardiani sono pochi. Furti e danneggiamenti non si contano più».
I suoi 187 ettari di superficie fanno di Villa Pamphili il più grande parco di Roma: per fare un esempio Villa Borghese ne copre solo 80. «Ormai sembra un parco naturale, ma in origine - continua Mannucci - era un giardino progettato in ogni singola parte. Ecco, se lo si ristrutturasse secondo i disegni originali, ne verrebbe fuori qualcosa
di unico». Italia Nostra ha presentato un progetto per la gestione della Villa all'assessore comunale all'Ambiente Dario Esposito («Finora è quello che ci ha dato più ascolto- spiega Mannucci - Ma se aspettiamo ancora non resterà più niente». «Sì, stiamo lavorando all'ipotesi di una Fondazione fra Comune e Italia Nostra per la gestione di Villa Pamphili - conferma Esposito - E' vero, c'è molto lavoro da fare. E le risorse contro forti e atti di vandalismo sono poche. Ogni anno spendiamo 500 mila euro per sostituire piante e panchine rubate o distrutte. Ma i soldi non bastano, mai»



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news